28 SETTEMBRE 2013 ORE 08:56 RODOLFO MORANDI BIOGRAFIA A CURA DELL’ANPI

ANPI Associazione Nazionale Partigiani d'Italia ASSOCIAZIONE NAZIONALE PARTIGIANI

Rodolfo Morandi

 

 

 

REPARTO ATTUALITÀ
Roma – Primo Consiglio dei Ministri del III Governo De Gasperi

ATTUALITA/GP55/A00172791.jpg

Rodolfo Morandi ripreso al suo ingresso a Montecitorio in occasione della prima seduta del III governo De Gasperi
  • data 06.02.1947

 

 

 

 

 

Nato a Milano il 1° gennaio 1903, deceduto a Milano il 26 luglio 1955, avvocato, economista ed esponente socialista. 

Dopo essersi laureato in Legge, orientò i suoi interessi allo studio di Giuseppe Mazzini e, poi, del marxismo. A questo s’ispirò nella realizzazione del suo libro più famoso (Storia della grande industria moderna in Italia, edito nel 1931 da Laterza). Mentre lavorava a quest’opera, Morandi maturò la sua coscienza antifascista, che lo portò ad aderire prima al movimento “Giustizia e Libertà” e poi al Partito socialista clandestino. Organizzato il “Centro interno” del PSI a Milano, Morandi non esitò a mettersi in contatto, con spirito unitario, col Partito Comunista d’Italia, che era già, in quegli anni, una grande forza organizzata dell’antifascismo. Il dirigente socialista svolse la sua attività politica, inframmezzata dalla professione forense, sino a che non si rese conto di essere stato individuato dalla polizia. Decise così di riparare in Francia. A Parigi Morandi entrò a far parte del “Centro estero” del PSI, diresse il giornale clandestino Fronte Rosso, collaborò a Politica socialista e ad altre pubblicazioni antifasciste. Rientrato in Italia, contribuì alla formazione del “Fronte unico antifascista” fino a che, nel 1937, fu arrestato con un gruppo di compagni. Deferito al Tribunale speciale e condannato a 10 anni di reclusione, Morandi ne scontò sei nelle carceri di Castelfranco Emilia e di Saluzzo. Riottenuta la libertà nei quarantacinque giorni del governo Badoglio, riprese l’attività politica come membro della Direzione del PSI. Dopo l’8 settembre 1943, il dirigente socialista fu costretto, per le malferme condizioni di salute, ad espatriare in Svizzera. Nella Confederazione elvetica continuò, però, a tenere i collegamenti politici e nel giugno del 1944 rientrò clandestinamente a Milano. Passò poi a Torino, come membro della Direzione del suo partito per l’Alta Italia e, in quanto tale, concorse (come dirigente del CLN regionale piemontese), all’organizzazione dei grandi scioperi preinsurrezionali. Rientrato a Milano nella fase conclusiva della lotta contro i nazifascisti, il 23 aprile 1945 Rodolfo Morandi fu nominato presidente del CLN dell’Alta Italia in luogo di Alfredo Pizzoni. Il 25 aprile, insieme a Sandro Pertini, firmò a nome del PSI il decreto col quale i partiti del CLN Alta Italia assumevano i poteri di governo. Nel difficile momento seguito alla Liberazione, Morandi fu eletto segretario del PSI, incarico che conservò dal dicembre 1945 all’aprile 1946. Membro della Consulta, poi eletto alla Costituente, entrò a far parte del 2° e del 3° Gabinetto De Gasperi come ministro all’Industria e Commercio. Dal 1948 fu senatore di diritto nel primo Parlamento repubblicano. Vice segretario generale del PSI dal gennaio 1951, con le elezioni del 1953 Morandi tornò al Senato, a due anni dalla sua prematura scomparsa per malattia. Oltre alla citata storia dell’industria italiana, Rodolfo Morandi (al quale sono intitolate piazze e strade a Milano e in altri luoghi d’Italia e un Istituto a Torino), ha lasciato molti saggi di politica ed economia.

link permanente a questa pagina: http://anpi.it/b2425/

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *