FUORI TUTTE LE PADELLE CHE CI CONSENTONO DI CUCINARE SENZA O CON POCHI GRASSI? ALCUNE PRIME INFORMAZIONI

CORRIERE DELLA SERA

30 gennaio 2006


L’agenzia per l’ambiente: le padelle antiaderenti possono essere nocive
Teflon bandito entro il 2015 negli Usa
La DuPont, la 3M e altre sei grandi industrie dovranno ridurre la produzione del 95% entro il 2010. Poi eliminarla del tutto
NEW YORK – Le padelle di teflon possono essere pericolose per la salute. Lo ha stabilito l’Agenzia per la protezione ambientale statunitense (Epa) che ha chiesto alla DuPont, alla 3M e ad altre sei compagnie di eliminare un composto potenzialmente pericoloso dalla produzione di padelle da cucina antiaderenti. L’Environmental Protection Agency ha chiesto ai produttori di acido perfluoroctanoico (Pfoa) – sostanza utilizzata nella fabbricazione di utensili da cucina antiaderenti e di prodotti come il Teflon – di ridurne del 95% entro il 2010 emissioni e livelli; e di procedere alla loro eliminazione entro il 2015.
RIMBORSO DELLA DUPONT – Il composto è stato per molto tempo oggetto di controversia. Lo scorso anno, la DuPont ha accettato di pagare 85 milioni di dollari ad abitanti dell’Ohio e della West Virginia che le avevano fatto causa perché residui di Pfoa erano stati trovati nell’approvvigionamento idrico di un impianto della West Virginia. L’Epa ha detto che continuerà a studiare l’impatto della sostanza sulla salute dell’uomo per vedere se saranno necessarie ulteriori decisioni sul composto. «La scienza ancora sta valutando il Pfoa, ma la preoccupazione c’è. Ridurre al minimo i residui del composto è la cosa giusta da fare per il nostro ambiente e la nostra salute», ha detto Susan Hazen, viceresponsabile dell’ ufficio pesticidi e sostanze tossiche dell’Agenzia per la protezione ambientale Usa.
LA SOSTANZA INCRIMINATA – Secondo l’Agenzia, la sostanza può rimanere nel corpo umano fino a quattro anni, e piccole percentuali ne sono state trovate in un gran numero di persone. La DuPont ha fatto sapere che i suoi studi e quelli di ricercatori indipendenti mostrano come le pentole e altri prodotti fatti con suoi materiali sono sicuri. Inoltre – ha detto la multinazionale – fino ad adesso, non si conoscono effetti del Pfoa sulla salute umana. Tuttavia, test realizzati dalla 3M, il produttore originale della sostanza, hanno mostrato che elevati livelli di esposizione al composto possono causare, nei topi, danni al fegato e agli organi riproduttivi.
DAL SITO ALBANESI.IT, PEOPLE HIGH SPEED…
ch. forse una ditta che fabbrica padelle?
Per sapere veramente tutto sull’alimentazione 
Teflon
Copyright by THEA 2008-2012

Teflon è una delle tante denominazioni commerciali del politetrafluoroetilene (PTFE); quest’ultimo, una delle sostanze più scivolose conosciute, è noto infatti anche come FluonAlgoflonHostaflo.
Dal momento che Teflon è il termine più noto fra quelli che identificano il politetrafluoroetilene, nel resto dell’articolo utilizzeremo tale denominazione.
Prima degli opportuni trattamenti che ne consentono il successivo utilizzo, il Teflon è sostanzialmente una polvere inodore di colore bianco che non viene sciolta da alcun solvente.
La scoperta del Teflon risale al 1938, fu un chimico statunitense, Roy J. Plunkett (1910-1994) che, casualmente, lo “inventò” nel corso di alcune ricerche su dei gas ad azione refrigerante. Ovviamente, le caratteristiche e le proprietà di tale materiale non sono state immediatamente definite e ci sono voluti diversi anni prima che essere fossero totalmente chiare.
Il Teflon fu utilizzato nei sistemi radar durante gli anni della II Guerra Mondiale, ma si dovettero attendere ancora diversi anni prima che tale materiale fosse usato su grande scala.
Prima che la Food and Drug Administration (FDA) ne approvasse l’uso a contatto con gli alimenti, si dovette attendere il 1960.
Il Teflon è di fatto una materia plastica, liscia al tatto e resistente alle alte temperature, usata nell’industria per ricoprire le superfici sottoposte ad alte temperature e alle quali si richiedono una “antiaderenza” e una buona inerzia chimica. Le padelle da cucina definite “antiaderenti”, sono appunto ricoperte internamente di uno strato di Teflon.
Il Teflon non viene utilizzato soltanto per la produzione di utensili da cucina antiaderenti, ma anche per la produzione di valvole, guarnizioni, protezioni anticorrosione ecc. Lo si è usato inoltre per realizzare protesi per anca e ginocchio (ma questo utilizzo è ormai superato in quanto si sono trovati materiali più consoni), arterie artificiali e altre tipologie di impianti chirurgici.Ma gli utensili in teflon sono sicuri?

teflonLa risposta è sì. Al momento non vi sono evidenze che provino il contrario. I vari grassi che vengono utilizzati in ambito culinario (come i vari oli, il burro ecc.) bruciano, producendo sostanze tossiche, a temperature decisamente inferiori rispetto a quelle che occorrerebbero a far sì che il rivestimento in teflon si decomponesse. Nonostante ciò, i dubbi sulla sicurezza del teflon tornano periodicamente alla ribalta; uno dei motivi per i quali molti nutrono un certo timore nell’utilizzo di utensili rivestiti con il teflon è da ricercarsi nei risultati di uno studio di alcuni anni fa. Questo studio, effettuato nel 2004 dall’EPA (Ente americano per la protezione dell’ambiente), ha mostrato gli effetti cancerogeni dell’acido perfluorottanoico (PFOA), gettando in un ingiustificato panico gli utilizzatori di padelle antiaderenti. Ma cosa c’entra il PFOA con il Teflon? Presto detto. Tale sostanza si genera sia durante la produzione del Teflon (giustificata quindi la preoccupazione per l’ambiente) sia per ossidazione del Teflon a temperature superiori ai 300 °C. A questo punto si devono fare due considerazioni:
1) Esiste una profonda differenza fra il Teflon e le sostanze che vengono usate per ottenerlo. I problemi riguardano le emissioni di PFOA (acido perfluorottanoico) che le industrie riversano nell’atmosfera durante la produzione di Teflon. È come per la plastica del mouse che usiamo ogni giorno. Non è cancerogena, ma se le sostanze che vengono impiegate per ottenerla fossero riversate in un fiume provocherebbero un grave danno ambientale e salutistico.
Quindi bisogna distinguere fra PFOA usato per ottenere Teflon e poi scaricato nell’atmosfera e gas emessi dal Teflon durante la normale pratica culinaria. Sono DUE cose diverse. Il Teflon è sotto accusa perché per produrlo si “deve” inquinare.
2) Per quanto riguarda il prodotto in sé, il Teflon è stabile fino a 300 gradi, una temperatura che si raggiunge in cucina solo se si brucia ciò che si sta cucinando. Ma è ovvio che la combustione di qualunque plastica produca sostanze nocive.
Teflon: manutenzione e utilizzo degli utensili

I tegami rivestiti di Teflon sono notevolmente resistenti, ma non sono indistruttibili e si vuole che la loro durata sia massima è opportuno seguire determinate precauzioni nell’uso.
Per il lavaggio dei tegami in Teflon non è necessario sfregarne la superficie; è infatti sufficiente un lavaggio con acqua leggermente saponata. Non si devono assolutamente utilizzare detergenti abrasivi e nemmeno le pagliette in metallo o spugnette similari. Il lavaggio in lavastoviglie dei tegami in Teflon è certamente possibile, ma è consigliabile utilizzare un ciclo di lavaggio a una temperatura attorno ai 50 °C.
Infine, per scongiurare eventuali graffi nell’utilizzo, si dovrebbero utilizzare utensili in plastica o in legno e mai in metallo; non è per esempio opportuno tagliare un cibo direttamente nel tegame perché si corre il rischio di graffiarne la superficie finendo per rovinarla.


IL COMMENTO

Ma il Teflon è commestibile o no?

principio di precauzioneÈ vero che il Teflon brucia a 300 °C ma ogni volta che guardo le padelle che usiamo e vedo i “solchi” e i vari graffi mi chiedo: tutto quel Teflon asportato dov’è andato a finire? Quanto ne avrò mangiato e cosa mai potrà provocare? Forse è meglio utilizzare padelle tradizionali. Massimo.

Dunque: il Teflon non è nocivo. Lo sono:
a) certe sostanze impiegate per produrlo che le aziende produttrici disperdono nell’aria;
b) le sostanze che si formano per la combustione del Teflon oltre i 300 °C.
Quello che è vero per il Teflon è vero anche per moltissime sostanze: pensa al piombo e ai pallini da caccia. Se una persona, mangiando selvaggina, deglutisce un pallino, il pallino viene espulso senza problemi. Se invece tu assumi certi sali di piombo puoi rimanerne intossicato.
Una vecchia padella tradizionale può sviluppare sali dei metalli da cui è composta che sono molto più nocivi del Teflon o della plastica. Penso di avere risposto alle tue perplessità, ma nota come è penalizzante non sapersi dare delle risposte e applicare il principio di precauzione (Nell’immagine vediamo una “particolare” applicazione di tale principio): non so cosa può succedere e quindi mi astengo. Per vivere al meglio e non perdere opportunità è meglio sicuramente capire in ogni momento “cosa” può succedere.


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *