Da tera an pianta, oi che bela pianta,

pianta piantun piantin,

col ciribiribin c’an pianta ‘l vin

o che bun vin de pianta.

 

2Da pianta an rapa, oi che bela rapa,

rapa rapun rapin,

col ciribiribin c’an pianta ‘l vin

o che bun vin de rapa.

 

3Da rapa an tina, oi che bela tina,

tina tinun tinin,

col ciribiribin c’an pianta ‘l vin

o che bun vin de tina.

 

4Da tina an crota, oi che bela crota,

crota crutun crutin,

col ciribiribin c’an pianta ‘l vin

o che bun vin de crota.

 

5Da crota an buta, oi che bela buta,

buta butal butin,

col ciribiribin c’an pianta ‘l vin

o che bun vin de buta.

 

 

6Da buta an buca, oi che bela buca,

buca bucal buchin,

col ciribiribin c’an pianta ‘l vin

o che bun vin de buca.

 

7Da buca an pansa, oi che bela pansa,

pansa pansun pansin,

col ciribiribin c’an pianta ‘l vin

o che bun vin de pansa.

 

8Da pansa an tera, oi che bela tera,

tera terun terin,

col ciribiribin c’an pianta ‘l vin

o che bun vin de tera.

 

Da tera an pianta, oi che bel pianta…

 

Dalla terra alla pianta, oi che bella pianta

Pianta piantone piantino

Quel ciribiribin che ci pianta il vino,

o che buon vino di pianta

2Dalla pianta al grappolo, oi che bel grappolo,

grappolo grappolone grappolino,

quel ciribiribin che ci pianta il vino,

o che buon vino di grappolo

3Dal grappolo al tino, oi che bel tino,

tino tinone tinino,

quel ciribiribin che ci pianta il vino,

o che buon vino di tino

4Dal tino alla cantina, oi che bella cantina,

cantina cantinona cantinina

quel ciribiribin che ci pianta il vino,

o che buon vino di cantina

5Dalla cantina alla bottiglia, oi che bella bottiglia,

bottiglia botte botticino,

quel ciribiribin che ci pianta il vino,

o che buon vino di bottiglia

6Dalla bottiglia alla bocca, oi che bella bocca,

bocca boccale boccuccia,

quel ciribiribin che ci pianta il vino,

o che buon vino di bocca

7Dalla bocca alla pancia, oi che bella pancia,

pancia pancione pancino,

quel ciribiribin che ci pianta il vino,

o che buon vino di pancia

8Dalla pancia alla terra, oi che bella terra,

terra terrona terrina,

quel ciribiribin che ci pianta il vino,

o che buon vino di terra.

Dalla terra alla pianta, oi che bella pianta…

 

Condividi

4 Responses to

  1. D 'IMPORZANO DONATELLA scrive:

    E’ molto bella questa canzone, col verso che si ripete in tutte le strofe ( col ciribiribin c’an pianta ‘l vin) e poi, una volta finita , riprende dall’inizio. Sembra un po’, per dirlo con una certa enfasi, il ciclo della vita che si ripete. Ciao. Un bacino baciotto.

    • Chiara Salvini scrive:

      ciao mio bel baciotto, e pensare che sono a Milano e che, non solo non ti bacio, ma manco te vedo! Un giorno, forse-ma non so-se prima dell’aldilà, ci daranno quell’ora d’aria di amarci come solo sappiamo fare noi
      -ridendo…- quasi sempre tu – (a commento di ogni frase, quasi un refrain, io meno, molto meno, non so ridere, ma quando succede -se solo sapessi- sarebbe da pisciarsi addosso) e iniziando a raffica le frasi senza finirne mai una…come… “da”… strumento base della terapia psicoanalitica, sia per il paziente che per lo psicoanalista, o “associazione libera”- strumento “inventato” da Freud dopo aver imparato a leggere i suoi propri sogni con le loro leggi “logiche dell’inconscio” (1900, “L’interpretazione dei sogni”…curiosità bibliofila: l’opera è del 1899, ma l’editore, o di proposito o per sbaglio, l’ha messa -senza sbagliarsi in questo! – ad inaugurare il nuovo secolo. Aggiungo, come mini-spiega, che le stessi leggi si trovano-sempre secondo il Maestro- alla base dei lapsus, delle batture di spirito o nei comportamenti che omettiamo, o ci scordiamo di fare ecc. o “atti mancati” nonché- E QUESTO INTERESSERA’ FORSE NEMO, SCETTICISSIMO SU TUTTO QUELLO CHE RIGUARDA LE LEGGI SCIENTIFICHE QUANDO CONTRADDICONO IL SENSO COMUNE…il suo naturalmente!…
      Ma per finire la mini-spiega: le stesse leggi che guidano la logica dell’inconscio, servono a cercare di “com-prendere”- se mai avesse bisogno di spieghe- l’opera artistica. firmato: “chiara- -ha-detto”: lasciate pur stare l’ “ipse”…modestia è modestia!

  2. nemo scrive:

    Il ‘senso comune’ di Nemo evidentemente è assai poco ‘comune’ …. bensì ‘individuale’ .

  3. D 'IMPORZANO DONATELLA scrive:

    Ieri siamo andati alla Camera del Lavoro di Milano, per sentire Bersani che incontrava “Libertà e Giustizia” con Zagrebelsky e Sandra Bonsanti. La cosa di fondo che secondo me è stata rimarcata e su cui sia Bersy che Zagre erano d’accordo , è che dobbiamo dire sì ad una situazione sull’orlo dello sfacelo, perché non si può fare altrimenti, pena il tracollo dello Stato; d’altra parte su molte cose non siamo d’accordo con il governo Monti e perciò dobbiamo, nei tanti motivi di disperazione, fare vedere ai cittadini qualche luce, qualche altro modo possibile di affrontare la crisi che stiamo vivendo, che sarà senz’altro lunga. Non è vero che non ci sia un altro mondo possibile, come ci hanno detto per anni e anni i mezzi di comunicazione, anche se è stato responsabile, visto il possibile fallimento dell’Italia, appoggiare il governo Monti. Era divertente poi osservare i presenti all’ncontro : la famosa Milano -bene, però di sinistra, tutta vestita in un certo modo, soprattutto le donne, già leggermente abbronzate.Ma questo è un altro discorso. Un bacione democratico e poco ” per bene”. Do

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *