12-06-12 ORE 6:48 TAMMURRIATA NERA DEL NUOVO CANZONIERE POPOLARE: DEDICATO A CHI SOSTIENE CHE “SENZA GLI AMERICANI QUEI QUATTRO PARTIGIANI SCALZI NON AVREBBE FATTO NIENTE” E, SOPRATTUTTO, A CHI BLATERA DI GUERRA “NECESSARIA”: LO STERMINIO DI UN POPOLO IN SIRIA, L’ONU IMPOTENTE PER IL VETO DI RUSSIA E CINA… MA IN LIBIA CONTRO “L’INFAME GHEDDAFI”, AMICO DIFESO E FINANZIATO, PETROLIO E GAS (ARTICIOLO SUCCESSIVO DAL BLOG DEMATA) CI SIAMO ANDATI TUTTI! L’UNICA GUERRA NECESSARIA CHE CONOSCO E’ STATA QUELLA DEL POPOLO ITALIANO CONTRO FASCISTI E TEDESCHI O ALTRE GUERRE SIMILI COME QUELLA VISSUTA DALLO SCRITTORE NIGERIANO KEN SARO WIWA

 

 

(NAP

« È nato nu criaturo, è nato niro,
e ‘a mamma ‘o chiamma Ggiro »
(IT) 

« È nato un bambino, è nato nero,
e la mamma lo chiama Ciro »

 

Canzoni contro la guerra BLOG MOLTO INTERESSANTE CON TANTISSIME CANZONI CONTRO LA GUERRA DA CUI E’ TRATTO IL TESTO DI “TAMMURIATA NERA”

 

 

http://rosibi.blogspot.it/

copiate questo link (o “legame”?) e mettetelo su Google:

 

vedrete il blog DI TUTTO DI PIU’ …E NON SOLO,    BLOG CREATO IL 4 GIUGNO 2008…. da Rosaria

FATTO MOLTO BENE CON TANTE NOTIZIE DA NAPOLI ED ALTRO.  LA TRADUZIONE QUI PUBBLICATA E’ TRATTA DA QUESTO BLOG NONCHE’ I QUATTRO COMMENTI TRASCRITTI SOTTO.

 

 

 

 

TAMMURRIATA (“tamburellata”) NERA

Io nun capisco ‘e vvote che succere
e chello ca se vere nun se crere.
E’ nato nu criaturo, è nato niro,
e ‘a mamma ‘o chiamma gGiro,
sissignore, ‘o chiamma gGiro.

Seh, vota e gira, seh
seh, gira e vota, seh
ca tu ‘o chiamme Ciccio o ‘Ntuono,
ca tu ‘o chiamme Peppe o gGiro,
chillo ‘o fatto è niro niro, niro niro comm’a cche…

S”o contano ‘e cummare chist’affare
sti cose nun so’ rare se ne vedono a migliare.
‘E vvote basta sulo ‘na ‘uardata,
e ‘a femmena è rimasta sott”a botta ‘mpressiunata.

Seh, ‘na ‘uardata, seh
seh, ‘na ‘mprissione, seh
va truvanno mò chi è stato,
c’ha cugliuto buono ‘o tiro
chillo ‘o fatto è niro niro, niro niro comm’a cche…

E dice ‘o parulano, Embè parlammo,
pecché si raggiunammo chistu fatto ce ‘o spiegammo.
Addò pastin’ ‘o grano, ‘o grano cresce
riesce o nun riesce, semp’è grano chello ch’esce.

Meh, dillo a mamma, meh
meh, dillo pure a me
conta ‘o fatto comm’è ghiuto
Ciccio, ‘Ntuono, Peppe, gGiro
chillo ‘o fatto è niro niro, niro niro comm’a che…

Seh ‘na ‘uardata seh
seh ‘na ‘mprissione seh
và truvanno mò chi è stato
c’ha cugliuto buono ‘o tiro
chillo ‘o fatto è niro niro, niro niro comm’a cche…

‘E signurine ‘e Caporichino
fanno ammore cu ‘e marrucchine,
‘e marrucchine se vottano ‘e lanze,
e ‘e signurine cu ‘e panze annanze.

American espresso,
ramme ‘o dollaro ca vaco ‘e pressa
sinò vene ‘a pulisse,
mette ‘e mmane addò vò isse.

Aieressera a piazza Dante
‘o stommaco mio era vacante,
si nun era p”o contrabbando,
ì’ mò già stevo ‘o campusanto.

E levate ‘a pistuldà
uè e levate ‘a pistuldà,
e pisti pakin mama
e levate ‘a pistuldà.

‘E signurine napulitane
fanno ‘e figlie cu ‘e ‘mericane,
nce verimme ogge o dimane
mmiezo Porta Capuana.

Sigarette papà
caramelle mammà,
biscuit bambino
dduie dollare ‘e signurine.

A Cuncetta e a Nanninella
‘e piacevan’e caramelle,
mò se presentano pe’ zitelle
e vann’a fernì ‘ncopp’e burdelle.

E Ciurcillo ‘o viecchio pazzo
s”è arrubbato ‘e matarazze
e ll’America pe’ dispietto
ce ha sceppato ‘e pile ‘a pietto.

Aieressera magnai pellecchie
‘e capille ‘ncopp”e recchie
e capille e capille
e ‘o recotto ‘e camumilla…
‘O recotto,’o recotto
e ‘a fresella cu ‘a carna cotta,
‘a fresella ‘a fresella
e zì moneco ten”a zella.
tene ‘a zella ‘nnanze e arreto
uffa uffa e comme fete
e lle fete e cane muorto
uè pe ll’anema e chillemmuorto.

E levate ‘a pistuldà
uè e levate ‘a pistuldà,
e pisti pakin mama
e levate ‘a pistuldà.

 

inviata da Riccardo Venturi – 22/11/2004 – 01:42


 

Io non capisco a volte che succede,
che quello che si vede non si crede!
è nato un bambino, è nato nero
e la mamma lo chiama Ciro,
sissignore, lo chiama Ciro!

Rigirala come ti pare, seh,
Rigirala come ti pare, seh
che tu lo chiami Ciccio o Antonio
che tu lo chiami Peppe o Ciro
il fatto è che quello è nero, nero come non si sa che!

Ne parlano le donne di quest’affare:
“Questi fatti non sono rari se ne vedono a migliaia!
A volte basta solo una guardata
e la femmina è rimasta impressionata per il colpo!”

Seh, una guardata, seh
seh una impressione seh
vai a trovarlo adesso chi è stato
che ha fatto il tiro buono
il fatto è che quello è nero, nero come non si sa che!

Dice il contadino: “Su, parliamo,
perché se ragioniamo questo fatto ce lo spieghiamo!
Dove si semina il grano, il grano cresce,
riesce o non riesce sempre è grano quello che esce.”

Meh, dillo a mamma, meh
meh, dillo pure a me
che tu lo chiami Ciccio o Antonio
che tu lo chiami Peppe o Ciro
il fatto è che quello è nero, nero come non si sa che!

Seh, una guardata, seh
seh una impressione seh
vai a trovarlo adesso chi è stato
che ha fatto il tiro buono
il fatto è che quello è nero, nero come non si sa che!

Le ragazze di Capodichino
fanno l’amore coi marocchini,
i marocchini si buttano lancia in resta
le ragazze restano incinte (“con la pancia in avanti”).

American Express,
dammi il dollaro ché vado di fretta,
che sennò viene la Police
e fa quello che vuole lei.

Ieri sera in piazza Dante
avevo la pancia vuota,
non ci fosse stato il contrabbando
sarei già andato al camposanto.

Lay that pistol down, babe,
Lay that pistol down.
Pistol packin’ mama,
Lay that pistol down.
*

Le ragazze napoletane
fanno figli con gli americani,
ci vediamo oggi e domani
a Porta Capuana.

Le sigarette per il babà**
le caramelle per mammà,
il biscuit per il bambino
e due dollari per le segnorine.***

A Concetta e a Nanninella
gli piacevan le caramelle,
ora si presentan come zitelle,
e vanno a finire nei bordelli.

E Churchill, quel vecchio pazzo
si è rubato i materassi,
e l’America, per dispetto
gli ha fregato i peli dal petto.

Ieri sera mangiavo bucce
coi capelli sulle orecchie,
i capelli, i capelli
il decotto di camomilla,
il decotto, il decotto
e la frisella con la carne cotta
la frisella, la frisella,
e zi’ frate ci ha la rogna,
ci ha la rogna di dietro e davanti,
uffà, uffà come puzza,
gli puzza di cane morto,
all’anima de li mortacci sùi.

Lay that pistol down, babe,
Lay that pistol down.
Pistol packin’ mama,
Lay that pistol down.

22/11/2004 – 01:46

 

nota sulla traduzione (DAL BLOG DI ROSARIA):

 

Abbiamo qui lasciato “babà” per “papà” per conservare l’imitazione della “pronuncia del negro”.
Ricordiamo che le cosiddette “segnorine” erano le ragazze che, nell’Italia del dopoguerra, si prostituivano ai soldati alleati per pochi soldi, un fenomeno tipico non solo del dopoguerra italiano, ma di tutti i dopoguerra della storia, periodi di fame nera.

 

Perke’ e’ pur vero che gli americani ci hanno “liberato”,ma e’ anke vero ke gli stupro perpretrati dai soldati americani nn si sono mai raccontati,e tanto meno per un fatto prettamente culturale nessuna donna lo faceva……anche se poi alla fine della gravidanza partorivano bambini di colore,….aldila’ di tutto io credo cmq ke nessuno di questi bambini sia mai stato abbandonato da nessuna donna napoletana.

husky7979 8 mesi fa (commento alla canzone su you tube)


QUATTRO COMMENTI DAL BLOG DI ROSARIA “TUTTO DI PIU’…E NON SOLO”
 

Anonimo ha detto…

grazie mille!
ora ho finalmente capito il testo di questo pezzo che è davvero meraviglioso per quanto riesca a essere delicato nel tema trattato.
Un saluto,
matteo 

07 luglio 2009 06:45
 

Alessandro ha detto…

Grazie per l’ottima traduzione e per avermi aiutato a capire un pezzo che da sempre non capivo: infatti era una canzone americana “napoletanizzata”. 

Solo un spunto di riflessione personale, nei versi:
-“American Express” io ho sempre inteso il dispreggiativo con cui le “segnorine” connotavano gli americani (nella mia interpretazione “Americano veloce”), non a caso si fa lasciare il dollaro perché va di fretta

-“Sigarette papà, Caramelle mammà” era la frase che gli americani erano soliti dire per farsi sfamare nelle città che occupavano, erano parole semplici e le ripetevano. Riporto quest’ultimo fatto dalla testimonianza deiretta della mia nonna.

Grazie mille!

31 dicembre 2009 02:36
 

Antonio ha detto…

Non è solo una canzone … è qualcosa di più, che ti entra dentro e ti butta in un mondo lontano, di cui hai solo sentito parlare. Io direi che è davvero stupenda, trascinante, commovente e la Nuova Compagnia di Canto Popolare ha esaltato al massimo tutto lo spessore musicale e poetico di questo capolavoro ! Non so trovare le parole per descrivere le emozioni che tale brano suscita. Grazie.
Antonio Sutera Sardo di Firenze 

27 febbraio 2011 09:36
 

Anonimo ha detto…

è la storia di volta la carta che sè innamorata del soldato..è la nostra storia, è vero, cè differenza tra nord e sud italia, troppa!!! 

16 aprile 2011 20:26

 

(Wikipedia) Tammurriata nera è una canzone napoletana scritta nel 1944 da E. A. Mario (musica) ed Edoardo Nicolardi (testo).

ammurriata nera racconta la storia di una donna che mette al mondo un bimbo di colore, concepito da un soldato durante l’occupazione americana.[1] La donna tuttavia accetta il figlio, forte del proprio amore materno. L’intera vicenda è raccontata da una specie di “coro greco[1], che ironizza sul fatto che per quanto la donna rigiri il figlio (Seh, vota e gira, seh seh, gira e vota, seh), o gli affibbi nomi italiani come Ciccio, Antonio, Peppe o Ciro (ca tu ‘o chiamme Ciccio o ‘Ntuono, ca tu ‘o chiamme Peppe o Ggiro), il bambino che ha partorito è comunque nero (chillo ‘o fatto è niro niro, niro niro comm’a cche).

La nascita della canzone prende ispirazione da un episodio accaduto a Nicolardi, che vide un certo trambusto nel reparto maternità presso l’ospedale di Napoli Loreto Mare, di cui era dirigente amministrativo[2]. Una giovane aveva dato alla luce infatti un bambino di colore, e di fatto non era l’unica in quel periodo ad essere rimasta incinta dei soldati afro americani.

Tale episodio rappresentava una vera e propria svolta epocale per la società napoletana ed italiana, e Nicolardi, già autore di canzoni napoletane di un certo successo, fra cui la famosa Voce ‘e notte[2], insieme all’amico e consuocero, il musicista E. A. Mario, autore fra l’altro della Leggenda del Piave, scrissero di getto Tammurriata nera.


Interpreti

Fra i primi a rendere celebre Tammurriata nera vi fu Renato Carosone, che contribuì a far diventare famosa Tammurriata nera in tutta Italia, rendendola parte del proprio repetorio.[2]A livello discografico, però, la versione più ricordata di Tammurriata nera è quella registrata nel 1974 dalla Nuova Compagnia di Canto Popolare, che rimase nella hit parade dei singoli più venduti in Italia per diverse settimane.[1] Fra gli altri interpreti ad aver cantato una propria versione del brano si ricordano Angela LuceMarina PaganoMario TreviVera NandiPeppe BarraTeresa De SioGabriella Ferri.

 

Recentemente ne ha fornito una trascinante versione anche un altro sommo napoletano, ed anche un grande amico del nostro sito: Daniele Sepe. A voler sottolineare, secondo le sue stesse parole, la “materia prima” di questa canzone, Peppe Barra la canta usualmente assieme ad una sua impressionante canzone scritta assieme a Dario Jacobelli: Guerra. Le presentiamo qui assieme nei video

Curiosità [modifica]

Una strofa della canzone recita così: E levate ‘a pistuldà uè / e levate ‘a pistuldà, /e pisti pakin mama /e levate ‘a pistuldà. Si tratta della napoletanizzazione del ritornello della canzone Pistol Packin’ Mama di Al Dexter (che era al vertice delle classifiche USA il 30 ottobre 1943 e la cui versione più famosa è cantata da Bing Crosby assieme alle Andrews Sisters), probabilmente molto popolare tra i soldati americani, giunti a Napoli proprio in quel periodo. Il testo originale inglese era infatti:Lay that pistol down,/ babe,Lay that pistol down / Pistol packin’ mama,/ Lay that pistol down.

La canzone viene eseguita da un’orchestrina nella scena della trattoria di Ladri di Biciclette (1948) di Vittorio De Sica.

 

 

 

PER GLI AMATORI DI POLVEROSI ARCHIVI:

 

Pistol Packin Mama

Drinking beer in a cabaret and was I having fun
Until one night she caught me right
And now I’m on the run
Lay that pistol down, babe, lay that pistol down
Pistol packin’ mama, lay that pistol down 

She kicked out my windshield; she hit me over the head
She cussed and cried and said I lied, and wished that I was dead
Lay that pistol down, babe, lay that pistol down
Pistol packin’ mama, lay that pistol down

Drinking beer in a cabaret and dancing with a blonde
Until one night she shot out the light – BANG! That blonde was gone
Lay that pistol down, babe, lay that pistol down
Pistol packin’ mama, lay that pistol down

I’ll see you every night, babe, I’ll woo you every day
I’ll be your reg’lar daddy, if you put that gun away
Lay that pistol down, babe, lay that pistol down
Pistol packin’ mama, lay that pistol down

Drinking beer in a cabaret and was I having fun
Until one night she caught me right, and now I’m on the run
Lay that pistol down, babe, lay that pistol down
Pistol packin’ mama, lay that pistol down

Now there was old Al Dexter, he always had his fun
But with some lead she shot him dead, his honkin’ days are done
Lay that pistol down, babe, lay that pistol down
Pistol packin’ mama, lay that pistol down
Contributed by Larry Henares of the Philippines


A bere birra in un cabaret  mi stavo divertendo
Finché una notte “lei” (polizia) mi ha beccato
E ora sono in fuga
Abbassa quella pistola, babe, abbassa quella pistola
Pistol packin ‘mama, stabiliscono che la pistola verso il basso

Ha preso a calci il mio parabrezza, lei mi ha colpito sulla testa
Lei cussed e pianse e disse: ho mentito, e ha voluto che io fossi morto
Lay quella pistola verso il basso, babe, stabiliscono che la pistola verso il basso
Pistol packin ‘mama, stabiliscono che la pistola verso il basso

Bere birra in un cabaret e ballo con una bionda
Fino a quando una sera ha girato la luce – BANG! Quella bionda era sparito
Lay quella pistola verso il basso, babe, stabiliscono che la pistola verso il basso
Pistol packin ‘mama, stabiliscono che la pistola verso il basso

Ci vediamo ogni sera, babe, ti corteggiare ogni giorno
Sarò il tuo papà reg’lar, se si mette via la pistola
Lay quella pistola verso il basso, babe, stabiliscono che la pistola verso il basso
Pistol packin ‘mama, stabiliscono che la pistola verso il basso

Stavo bevendo birra in un cabaret e mi stavo divertendo
Finché una sera lei mi ha preso a destra, ed ora sono in fuga
Lay quella pistola verso il basso, babe, stabiliscono che la pistola verso il basso
Pistol packin ‘mama, stabiliscono che la pistola verso il basso

Ora ci era vecchio Al Dexter, ha sempre avuto il suo divertimento
Ma con un po ‘di piombo lei lo ha ucciso, il suo giorno honkin’ finito
Lay quella pistola verso il basso, babe, stabiliscono che la pistola verso il basso
Pistol packin ‘mama, stabiliscono che la pistola verso il basso
Contributo di Henares Larry delle Filippine

Condividi

One Response to 12-06-12 ORE 6:48 TAMMURRIATA NERA DEL NUOVO CANZONIERE POPOLARE: DEDICATO A CHI SOSTIENE CHE “SENZA GLI AMERICANI QUEI QUATTRO PARTIGIANI SCALZI NON AVREBBE FATTO NIENTE” E, SOPRATTUTTO, A CHI BLATERA DI GUERRA “NECESSARIA”: LO STERMINIO DI UN POPOLO IN SIRIA, L’ONU IMPOTENTE PER IL VETO DI RUSSIA E CINA… MA IN LIBIA CONTRO “L’INFAME GHEDDAFI”, AMICO DIFESO E FINANZIATO, PETROLIO E GAS (ARTICIOLO SUCCESSIVO DAL BLOG DEMATA) CI SIAMO ANDATI TUTTI! L’UNICA GUERRA NECESSARIA CHE CONOSCO E’ STATA QUELLA DEL POPOLO ITALIANO CONTRO FASCISTI E TEDESCHI O ALTRE GUERRE SIMILI COME QUELLA VISSUTA DALLO SCRITTORE NIGERIANO KEN SARO WIWA

  1. D 'IMPORZANO DONATELLA scrive:

    Grazie per tutte queste inedite e meravigliose notizie. La canzone ha una presa emotiva incredibile, ti prende alla gola e non riesci quasi più a cantarla. Potrebbe, e già lo è, un inno contro la guerra, ma pacifico e dolce (…sempre grano è chill’e cresce )

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *