NEWS CALCIO: BASTA TABU’! INIZIA UN VERO DIBATTITO SULLA “DIVERSITA'” NEL CALCIO CHE PARTE DALL’OMOSESSUALITA’ PER ANDARE OLTRE E AFFRONTARE IL RAZZISMO. “A SPEREMU”! (non è rumeno ma dialetto ligure!)

 

DA CORRIERE.IT SPORT  2 MAGGIO 2012

 

Cesare Prandelli: «Basta ai tabù sull’omosessualità nel calcio»

L’appello dell’allenatore della Nazionale nella prefazione
al libro di Cecchi Paone e Flavio Pagano

 

 

IL CT AZZURRO

Cesare Prandelli: «Basta ai tabù sull’omosessualità nel calcio»

L’appello dell’allenatore della Nazionale nella prefazione
al libro di Cecchi Paone e Flavio Pagano

Cesare Prandelli, ct della Nazionale italiana (Fotogramma)

 

MILANO

 

«L’omofobia è razzismo, è indispensabile fare un passo ulteriore per tutelare tutti gli aspetti dell’autodeterminazione degli individui, sportivi compresi».

 

 

Lo scrive il commissario tecnico della Nazionale, Cesare Prandelli, nella prefazione del nuovo libro di

 

Alessandro Cecchi Paone e Flavio Pagano «Il campione innamorato. Giochi proibiti dello sport».

 

 

«LO SPORT RISPETTI L’INDIVIDUO»«Nel mondo del calcio e dello sport – continua l’allenatore azzurro – resiste ancora il tabù dell’omosessualità, mentre ognuno deve vivere liberamente sè stesso, i propri desideri e i propri sentimenti. Dobbiamo tutti impegnarci per una cultura dello sport che rispetti l’individuo in ogni manifestazione della sua verità e della sua libertà».

 

 

Il ct della Nazionale: «Basta tabù» IL LIBRO

Il libro di Cecchi Paone e Pagano racconta:

 

la storia dello sport mondiale attraverso il mondo privato e segreto dei grandi campioni del presente e del passato, chiarendo lo stretto legame che esiste fra felicità (o infelicità) sentimentale e sessuale e successo (o insuccesso) sportivo. Vengono rappresentate tutte le discipline: si va dal tennis al pugilato, dal nuoto ai tuffi, dal rugby al ciclismo e all’atletica. Ma per l’Italia al centro resta ovviamente il calcio. Tanto che, dice ancora Prandelli, «magari presto qualche calciatore farà coming out».

 

Redazione Online24 aprile 2012 | 17:38

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *