27 MARZO 2013 ORE 07:35 IO TE VOGLIO BENE ASSAJE—1835 PIEDIGROTTA / NELL’INTERPRETAZIONE “DA CAMERA” DI ROBERTO MUROLO.

 

Piedigrotta è una zona della città di Napoli, nel quartiere Chiaia, situata fra via Francesco Caracciolo e la stazione ferroviaria di Mergellina. Il luogo deve il suo nome al fatto di essere situato davanti (ai pedi grotta) ad una galleria scavata in epoca romana nella collina diPosillipo: la Crypta Neapolitana (detta anche “Grotta di Pozzuoli” o “Grotta di Posillipo“)[1].

 

File:Sommer, Giorgio (1834-1914) - Napoli - Piedigrotta.jpg

LA GALLERIA AI PRIMI DEL 900

File:Te voglio bene assaje 1839.JPG

 

 

Chesta canzóna fuje presentata ‘a primma vota ‘o 7 ‘e settembre d”o 1835 â Festa ‘e Piererotta, e è stata sempe cunziderata ‘a primma vera canzóna napulitana ‘e l’epuca moderna.

Cu essa accummencia ‘a storia “ufficiale” d”a canzona napulitana.

Parole ‘e: Raffaele Sacco
Múseca ‘e: Filippo CampanellaGaetano Donizetti
Maje appurato cu certezza
Anno ‘e nascita: 7 ‘e settembre 1835Napule
Edizzione: Francesco Azzolino

 

 

http://www.youtube.com/watch?feature=player_detailpage&v=DY6PjV2rhGk

(SOTTO TRADUZ ITALIANA)

 

‘Nzomma songh’io lo fauzo?
Appila, sié’ maesta:
Ca ll’arta toja è chesta
Lo dico ‘mmeretá.
Io jastemmá vorría
lo juorno che t’amaje!
Io te voglio bene assaje…
e tu nun pienze a me!

 

MUROLO INIZIA QUI:


Pecché quanno mme vide,
te ‘ngrife comm’a jatt’?
Nenné’, che t’aggio fatto,
ca nun mme puó’ vedé?!
Io t’aggio amato tanto…
Si t’amo tu lo ssaje!
Io te voglio bene assaje…
e tu non pienze a me!
La notte tutti dormono,
ma io che vuó’ durmire?!
Penzanno a nénna mia,
mme sento ascevolí!
Li quarte d’ora sonano
a uno, a duje, a tre…
Io te voglio bene assaje…
e tu non pienze a me!
Recòrdate lo juorno
ca stive a me becino,
e te scorréano, ‘nzino,
le llacreme, accossí!…
Deciste a me: “Non chiagnere,
ca tu lo mio sarraje…”
Io te voglio bene assaje…
e tu non pienze a me!
Guárdame ‘nfaccia e vide
comme sòngo arredutto:
Sicco, peliento e brutto,
nennélla mia, pe’ te!
Cusuto a filo duppio,
co’ te mme vedarraje…
Io te voglio bene assaje…
e tu non pienze a me!
Saccio ca non vuó’ scennere
la grada quanno è scuro…
Vatténne muro muro,
appòjate ‘ncuoll’a me…
Tu, n’ommo comm’a chisto,
addó’ lo trovarraje?
Io te voglio bene asssaje…
e tu non pienze a me!
Quanno só’ fatto cennere,
tanno mme chiagnarraje…
Tanno addimmannarraje:
Nennillo mio addó’ è?!
La fossa mia tu arape
e llá mme trovarraje…
Io te voglio bene assaje…
e tu non pienze a me!

 

 

 

« Perché quando mi vedi
ti arruffi come un gatto
bambina, che ti ho fatto
che mi odi così?
Io ti ho tanto amata
e t’amo e tu lo sai
Io ti voglio tanto bene
e tu non pensi a me

Di notte tutti dormono
ma io che vuoi dormire
pensando alla mia piccola
mi sento di impazzire
I quarti d’ora suonano
all’una, alle due, alle tre..
Io ti voglio tanto bene
e tu non pensi a me

Guardami in faccia e vedi
Come sono ridotto
magro, sciatto e brutto
bambina mia per te!
Cucito a filo doppio
a te mi vedrai
Io ti voglio tanto bene
e tu non pensi a me

Quando sarò diventato cenere
allora mi piangerai
domanderai sempre
“Dov’è il mio piccolino?”
Apri la mia fossa
e mi troverai lì
Io ti voglio tanto bene
e tu non pensi a me »

 

 

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *