31 maggio 2013 ore 19:03 GIULIA MARIA CRESPI: QUANDO SI HA IL CORAGGIO DI— “TRASFORMARE UN PESSIMO AFFARE IN UN OTTIMO AFFARE” (WILFRED BION)

chiara: aprite sulle sottolineature: mi sembra interessante, in special modo: “Storia” (la storia di giulia crespi e la sua azienda agricola).

 

 

 

Giulia Maria Crespi  (1922)

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.
« Il paesaggio è il bene collettivo più prezioso che noi italiani possediamo »
(Giulia Maria Mozzoni Crespi)

Giulia Maria Crespi (Merate1922) è un’imprenditrice italiana, discendente della famiglia di cotonieri lombardi, proprietari della fabbrica di Crespi d’Adda.

All’inizio degli anni 60 ottenne la responsabilità della gestione editoriale del Corriere della Sera in luogo del padre Aldo (figlio di Silvio Benigno), impossibilitato da una malattia. Spartì, nel 1973, la proprietà con Gianni AgnelliAngelo Moratti, e decise, infine, nel 1974 di cedere la propria quota all’editore Angelo Rizzoli. È proprietaria dell’Azienda Agricola Cascine Orsine, situata nel Parco naturale del Ticino, a Bereguardo, in provincia di Pavia, che conduce dal 1974 con il figlio.[1]

È tra i fondatori del Fondo per l’Ambiente Italiano,[2] fondazione di cui è attualmente presidente onorario.[3]

È sposata dal 2 giugno 1965 con l’architetto Guglielmo Mozzoni.[4]

Giulia Maria Mozzoni Crespi è stata insignita dall’Università di Bologna della laurea honoris causa in storia dell’arte.[5]

Onorificenze

Dama di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Dama di gran croce dell’Ordine al merito della Repubblica italiana
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica. “Per il notevole impegno civile, sociale e culturale a favore della collettività.”»
— 28 maggio 2003[6]

Note

  1. ^ Crf. il sito cascineorsine.it.
  2. ^ La nostra storia, sito ufficiale del FAI.
  3. ^ Statuto e organi, sito ufficiale del FAI.
  4. ^ Libro d’Oro della Nobiltà Italiana – Collegio Araldico Roma – Edizione 2010/14 – Tomo II – pagina 183 – Famiglia Mozzoni.
  5. ^ Laurea honoris causa a Giulia Maria Mozzoni Crespi e a Sandro Ruffo, magazine.unibo.it
  6. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

 

Condividi

2 Responses to 31 maggio 2013 ore 19:03 GIULIA MARIA CRESPI: QUANDO SI HA IL CORAGGIO DI— “TRASFORMARE UN PESSIMO AFFARE IN UN OTTIMO AFFARE” (WILFRED BION)

  1. Buon pomeriggio la signora ragazzo. Crespi!

    Ho cercato le mie origini paterne come non rispettati, secondo la signora Mia madre è uno straniero in materia di istruzione, che era stato in Brasile alla fine del 1960 e nella mia ricerca passa attraverso una persona di surname CRESPI Croce, la ricerca di persone di questo cognome che ho trovato sul web. Ho potuto contare sul vostro aiuto nella mia ricerca per la mia paterna!

    Casso poste di dire la mia e-mail è vagnerbatezati@gmail.com‘ll molto felice di noi ci mettiamo in contatto.

    Guardando al futuro,

    Cordiali saluti,

    Vagner

    • Chiara Salvini scrive:

      caro Vagner, certamente per colpa mia, ho potuto capire molto poco di quello che mi scrive. Non preferirebbe scrivermi nella sua lingua? La aspetto con piacere, chiara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *