28 settembre 2013 ore 08:48 RODOLFO MORANDI E IL SOGNO DI UN ALTRO SOCIALISMO DI PASQUALE CASCELLA SU L’UNITA’ 30 LUGLIO 2002

Rodolfo Morandi Il sogno di un altro Socialismo

 

ATTUALITA/GP55/A00172786.jpg

Rodolfo Morandi e Giacomo Ferrari seduti al tavolo del Consiglio dei Ministri durante la prima seduta del III governo De Gasperi
  • data  06.02.1947

 

 

 

di Pasquale Cascella (notizie sotto)

 

 

«La democrazia sarà di quanti combattono, per opposte finalità, le teoriche delle caste d'”unti del Signore”, dei conservatori e dei reazionari». Non è una riflessione di oggi, legata al dibattito politico sulla pretesa di Silvio Berlusconi di imporre il suo volere. È datata 1923. Ed è firmata da Rodolfo Morandi, di cui oggi ricorre il centesimo anniversario dalla nascita. Vita breve, quella del «socialista rivoluzionario e classista», spezzata tragicamente nel 1955, probabilmente a causa dei postumi di un maldestro intervento chirurgico all’intestino subìto nel carcere di Castelfranco Emilia dove era stato segregato dal fascismo. Ma vita intensa. Dalla giovanile formazione mazziniana alla partecipazione attiva alla lotta antifascista nelle file di Giustizia e libertà, poi approdata al «Centro socialista interno» su posizioni «frontiste» che gli valsero la condanna del Tribunale speciale fascista a dieci anni di galera. Ne uscì alla vigilia della lotta insurrezionale al Nord, che guidò a capo del Comitato di liberazione dell’Alta Italia. E a questa spinta democratica uniformò il suo agire politico, da ministro nel governo di unità nazionale prima e da dirigente del Partito socialista poi. Fino alla morte, della cui imminenza era talmente cosciente da vergare il proprio testamento politico con accenti ispirati dall’ansia di un impegno unitario già allora contrastato: «Al di sopra del partito ho sempre posto la causa dei lavoratori, la causa del popolo, nella convinzione che il partito non avesse diritto di chiedermi di più». È stato uomo del suo tempo, Morandi. Ma i principii maturati nel crogiuolo di quegli anni duri, con quella che Giorgio Amendola definì «una scelta di vita», acquisiscono un valore universale, incancellabile nel tempo, la cui memoria vale come antidoto alle ricadute della storia. Aveva solo 22 anni, il mazziniano di buona famiglia milanese che aveva già dichiarato il suo «ideale democratico ch’è la nostra stessa moralità» da «attuare nella vita d’ogni giorno, nelle forme sempre nuove che il momento storico ci presenta», quando fu sconvolto dall’assassinio di Giacomo Matteotti. E, in quel momento, l’impulso fu alla ribellione, all’insofferenza per l’impotenza dell’Aventino, vissuta come attesa che piovesse dall’alto «quella grazia per la quale non manovrano solo i costituzionalisti, ma aspirano, ahimè, anche i rivoluzionari». Questa interpretazione etica ha segnato l’originalità della militanza socialista di Morandi. Da cui ha preso avvio il filone socialista classista e al tempo stesso libertario, che – ha scritto lo storico Aldo Agosti, autore di una copiosa biografia – si poneva «come alternativa sia al comunismo terzinternazionalista, sia al riformismo socialdemocratico, sia all’egemonia nella sinistra italiana della tradizione comunista gramsciano-togliattiana». Ma le vicende della vita non hanno consentito che tanto equilibrio – mai equilibrismo – riuscisse a trovare una conseguente espressione politica, al di là di qualche interesse contingente, ora a motivare le spinte scissioniste, come quella del Psiup, ora certe riconversioni a sinistra, come quelle che hanno segnato il travagliato percorso governativo del Psi. L’aspirazione unitaria di Morandi si è misurata laicamente (non fosse che per la formazione culturale giovanile e per l’estraneità alle lacerazioni anche personali seguite alla scissione di Livorno del ‘21) con i continui contrasti all’interno della sinistra, senza dare mai per acquisita né la separazione in famiglia né la ricomposizione verticistica. La spinta unitaria era finalizzata alle revisioni necessarie a superare le ragioni profonde dei dissensi, quindi alla prospettiva di un partito nuovo, di massa, che associasse il mondo del lavoro al potere per dare alla libertà, da riconquistare e riconquistata, sostanza reale. L’espressione più alta di questa ambizione si misurava con l’esperienza rivoluzionaria di Lenin, senza però assumere la rivoluzione russa, e il socialismo che andava a realizzarsi sotto la guida politica di Stalin, come modello. Per Morandi, della rottura storica intervenuta in Russia, i socialisti avrebbero dovuto «professarne gli insegnamenti, che assai più valevano delle formule logore della dottrina». A cominciare dalla «somma complessità che presenta il passaggio ad un’economia collettiva e della gradualità che è necessario osservare nell’effettuarlo». Che si traduceva, nella concreta realtà italiana, nella indicazione di «un’organizzazione sotto forme autonome dell’economia collettiva» e della «più ampia e spregiudicata libertà politica». Un approccio diventato concreto con la liberazione dal fascismo: alla testa del Cnlai, Morandi lancia i consigli di gestione a cui affida il compito di porre le basi della «nuova democrazia». Era, appunto, il modo di riconoscere il ruolo dei lavoratori nel processo produttivo ed estendere la democrazia a queste strutture del potere. Per le quali Morandi si batté anche dal ministero dell’Industria, nel governo di Alcide De Gasperi che accompagnò la Costituente, contro le tante resistenze che quella politica di piano incontrava nel ricostituendo blocco tra agrari e capitalisti. Con un limite, dettato evidentemente dalla preoccupazione che si trasformasse in «blocco reazionario», sostenuto dagli alleati occidentali sotto la cui influenza l’Italia stava per finire in ragione del patto di Yalta. In effetti, la rottura della collaborazione con la sinistra operata da De Gasperi costrinse la sinistra a cercare altre vie per affermare il proprio progetto strategico, in un clima internazionale che si avviava alla guerra fredda. Niente affatto convinto della ritrovata vocazione democratica della nuova classe dirigente, Morandi fu tra i socialisti che più sostennero la scelta frontista di Pietro Nenni nel ‘48, non perché sicuro che il «fronte» avrebbe vinto, ma come necessario argine alle minacce di involuzione. È in questa fase che Morandi fa riferimento al leninismo («Ideologicamente, senza riserva alcuna, noi assumiamo il lenilismo come interpretazione e sviluppo del marxismo e ribadiamo il superamento della socialdemocrazia nella sua duplice espressione di riformismo e massimalismo») per superare le tradizionali correnti, in cui continuava ad essere divisa la sinistra e arrivare a congiungere la lotta di classe e l’unità di classe in quello che definisce il «partito della classe». Francesco De Martino, il socialista che con più convinzione ne ha raccolto la vocazione unitaria, in occasione del XXV anniversario della morte di Morandi, spiega quella critica alla socialdemocrazia con il fatto che questa avesse abiurato il marxismo. Fatto è che Morandi fa un esplicito riferimento al socialismo europeo quando, al congresso del Psi di Torino nel 1955, si comincia a discutere di una possibile apertura a sinistra della Dc, concepito però come recupero dell’incontro di governo tra le grandi forze antifasciste. Si rivolge, infatti, a quanti nel suo partito teorizzano la libertà d’azione, sottolineando che se così «si dovesse intendere la capacità di configurarsi come forza idonea a interpretare sentimenti ed esigenze radicate nelle tradizioni del socialismo europeo, allora si può sicuramente asserire, come l’esperienza ha dimostrato, che non è l’unità d’azione sul terreno della lotta di classe che a quella può fare ostacolo». Purtroppo, la morte non ha consentito a Morandi di misurarsi, nel vivo dei nuovi processi politici, con la risposta che egli stesso aveva dato a Nenni sul possibile superamento dell’unità d’azione a sinistra: «Non certamente nel senso – avvertiva – che possa mai risolversi l’intima e indissolubile comunanza di aspirazione e di ideali che è tra i socialisti e i comunisti. Ma nel senso che la manovra congiunta dei due partiti potrebbe anche divenire superflua in una situazione che non fosse irrigidita ed esasperata a tal punto da pregiudiziali ideologiche, non essendo il patto per sé stesso (ed è ciò che importa comprendere) a determinare la condotta di classe, la naturale condotta unitaria del partito». Ci sono voluti cinquanta e più anni perché tornasse ad affermarsi l’idea di raccogliere l’eredità di tutto il socialismo italiano in un «nuovo partito». Che, a giudizio di De Martino, Morandi non immaginava certo come la «risultante dalla somma o giustapposizione del partito socialista al partito comunista». Come, allora? È lo stesso Morandi a tracciarne l’identità, in un discorso ai giovani socialisti del 1950, come in una sorta di mandato per l’affermazione degli ideali socialisti: «Solo un partito che abbia eliminato il seme della divisione al suo interno, un partito capace di stroncare qualsiasi tentativo di riprodurre nel suo seno situazioni degenerative, un partito che abbia sbaragliato i personalismi, le clientele e le cricche e sradicato il mal costume del gioco su due scacchiere dei dirigenti, solo un partito che abbia recuperato capacità di attrazione, un partito che non si consumi in sé stesso ma sia in grado di protendersi verso l’esterno, un partito che si accresca di forze e si rinvigorisca vieppiù nelle sue strutture, un partito che elevi incessantemente il grado della sua combattività, può a un tale obbiettivo dirigersi». Non è un messaggio che parla ancora oggi?

30 July 2002 Unità pubblicato nell’edizione Nazionale (pagina 29) nella sezione “Cultura

 

 

Pasquale Cascella (Barletta11 marzo 1952) è un giornalistapolitico italianosindaco di Barletta.

È stato consigliere per la comunicazione del Presidente della Repubblica e direttore dell’ufficio stampa del Quirinale.Nell’aprile 2013 con la conclusione del primo mandato da Presidente della Repubblica di Giorgio Napolitano, si candida asindaco di Barletta sostenuto da una coalizione di centro-sinistra[2].Il 10 giugno 2013, viene eletto dopo aver vinto il ballottaggio con il 62,89% delle preferenze, battendo il suo avversario Giovanni Alfarano del PdL che ha ottenuto il 37,11%.[3][4] Al primo turno aveva ottenuto il 43,68% contro il 26,88% del suo sfidante.[5]Viene proclamato ufficialmente sindaco il 12 giugno.[

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *