Archivi del mese: luglio 2012

31-07-2012 ore 16:21 A me, davvero, non sembra male, io non sono attenta alla scrittura, ma certo ad un insieme che veicola un contenuto per me molto difficile da passare ad altro. Chi se la sente, auguri!, è lungo ma molto spaziato, ma del resto un’autoanalisi di anni, come fai a metterla in un telegramma? Se qualcuno riuscirà ad affrontare lo sforzo di leggere, mi dirà se comunica qualcosa della mia esperienza. Se, ancor più, dice qualcosa alla sua, anche umanamente, senza bisogno di essere stati malati. Se no, pazienza: mi sparo! buona serata, io parto per Bordighera la bella!

        luglio 1998   Verifica dell’autoanalisi     I       Al termine di questo lungo periodo di lavoro, quello che avevo ottenuto erano più che altro delle aperture.   Un grosso anello della stufa di … Continua a leggere →

1 commento

31-07-12 ore 16: 10 LA DOMADA DEL MIO TERAPEUTA, IL PROF. GIAN CARLO ZAPPAROLI, QUANDO GIA’ LAVORAVO NEL SUO STUDIO FINITA DA PARECCHI ANNI LA TERAPIA, ERA STATA: “QUALI STRUMENTI DELLA TERAPIA HA USATO PER USCIRE DALLA CRISI?”

      Questa e’ la mia risposta di allora che vi porgo senza leggerla, ho invece intra-letto il testo seguente che avevo chiamato “Verifica dell’autoanalisi”:  mi ha stupito per la sua freschezza e anche precisione. Penso di metterlo subito … Continua a leggere →

Lascia un commento

31-07-12 ore 9:17 Giornata super-fortunata oggi!!! Ricevo stamattina un altro testo, questo da parte di mario bardelli, queste divertenti “origini della parole”…su cui-ci scommetto-si butterà la vostra donatella, ma mi auguro anche altri! Spero che non mi capiti proprio oggi qualche grave disgrazia per compensare tanta fortuna!, anche se non sono superstiziosa, ma mia madre diceva: “Chi troppo ride, poi piange”…ed io stamattina rido assai! Buona giornata ancora a tutti voi!

        [Audio clip: view full post to listen]       nota umilissima di ch. : perché questo titolo? Ma la mente del Bardelli è imperscrutabile! Lasciamolo lavorare e pace! E ciaoooooooooo!           … Continua a leggere →

2 commenti

31-07-12 ore 6:20 Nadezhda Tolokonnikova, Marija Alekhina ed Ekaterina Samutsevic : sono le PUSSY RIOT IN CARCERE PER QUELLO CHE HANNO FATTO! L’ha detto anche Monti, il nostro Presidente del Consiglio, oggi le donne hanno una marcia in più per liberare TUTTI NOI! (CITATO A SENSO)

  L’UDIENZA PER LE PUSSY RIOT, IN CARCERE DA CINQUE MESI PER UNA PREGHIERA PUNK ANTI-PUTIN Pussy Riot: le ragazze punk in carcere per la preghiera anti-Putin chiedono scusa A Mosca la prima udienza del processo alle Pussy Riot, la … Continua a leggere →

1 commento

30-07-12 ore 23:26 “Troppo bello ubbidire ad una legge che non fu mai scritta, morire secondo il proprio cuore.” LA POETESSA ELENA BONO.

                Per i compagni caduti nella Resistenza   O miei compagni, perché mai io vi vedo smarriti e quasi aver vergogna di voi stessi? È difficile il bene, coraggioso e virile ogni errore … Continua a leggere →

3 commenti

30-07-2012 ore 9:29 NON DOVEVATE INSISTERE TANTO! AMEN! ORA VE LA CUCCATE! E’ CHIARA CHE CANTA, BOCELLI AIUTA! Sentite bene questo modo di vincere, un tempo mi piaceva gridato e superbo alla maniera di Mario Del Monaco, sempre grandissimo, ma oggi preferisco vincere con Bocelli, intimo – spirituale – vincere di autodisciplina interiore – di privazione e “di meno” piuttosto di più – senza spaccarmi i timpani…Magari sono un po’ cresciuta, voi che ne dite? Baci belli e buonissima ottima giornata a tutti!

http://www.youtube.com/watch?v=YbGKQ8YASCY&feature=player_detailpage

Lascia un commento

30-07-12 ORE 8:15 prima cosa, un carissimo saluto a NEMO, che non vedo da anni, e che mi ha insegnato a scrivere l’ora come fanno i ferroviere come lui: grande nostalgia …dei binari di ferro! Si’, è tipo recanisso ma amabile… OGGI, I GIOVANI, L’ITALIA LA CANTANO COSI’! Al concerto di De Gregori, che chiudeva la festa di REPUBBLICA A BOLOGNA, un’esperienza magnifica di cui vi parlerò, ce n’erano una valanga: tutti bellissimi ed entusiasti. “VIVA L’ITALIA” la cantavano battevano le mani qualcuno in piedi…Lo spettacolo dei giovani era per me più importante di quello sul palco, De Gregori era un po’ gigione, se so cosa vuol dire, ma QUESTA EDIZIONE CON DALLA! SENTITELA DI CORSA!

            ATTENZIONE    ACHTUNG   ATTENTION   ATTENTION   OLHO!  ZI GRAVIUF !!!     Questa mattina, come vedete, mi sono svegliata canterina e fissata con Dalla:   alla fine della canzone “Viva l’Italia”, trovate … Continua a leggere →

2 commenti

30-07- 2012 ore 8: 12 QUELLE NEWS VELOCI CHE VI DANNO IL BUONGIORNO!

– sito manager online- Dirigente in carcere premiato con un bonus Dirigente in carcere premiato con un bonus Sottrae denaro pubblico dalle casse regionali e va in carcere, ma riceve un premio produttività di 13 mila euro: succede in Molise. … Continua a leggere →

Lascia un commento

31-07-12 ORE 8:30 RICEVO STAMATTINA DA MIA CUGINA LINDA ZAPPA E DALLA CARA SIMO QUESTI TESTI CHE PUBBLICO IMMEDIATAMENTE. LA POETESSA ELENA BONO E’ UNA LORO CARA AMICA.

I MODENA CITY RAMBLERS    BELLA CIAO    CONCERTO DEL 25 APRILE 2009 ch. : almeno c’è uno spettro entusiasmante che si aggira per l’Italia! Non se ne poteva più di tante litanie su questa bella canzone! [Audio clip: view … Continua a leggere →

Lascia un commento

domenica 29-07-12 ore 18: 03 davanti a tanta semplicità-verità, ogni lingua diven tremando muta…

testimonianza  su VITTO’ Comune di Davagna “il verde a un passo dal cielo” Ricordi di un partigiano   Mi chiamo Basso Gio Batta sono nato a Taggia (Imperia) il 26 novembre 1924, eravamo in pieno regime fascista. Ho frequentato le … Continua a leggere →

Lascia un commento

VITTO’ poesia di donatella d’imporzano

    [Audio clip: view full post to listen]   PER UNA TESTIMONIANZA SU VITTO’ VEDI L’ARTICOLO SEGUENTE.     la cittadina medioevale di Sanremo, foto di mario bardelli, così simili a tanti paesi che hanno aiutato la Resistenza in … Continua a leggere →

Lascia un commento

domenica 29 luglio 2012 ore 13:34 festeggiamo il santo giorno del riposo (per chi può, come sapete tanti lavorano, tanti soffrono per malattie diverse), il giorno del Signore per chi crede, il giorno di pace per tutti con VIVALDI, IL PRETE ROSSO, IN UN CONCERTO OP. 10 N.2 “LA NOTTE”: SUONANO “I MUSICI” – FAMOSISSIMI PER CHI SE NE OCCUPA – ESSENDO IL FLAUTISTA SEVERINO GAZZELLONI, sul quale non c’è possibile commento. Se ascoltate QUESTA MUSICA due-tre volte, lasciando che la vostra mente lentamente si lasci assorbire da questi suoni (è un apprendimento certamente, un doversi assuefare al nuovo), sono sicura che piano piano vi sentirete parte del paradiso o del Paradiso, come preferite. Ma, anche a chi è ateo, questi suoni fanno capire che un altro mondo di bellezza e amore fa parte dei bisogni del cuore e della mente umana. E’ il mio dono per il giorno di festa!

  Del concerto che vi ho annunciato con I MUSICI  e SEVERINO GAZZELLONI  ho trovato solo il tempo denominato dall’autore “Allegro”, che in genere vuol dire “Veloce”. Più sotto vi offro il concerto intero con musicisti più recenti…anche You Tube … Continua a leggere →

Lascia un commento

domenica 29 luglio 2012 ore 6:45 vi avevo promesso delle mollezze e dei tenerumi, insomma più precisamente delle cose belle di cui si ha più bisogno che del pane per sopravvivere…almeno è così per me, come sono sicura è per moltissimi: io, se non ci fosse la bellezza, tantissima bellezza da tutte le parti, sarei già morta da quel dì! E voi?

  [Audio clip: view full post to listen]                     ATTENTI A QUEI TRE! SONO I MIEI FIGLI. La foto presa dal loro sito su Facebook non è venuta nitidissima, ma cosa … Continua a leggere →

Lascia un commento

28-07-2012 “TUTTO SUL DISTURBO BIPOLARE” del Dr.Vassilis Martiadis, Specializzato in:Psichiatria – Psicoterapia / Articolo pubblicato su Internet, il 06/02/2012, SITO MEDITALIA.IT // Di ritorno dai miei girovagamenti dietro il nipotino e il PROF. GIAN FRANCO PLACIDI, neuropsichiatra, cattedra di Firenze, e mille altre cose di cui vi parlerò lungamente, avevo intenzione intenzione, cari ragazzzi!, di iniziare a spulciare i raggi del Sol Leone con delle mollezze – e vi prometto che lo farò! – ma, come tutti voi sapete, la realtà prende, e, più che prendere, SI IMPONE: cercando l’azione di un farmaco che non conosco, il TOLEP O OXCARBAZEPINA, i dosaggi sono vari, appena adesso prescrittomi dal famoso PROF. PLACIDI in dose bassissima (Tolep 300, mezza compressa a giorni alterni), e anche di questo vi dirò con calma…ebbene arrivo: ho trovato stamattina una sintesi del disturbo bipolare, con cui MOLTO GROSSO MODO – sempre ed esclusivamente con lo sguardo del paziente e del suo vissuto – concordo, ve lo passo, l’articolo, perché è un disboscamento del terreno che può essere utile, se – chi legge – sa che tutto è pressapoco quando si ascolta una sola campana, in questo caso l’emerito, certamente, dott. Martiadis, tutto Ok, leggiamo, ma DEVO INSISTERE DI NON ATTACARVI AL TESTO COME L’EDERA E FARNE UN DOGMA, RAGAZZZI MIEI, DOGMI NON CE NE SONO, MA SOLO TANTE VOCI DI PERSONE PIU’ O MENO PREPARATE: vi confesso che, nei miei anni molteplici di ricerca, usate l’informazione come volete, ormai da VENTANNI, io, paziente bipolare ragionevolmente guarito e sempre sotto esperto controllo, sono arrivata a fidarmi – come psichiatra- solo del DOTT. PLACIDI DI PISA. Putroppo, lo psicoterapeuta di cui avevo fiducia, il PROF. ZAPPAROLI E’ MANCATO lasciando un gran vuoto, tanto che mi sono accorta di aver usato – nei due lunghi colloqui generosamente concessimi il 24 e 25 luglio, a Pisa, dal Prof. Placidi – il Professore più come psicoterapeuta che come farmacoterapeuta. E QUI APPROFITTO PER DIRGLI TUTTA LA MIA GRATITUDINE! Di tutta questa esperienza beneficierete anche voi perché vi conterò TUTTO TUTTO TINTìN POR TINTìN, portoghese. Ciao A TUTTI VOI, grazie di ascoltare! Sapete che, dal 3 novembre scorso, siete 50.000, certo con tutti quelli che aprono per sbaglio e passano senza leggere?!

    http://www.youtube.com/watch?v=sWiJWLiSKro&feature=player_detailpage     IMPORTANTE: scrivete se avete vicino esperienze simili, c’è bisogno di parlare tra noi gente comune che vive le cose sulla pelle anche se non sa teorie ecc. noticina da nulla: non sarà facile per voi … Continua a leggere →

10 commenti

VENERDI’ 13 MI RACCOMANDO ATTENTI! ORE 5:24 UNA FOTO DI MARIO BARDELLI PER LE VIE DI SANREMO

  MINUETTO DI MIA MARTINI, LIVE 1982 http://www.youtube.com/watch?feature=player_detailpage&v=4rTHVYMIjbk E’ un’incognita ogni sera mia… Un’attesa, pari a un’agonia. Troppe volte vorrei dirti: no! E poi ti vedo e tanta forza non ce l’ho! Il mio cuore si ribella a te, ma … Continua a leggere →

1 commento

DOMENICA 5 LUGLIO ORE 5:02 DAL BLOG DI NEMO NEMO : ESSERE VIGILI, NO, HO SBAGLIATO, “SEMPRE VIGILE”

  [Audio clip: view full post to listen]]     nemonemo ha postato sul blog cinelibri       MARIO BARDELLI DA VESALIUS ————————————- Enzo Costa: Sempre vigile “””… Non dubito che ( come denuncia un sindacato ) la crisi, … Continua a leggere →

3 commenti

7 LUGLIO 2012, ORE 21:35 “ALFIN SON TUA ALFIN SEI MIO” DALLA SCENA DELLA PAZZIA DELLA LUCIA DI DONIZETTI (1835), UN CAPOLAVORO. SE A VOI, OGGI, IN QUESTO ISTANTE, VI FACESSERO TUTTO CIO’ E DOVESTE SUBIRE LA VIOLENZA O LE TENEREZZE, CHE IN QUESTO CASO SONO COMUNQUE VIOLENZA, E LA LETTERA FALSA E LE TRAME E LUI LONTANO DA VOI, IL TIMORE PER LA SUA VITA: SIETE PROPRIO SICURI CHE RIUSCIRESTE A NON IMPAZZIRE COME LUCIA?

        NOTA DI CHIARA IN FONDO     atto Secondo scena Quinta Lucia, Alisa e detti. (Lucia è in succinta e bianca veste: ha le chiome scarmigliate, ed il suo volto, coperto da uno squallore di morte, … Continua a leggere →

7 commenti

venerdì 6 luglio, ore 15:50, i testi di Dalla (due canzoni appena pubblicate) meglio leggerli, potremmo accorgerci di non essere entrati nel XX secolo! O LUI era già nel XXI? Vedo se li trovo, sapete, si scrive il titolo e LYRICS che vuol dire “parole” di una musica in inglese, così almeno credo.

Donna dolce, studio per un quadro di Mario Bardelli, riproduzione di una foto trovata.     Sono convinta che i poeti d’aujourd’hui sono i cantautori. nel mio minimo, ch.             CANZONE   Ogni minuto mi … Continua a leggere →

2 commenti

venerdì 6 luglio, ore 15:22, oggi arrivano i miei figli con l’ultima ruota del mio cuore che e’ Nicolo’, l’unico vero Grande! Il mio unico e per sempre unico “Tu”. Voglio dedicare una canzone alla DONATELLA D’IMPORZANO E A SUO MARITO FRANCHINO, MA AIUTATEMI, NON SO LE PAROLE, DEVO TROVARE IL TITOLO, HO BISOGNO DI GUARDARE IN UNA BOCCA CHE SA, VOI NON MI PRESTERESTE LA VS.? dICE CHE VUOLE AMARLA ANCHE IN UN CESSO DELLA BIBLIOTECA (di Alessandrìa, sapete la Do…il Nostro Treccani tascabile, come la chiama Mario, lei e Nemo, “pario duro”…metterli insieme, difficile combattimento!, anche Mario, sì sì, non me lo scORdo e la LInda in tante cose…TUTTI MENO ME- IN MEMORIA! nE HO TROVATA UNA CHE HO SUBITO “ABBRACCIATO” DAL TITOLO, PERCHé è COSì, O quasi COSì, MA IL TONO TRISTONHO (TRISTONZOLO) MI FA CAPIRE CHE NON E’ LEI, LA CANZONE, NON LA DO! LEI E’ SEMPRE “LEI”!.

  commenti alla canzone su you tube Mi piace Condividi Caricato da MartiFrankensteine in data 28/mar/2010 Nessuna descrizione disponibile. 1814 mi piace, 13 non mi piace Artista: Lucio Dalla Acquista “Tu non mi basti mai” su: iTunes Mostra altro Commenti principali “..Vorrei esser la tomba quando morirai … Continua a leggere →

Lascia un commento

3 luglio 2012, Sanremo ORE 22:44 IL RAPPORTO DI HUMAN RIGHTS WATCH (osservaz. dei diritti umani)

Corriere della Sera > Esteri > «La Siria è un arcipelago della tortura»     IL RAPPORTO di Human Rights Watch «La Siria è un arcipelago della tortura» Regime di «crimini contro l’umanità»: 27 centri dove migliaia di detenuti vengono … Continua a leggere →

Lascia un commento

03-07-12 Sanremo, ore 22:39 Francia, sì a nozze e adozioni gay da inizio 2013

Corriere della Sera > Esteri > LI Francia, sì a nozze e adozioni gay da inizio 2013 Confermata una delle promesse elettorali di Hollande DIRITTI OMOSESSUALI Francia, sì a nozze e adozioni gay da inizio 2013 Confermata una delle promesse … Continua a leggere →

Lascia un commento

03-07-12 / sanremo, ore 22:29 dal CORRIERE.IT DI OGGI, SCIENZE Corriere della Sera > Scienze > «Trovata la particella di Dio» Una caccia lunga mezzo secolo Fisica La sfida di creare le condizioni dell’attimo successivo alla nascita dell’universo «Trovata la particella di Dio» Una caccia lunga mezzo secolo Al Cern sono sicuri, domani l’annuncio. Nel team ci sono 600 fisici italiani che dirigono tre esperimenti su quattro Il «superacceleratore» del Cern di Ginevra Anche gli ultimi dubbi sembrano caduti e il bosone di Higgs si ritiene ormai catturato, anche grazie a una nutrita squadra di scienziati italiani. Al Cern di Ginevra mercoledì i responsabili degli esperimenti Fabiola Gianotti di Atlas e Joe Incandela di CMS lo annunceranno ufficialmente, ma nei corridoi del centro di ricerche più importante al mondo per la fisica subnucleare è difficile trovare chi smentisce. Semmai ci sono dei distinguo, ma «la particella c’è». Diventata più popolare come «particella di Dio» (dizione che gli scienziati non amano), per la sua caccia venne costruito il Large Hadron Collider, cioè il superacceleratore capace di far scontrare fra loro nuvole di miliardi di protoni con un’energia di 14 TeV. Mai si era arrivati a tanto, ma questo era l’obiettivo necessario per riuscire a riprodurre, nella lunga caverna sotterranea del laboratorio ginevrino sotto i monti del Giura, le condizioni dell’universo una frazione di secondo dopo la sua nascita. Una sfida notevole che impaurì, e qualcuno gridò al pericolo di creare un buco nero capace di distruggere la Terra quando la macchina veniva accesa nel settembre 2008. L’unico guaio lo subì lo stesso acceleratore nove giorni dopo per il difetto a una saldatura che fece letteralmente scoppiare un elemento superconduttore della macchina rimanendo bloccata un anno per essere riparata. «Trovata la particella di Dio» Questo contenuto richiede Adobe Flash Player. Clicca QUI per installare Flash Mi piace questo contenutoNon mi piace questo contenuto A 2 persone piace questo contenutoA 1 persone non piace questo contenuto 785 Link: La riaccensione a passi graduali permetteva finalmente l’avvio delle ricerche a lungo sognate; da quando Peter Higgs immaginò l’esistenza del fatidico bosone per far quadrare i conti della teoria, il cosiddetto «Modello Standard», che spiegava l’architettura di base della natura. Era il 1964 e la leggenda vuole che l’idea sia zampillata dalla mente dello scienziato mentre passeggiava tra le montagne scozzesi del Cairngorms. Era sempre stato un tipo riservato, ma già da studente al Kings College di Londra rivelava le sue capacità in fisica teorica. «Mi impressionò un suo compito sulla meccanica quantistica svolto con una velocità incredibile» ricordava il suo compagno di banco Michael Fisher ora professore all’Università del Maryland (Usa). Tuttavia quando propose la sua teoria del bosone non era facilmente creduto. Dopo un primo lavoro introduttivo, il secondo gli veniva rifiutato dal giornale Physics Letters e solo qualche tempo accettato dalla Physical Review Letters. Restava comunque lo spicchio conclusivo di una teoria e bisognava in qualche modo provarlo. Negli anni Ottanta si impegnavano sia gli scienziati americani che quelli europei immaginando ognuno una supermacchina. Gli Stati Uniti il «Super Superconducting Collider» (SSC) per il quale costruivano una grande galleria in Texas. Ma il costo salì troppo e quando arrivò Bill Clinton alla Casa Bianca cancellò il progetto. A Ginevra, invece, si proseguì mobilitando l’Europa e investendo 6 miliardi di euro. E adesso si è giunti alla meta provocando, in questo campo, un’inversione nella fuga dei cervelli perché dei seimila che lavorano con il superacceleratore mille sono americani. L’Italia condivise subito l’impresa e ora seicento fisici dell’Istituto nazionale di fisica nucleare sono tra i protagonisti delle ricerche. Non solo. Tre dei quattro responsabili degli esperimenti sono fisici italiani; anzi, sino a qualche mese fa erano tutti e quattro. L’esperto che aveva guidato la costruzione dei magneti superconduttori di cui è formato l’anello di 27 chilometri era Lucio Rossi dell’Università di Milano. E sopra tutti c’è il direttore scientifico del Cern, Sergio Bertolucci; a dimostrazione del ruolo che la nostra scienza fisica mantiene a livello internazionale. Prima di utilizzare l’Lhc al Cern si fecero delle indagini sul bosone anche con l’acceleratore Lep. Ma per arrivare all’obiettivo il Nobel Carlo Rubbia ipotizzava l’Lhc. Negli Stati Uniti si impegnavano con l’acceleratore Tevatron al Fermilab di Batavia (Chicago) entrato in funzione negli anni Ottanta, però la sua potenza era notevolmente inferiore alle necessità. Lo miglioravano per renderlo più competitivo e proprio ieri mattina diffondevano un comunicato per sottolineare che le loro indagini avevano portato «vicino alla scoperta». La gara rimase accesa negli ultimi anni finché nell’autunno scorso Tevatron veniva spento per limiti d’età e nella consapevolezza dell’impossibilità ad andare oltre. Nel dicembre scorso Fabiola Gianotti di Atlas e Guido Tonelli, allora responsabile del CMS, annunciavano i primi risultati. Erano indizi, la prima impronta dell’esistenza del bosone. Ma i margini di errore erano ancora notevoli, occorrevano altri scontri fra le nuvole di protoni per costruire una maggiore certezza. Ora il momento fatidico sembra arrivato. «I dati confermano la soglia dei 5 sigma, vale a dire una probabilità di scoperta pari al 99,99994 per cento» spiega Gian Francesco Giudice, teorico del Cern e autore di «Odissea nello zeptospazio, un viaggio nella fisica dell’Lhc» ( Springer ). «Anzi – continua Giudice – si sono intravisti effetti che farebbero pensare all’esistenza di altre particelle, dunque un ampliamento del disegno teorico fin qui immaginato. Per questo bisognerà indagare ulteriormente». Ciò si è ottenuto con il superacceleratore che funziona con un’energia di 7,2 TeV, quindi la metà delle sue possibilità. Quando sarà a pieno regime altri panorami della scienza si apriranno e non a torto molti sostengono di essere soltanto sulla soglia di una nuova Fisica. Come la storia della scienza insegna, per arrivare ai risultati occorrono idee, ma anche strumenti adeguati. Domani ascolteremo l’identikit della scoperta dalle parole dei protagonisti, Fabiola Gianotti e Joe Incandela, che confronteranno i rispettivi dati ottenuti con i loro esperimenti. E questi forse non rallegreranno il grande cosmologo Stephen Hawking che aveva scommesso cento dollari sostenendo che la «particella di Dio» non esisteva. «C’è qualcosa di sbagliato» aveva detto dei calcoli di Higgs. Ma il tranquillo ottuagenario, schivo e sorpreso delle attenzioni dei colleghi, non replicò mai aspettando con pazienza le prove di Ginevra. Ora sono arrivate. Giovanni Caprara @giovannicaprara3 luglio 2012 | 15:44© RIPRODUZIONE RISERVATA 785

    Fisica La sfida di creare le condizioni dell’attimo successivo alla nascita dell’universo «Trovata la particella di Dio» Una caccia lunga mezzo secolo Al Cern sono sicuri, domani l’annuncio. Nel team ci sono 600 fisici italiani che dirigono tre … Continua a leggere →

Lascia un commento

MARTEDI’ 3 LUGLIO ’12, ORE 13,30 DA SAO PAULO DO BRASIL, ANDREA CHATAH, PHOTO “A MATERNAGEM” SE APREENDE DESDE PEQUENO ossia ad essere “materni” o aver voglia di “sognare con i nostri piccoli” o “reverie” in francese, “devaneio” in portoghese -si apprende da piccoli!

  L’IMPORTANZA DELLE BAMBOLE ANCHE NELL’EDUCAZIONI DEI PICCOLI CUCCIOLI MASCHI…COSA CHE LA MAGGIORANZA TROVERA’ DISGUSTOSA CONVINTA COME SARA’ CHE, INVECE DI SVILUPPARE LA PATERNITA’ E LA MATERNITA’, INSEGNIAMO LORO A DIVENTARE GAYs O, PIU’ BRUTTO, “BICHAS”, IN PORTOGHESE DEL BRASILE. … Continua a leggere →

6 commenti