28 febbraio 2014 ore 09:53 RICEVO DA CASA AFRICA (mg) E PUBBLICO IN RITARDISSIMO …”IL SOLITO STUDIO INTERESSANTE PERCHE’ BASATO SU RICERCHE”—IL NOSTRO POVERO BLOG SI INNALZA UN PO’ CON QUESTI COLLABORATORI—SONO ANCORA PIU’ IN RITARDO CON NEMO! MA COSA FACCIO? MI BRANDUJO, MI PARE SI DICA IN LIGURE, ESPRESSIONE CHE NON SO PERCHE’ HA QUALCOSA A CHE FARE CON “COGLIONI”—MAGARI NON E’ VERO—E’ CHE SONO GIU’ DI TONO PER MOTIVI REALI CHE NON SI MODIFICANO DA UN GIORNO ALL’ALTRO// ANZI, ORMAI LO SO DA QUARANTANNI, LORO NON SI MODIFICANO AFFATTO, PEGGIORAN CON LA DEFICITARIA MICRO-CIRCOLAZIONE DEL CERVELLO // CHI DEVE MODIFICARSI SONO IO E LA MIA MICRO-MICRISSIMA CIRCOLAZIONE DEL CERVELLO…LO SCONTRO SI FA DURO ED E’ A QUESTO PUNTO CHE “I MOLLI” SI METTONO A COMBATTERE! PENSATEMI! AHIME’ HO INVASO SENZA VOLERE CASA AFRICA! PERDONATEMI—

salgado ritratto Sebastião Salgado (BRA 1944   )
L’Africa nell’opera di Sebastião Salgado. Il potere della dignità.
leggi l’articolo e guarda i video




riesco a pubblicare la foto che mi è arrivata:

rifugiati ruandesi nell’ospedale di Medici Sanza Frontiere

FEBBRAIO 19, 2014

Sebastião Salgado è universalmente considerato il più grande fotografo documentarista contemporaneo. Le sue opere hanno fatto il giro del mondo ed esposte nei maggiori musei.
Nato nel 1944 nello Stato di Minas Gerais, in Brasile, passa la sua infanzia nella “fazenda” di famiglia, una tenuta circondata per il 50% dalla foresta pluviale. Trasferitosi a San Paolo si laurea in economia e aderisce alla sinistra radicale brasiliana che si opponeva alla dittatura militare. Per questo motivo è costretto ad abbandonare il suo paese e a rifugiarsi a Parigi dove ottiene il dottorato in economia. In seguito lavora per una banca di investimenti e per alcuni progetti economici della Banca Mondiale in Africa.
Nasce da quel momento il suo amore per la fotografia concepita come un mezzo per testimoniare e raccontare quelle realtà che i mezzi di comunicazione e di potere tradizionali tacciono. Una fotografia con una profonda anima sociale.Desidero –egli dice- che ogni persona che entra nelle mie esposizioni sia, al momento di uscire, una persona diversa“. Nasce anche il suo amore per l’Africa, una terra che egli sente sorella. Una terra che era saldata al Brasile prima della formazione dei continenti e in cui ancora sono presenti le tracce di questa identità.
Salgado ha visitato centinaia di volte il continente africano. In un’intervista rilasciata in occasione della presentazione di una sua mostra fotografica sull’Africa egli dice: “è parte della mia vita. Le esperienze più importanti mi sono successe in questi viaggi. Cosa ho imparato? Il potere della dignità. E’ un potere così forte che ho la speranza che riesca  a mettere fine alla miseria, alle guerre e all’ingiustizia che soffre questa gente. Il popolo africano è assai lavoratore, tuttavia non ha case, non ha sanità, non ha istruzione. E’ ora che cominci a ricevere un poco di quel tanto che gli hanno tolto”.
Nei suoi libri come Workers o Exodus vi sono i ritratti dell’Africa che parlano di sfruttamento, di lavoro schiavo, di guerre, di carestie, di fame, di una terra che è stata sottratta con la forza al suo popolo obbligato a trasformarsi in migranti, rifugiati, esiliati.
Tra il 1984 e 1985, come volontario di Medici Senza Frontiere, Salgado fotografa in tutta la sua crudeltà le vittime della fame di una delle grandi catastrofi umanitarie che ciclicamente flagellano la regione del Sahel.

La visione di tutte queste sofferenze segnano ben presto il fisico di Salgado. Furono soprattutto le atrocità del genocidio che si consumò nel 1994 in Rwanda.

 

In Rwanda- egli dice– vidi la brutalità totale, vidi la gente morire a migliaia al giorno. Persi la fiducia nella nostra specie. Non credevo che fosse più possibile per noi vivere.  Iniziai ad avere infezioni dappertutto”. Il medico gli disse: “hai visto così tanti morti che stai morendo anche tu..devi smettere”.



Lascia così la fotografia e torna in Brasile nella sua casa natale. Qui scopre però che la foresta pluviale che un tempo la circondava era stata perlopiù annientata. Dalla copertura originaria, superiore al 50%, era scesa a meno dello 0,5%. Era ormai una terra bruciata. “Il terreno era morto come me”, dice Salgado. E così decide di iniziare un progetto di riforestazione: oltre due milioni di alberi piantati. Fonda nello stato di Minas Gerais l’Istituto Terra una delle più importanti realizzazioni al mondo di rinnovamento del territorio naturale.
Non si sottolineerà mai abbastanza l’importanza di ricostruire ciò che abbiamo distrutto –egli dice– gli alberi sono la garanzia della nostra sopravvivenza. L’unica macchina al mondo in grado di riprodurre l’ossigeno e la costituzione e il mantenimento delle riserve idriche di un paese è proprio l’albero”.

Lavorando sulla ricostruzione di un paradiso come quello in cui era nato ha l’idea di mettere a punto un grande progetto fotografico, diverso però dai precedenti. Lo scopo doveva essere quello di cercare un modo nuovo di presentare il Pianeta Terra: questa volta non avrebbe puntato l’obiettivo sull’uomo e sulla sua lotta per la sopravvivenza, ma piuttosto sulle meraviglie che rimangono nel nostro pianeta. Su quella parte -forse un 45%- che è ancora estremamente viva come al tempo della Genesi.
Da qui nasce Genesi, ultimo capolavoro di Salgado, un documentario durato otto anni e 32 viaggi ai confini del mondo che parla dell’umanità. Che vuole ricordare all’umanità le origini della sua specie, e anche le origini della vita, per educare alla consapevolezza di un progresso che sta distruggendo gli ecosistemi. Lo scopo era “cogliere con la macchina fotografica quella grande parte del pianeta che si presenta ecologicamente pura e, si potrebbe dire, ancora allo stato primordiale. Creare dunque una quantità d’immagini sufficiente a far capire al maggior numero possibile di persone che esiste una grande porzione del mondo ancora integra, allo stato della Genesi, e mostrare quanto proteggere questa parte sia fondamentale per tutti noi”.

“E’ la mia lettera d’amore alla terra scritta con le mie foto”, spiega Salgado in una recente intervista.

Nel suo libro “Dalla mia terra alla terra“, pubblicato quest’anno anche in Europa, Salgado raccoglie le sue riflessioni  e racconta, con parole e immagini, il viaggio dalla sua Terra, il Brasile, alla scoperta della nostra Terra, il pianeta.

In questo video Sebastião Salgado si racconta

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *