LE DONNE E LA PENSIONE: una statistica del 21 ottobre 2011

 

 

 

 

 

 

 

 

Nove milioni le donne con meno di 1.000 euro al mese

 

 

FTAOnline News, 21 Ott – 16:22 La differenza di retribuzione a parità di incarico tra uomini e donne è un grande difetto del mercato del lavoro italiano. Lo stesso problema – secondo una rilevazione dello SPI CGIL (il sindacato dei pensionati) – gli italiani lo vivono una volta abbandonato il lavoro, con la storia contributiva che pesa sull’entità dell’assegno pensionistico e condanna le donne a vivere con pensioni più basse di quelle assegnate agli uomini. In occasione dell’Assemblea delle donne del sindacato pensionati, lo SPI CGIL ha reso noto che nove milioni di donne vivono con meno di mille euro di pensione al mese, a fronte dei quasi 1.300 percepiti dagli uomini. In particolare il sindacato di Corso d’Italia rileva che circa 9 milioni di donne vivono con una pensione media di 961 euro, di queste ben 2.480.000 percepiscono appena 358 euro, 2.800.000 arrivano ad un massimo di 721 euro e 2 milioni a 792 euro. Tra quanti ricevono la pensione sociale, la maggior parte è costituita da donne (423.433 a fronte dei 131.511 assegni sociali per gli uomini). Lo SPI CGIL, inoltre, stima che 3.500.000 di percepiscano una pensione da lavoro, di queste circa 2 milioni si trovano nelle regioni del nord Italia, 700mila in quelle del centro e 850mila nel Mezzogiorno. Proprio al nord del Paese, le pensioni-rosa media risultano essere più basse (892 euro), che al Centro (962 euro) e al Sud (902 euro).

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *