Martedi’ 12-06-12 ore 6:33 COSA CI STA SUCCEDENDO? SIAMO ANCORA VIVI E FINO A QUANDO? : “SE FUMARONO A ZAZA’…?” PER DONATELLA GABRIELLA FERRI: “DOVE STA ZAZA'”.

 


 

Era la festa di San Gennaro,
quanta folla per la via…
Con Zazá, compagna mia,
me ne andai a passeggiá.

C’era la banda di Pignataro
che suonava il ‘Parsifallo’
e il maestro, sul piedistallo,
ci faceva deliziá…

Nel momento culminante
del finale travolgente,
‘mmiez’a tutta chella gente,
se fumarono a Zazá!…

Dove sta Zazá?!
Uh, Madonna mia…
Come fa Zazá,
senza Isaia?…
Pare, pare, Zazá,
che t’ho perduta, ahimé!
Chi ha truvato a Zazá
ca mm”a purtasse a me…
Jámmola a truvá…
sù, facciamo presto..
Jámmola a incontrá
con la banda in testa…
Uh, Zazá!
Uh, Zazá!
Uh, Zazá!
tuttuquante aîmm”a strillá:
Zazá, Zazá,
Isaia sta ccá!
Isaia sta ccá!
Isaia sta ccá!…
Zazá, Zazá,
za-za-za-za,
comm’aggi ‘a fá pe’ te truvá?!
I’, senza te, nun pozzo stá…
Zazá, Zazá,
za-za-za-za….

Za-za-za-za-za-za-zá…

II

Era la festa di San Gennaro,
ll’anno appresso cante e suone…
bancarelle e prucessione…
chi se pò dimenticá!?

C’era la banda di Pignataro,
centinaia di bancarelle
di torrone e di nocelle
che facevano ‘ncantá.

Come allora quel viavai,
ritornò per quella via…
Ritornò pure Isaia,
sempre in cerca di Zazá…

Dove sta Zazá?
Uh! Madonna mia…
Come fa Zazá,
senza Isaia?
Pare pare, Zazá
che t’ho perduta, ahimé!
Chi ha truvato a Zazá,
ca mm”a purtasse a me…
Se non troverò
lei, ch’è tanto bella,
mm’accontenterò
‘e trová ‘a sorella…
T’amerò,
t’amerò,
t’amerò,
pure a lei glielo dirò
che t’amerò:
T’amerò, Zazá!
T’amerò, Zazá!
T’amerò, Zazá!
Zazá, Zazá,
za-za-za-za…
che t’amerò ll’aggi”a cuntá…
Con tua sorella aggi”a sfugá…
Zazá, Zazá,
za-za-za-za…

Zazá, Zazá,
za-za-za-za…
comm’aggi”a fá pe’ te truvá?!
I’, senza te, nun pòzzo stá!
Zazá, Zazá,
za-za-za-za-za…

Za-za-za-za-za-za-zá…

Era la festa di San Gennaro,
quanta folla per la via…
Con Zazá, compagna mia,
me ne andai a passaggiare

C’era la banda di Pignataro
che suonava il ‘Parsifal’
e il maestro, sul piedistallo,
ci faceva deliziare.

Nel momento culminante
del finale travolgente,
in mezzo a tutta quella gente,
rapirono Zazá!…

Dove sta Zazá?!
Uh, Madonna mia…
Come fa Zazá,
senza Isaia?…
Sembra, sembra, Zazá,
che t’ho perduta, ahimé!
Chi ha trovato a Zazá
che me la riportasse
Andiamo a cercarla
sù, facciamo presto..
Andiamole incontro
con la banda in testa…
Uh, Zazá!
Uh, Zazá!
Uh, Zazá!
tutti quanti dobbiamo strillare:
Zazá, Zazá,
Isaia è qui!
Isaia è qui!
Isaia è qui!…
Zazá, Zazá,
za-za-za-za,
Come devo fare per trovarti?
Io senza di te non posso stare
Zazá, Zazá,
za-za-za-za….

Za-za-za-za-za-za-zá…

II

Era la festa di San Gennaro,
l’anno seguente canti e suoni…
bancarelle e processione…
chi si può dimenticare!?

C’era la banda di Pignataro,
centinaia di bancarelle
di torrone e di noccioline
che facevano incantare

Come allora quel viavai,
ritornò per quella via…
Ritornò pure Isaia,
sempre in cerca di Zazá…

Dove sta Zazá?
Uh! Madonna mia…
Come fa Zazá,
senza Isaia?
Sembra, sembra Zazá
che t’ho perduta, ahimé!
Chi ha trovato a Zazá,
che me la riportasse
Se non troverò
lei, ch’è tanto bella,
mi accontenterò
di trovare la sorella…
T’amerò,
t’amerò,
t’amerò,
pure a lei glielo dirò
che t’amerò:
T’amerò, Zazá!
T’amerò, Zazá!
T’amerò, Zazá!
Zazá, Zazá,
za-za-za-za…
che t’amerò lo devo raccontare
Con tua sorella devo sfogare
Zazá, Zazá,
za-za-za-za…

Zazá, Zazá,
za-za-za-za…
come devo fare per trovarti?!
Io, senza te, non posso stare!
Zazá, Zazá,
za-za-za-za-za…

Za-za-za-za-za-za-zá…

 

 

 

 

A ridare popolarità al brano in tempi più recenti fu Gabriella Ferrinel 1972, che inserì Dove sta Zazà nel proprio repertorio. Renzo Arbore scrisse relativamente alla interpretazione drammatica della Ferri, che il brano era stato trasformato da un “inno di corale allegria” ad “un urlo di solitudine”.[

 

6]

Dove sta Zazà è una canzone napoletana scritta nel 1944 da Raffaele Cutolo(parole) e Giuseppe Cioffi (musica).

La canzone racconta la misteriosa scomparsa di una donna di nome Zazà (descritta con il colorito termine “se fumarono a Zazá!“), nel bel mezzo della festa di San Gennaro, dove vi si trovava insieme al compagno di nome Isaia, che è anche il narratore dell’intera vicenda. Dopo averla cercata invano, Isaia torna l’anno seguente alla festa, ormai arresosi all’idea di non trovare più l’amata Zazà, ma con l’intenzione di “rifarsi” con la sorella di Zazà (“Con tua sorella aggia sfugà…”)…

La canzone racconta la misteriosa scomparsa di una donna di nome Zazà (descritta con il colorito termine “se fumarono a Zazá!“), nel bel mezzo della festa di San Gennaro, dove vi si trovava insieme al compagno di nome Isaia, che è anche il narratore dell’intera vicenda. Dopo averla cercata invano, Isaia torna l’anno seguente alla festa, ormai arresosi all’idea di non trovare più l’amata Zazà, ma con l’intenzione di “rifarsi” con la sorella di Zazà (“Con tua sorella aggia sfugà…”)…

Dopo Aldo Tarantino nel 1944 e Nino Taranto nel 1946, molti altri in seguito ne interpretarono una propria versione. Si possono citare Gigi Beccaria[5], il duetto fra Nilla PizziTony Stella[5]Claudio Villa.

Condividi

One Response to Martedi’ 12-06-12 ore 6:33 COSA CI STA SUCCEDENDO? SIAMO ANCORA VIVI E FINO A QUANDO? : “SE FUMARONO A ZAZA’…?” PER DONATELLA GABRIELLA FERRI: “DOVE STA ZAZA'”.

  1. D 'IMPORZANO DONATELLA scrive:

    E’ una delle più belle canzoni che abbia mai sentito. Gabriella Ferri è stata geniale nella sua interpretazione perché la racconta come una tragedia, che nasce piano piano da una normale giornata di festa. E’ una di quelle canzoni che è difficile cantare, perché ti si piazza un nodo alla gola e devi smettere per la troppa commozione. Il finale, con il protagonista che si accontenta della sorella di Zazà, sembra un po’ un finale all’italiana, ma forse è giusto così, perché Isaia e tutti i Pulcinella del mondo, cioè tutti noi, siamo fatti di dolore e di allegra rassegnazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *