venerdì 22 novembre ore 18:38 È sempri binidittu l’amuri – di Alessio Patti (Poesia in lingua Poetica Siciliana) // doppia versione—mille, ne vale mille, in dialetto siciliano!

 

 

È sempri binidittu l’amuri – di Alessio Patti (Poesia in lingua Poetica Siciliana, tratta dal libro “La me arma sapi d’omu”).

 

 

 

 

È sempri binidittu l’Amuri

È sempri binidittu l’Amuri di me matri,
pirchì mi desi ciatu e vita;
binidittu è chiddu di me patri,
pirchì mi dici addivintari ‘n omu;
binidittu è l’Amuri di la me donna,
pirchì m’ama e mi camina appressu;
chiddu di li me’ figghi, chi vannu ni lu futuru
purtannu nta lu Spiritu la me essenzia;
binidittu è l’Amuri di Diu,
chi m’accarizza lu cori e m’ammizzigghia
dannumi spiranza;
binidittu è l’Amuri chi, senza meritu,
mi fa cogghiri lu Mistèriu e mi fa attruzzari l’Oltri;
binidittu è l’Amuri di li versi, Virità
chi passa ni l’arma e lassa ‘n signu.
È sempri binidittu l’Amuri.

(Alessio Patti)

Sia sempre consacrato l’Amore

Sia sempre consacrato l’Amore di mia madre,
perché mi ha dato fiato e vita;
consacrato sia quello di mio padre,
perché mi ha fatto diventare un uomo;
consacrato sia l’Amore della mia donna,
perché m’ama e mi cammina accanto;
quello dei miei figli, che marciano nel futuro
portando nello Spirito la mia essenza;
consacrato sia l’Amore di Dio,
che mi carezza il cuore e mi vezzeggia
dandomi speranza;
consacrato sia l’Amore che, senza merito,
mi fa cogliere il Mistero e mi partecipa l’Oltre;
che lo sia l’Amore dei versi, Verità
che passa nell’anima e lascia il segno.
Sia sempre consacrato l’Amore.

(Alessio Patti)

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza il consenso dell’Autore.

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *