ORE 09:05 HO CONOSCIUTO UN NUOVO GIORNALISTA-MASSIMO MAZZETTA- CHE DI COLPO INNALZA IL LIVELLO DI SCRITTURA DEL NOSTRO BLOG! VE LO PRESENTO CON TUTTI I SUOI LINKLINK…VIVE A BOLOGNA, COME NEMO IL BOLOGNES

La politica al tempo dei bimbominkia

Pubblicato il 17 maggio 2014

 

L’attacco grillino ad Alessandra Moretti che finisce in una figuraccia

Per essere il partito più avvezzo alla rete e al suo utilizzo, il Movimento 5 Stelle si segnala spesso per le spettacolari esibizione d’ignoranza su alcuni banali aspetti del suo funzionamento, così ieri (15/5) Di Maio e Sarti hanno lanciato un attacco completamente infondato ad Alessandra Moretti, subito ripreso dai fan, e collezionato un’altra figuraccia

sarti-6-770x518

Spettacolo orrendo, il popolo grillino lanciato sulle ali dell’hashtag  che si schianta contro la dura realtà. Tutto comincia perché durante una trasmissione televisiva Moretti dice in diretta che le rendicontazioni su spese e oboli ricevuti sono sul suo sito, poi succede che il traffico portato dalla televisione è troppo per i limiti del suo sito, che va in crash.

Alessandra Moretti, subito accusata dal blog di Grillo di mentire perché ha fatto riferimento a un sito che è «disabilitato» e che quindi non espone i suoi rendiconti, risponde su Twitter spiegando che il sito è andato in crash per il troppo traffico e che l’indomani sarà di nuovo in piedi. Non l’avesse mai fatto, qualche astuto grillino passa la dritta ed ecco Giulia Sarti che si lancia all’attacco, dando della bugiarda alla collega e rivelando che il suo sito è scaduto, come si evincerebbe dal relativo whois, che riporta la data di scadenza della registrazione del 2 maggio 2014.

Però a Sarti e ai suoi è sfuggito un dettaglio, come già quando la deputata «scoprì» che si potevano dare pensioni di 5.000 euro al mese scambiando la spesa annuale per quella mensile. Il dettaglio per il quale due righe sopra la data di scadenza c’è scritto: «Status: ok/autorenewPeriod». Il che significa che il sito è a posto, è nei 15 giorni successivi alla scadenza e dopo questi potrà passare in Ok o No, a seconda di ciò che faccia l’owner. L’auto-renew period serve a quanti vogliano disdire lo stesso, come spiega Aruba. Tutti i siti che offrono questo servizio restituiscono l’identica informazione, anche quello usato da Sarti, anche Registro.it, solo che il dato nello screenshot di Sarti appare un po’ celato dal cerchio in rosso, sicuramente per caso, visto che a lato appare anche la spiegazione del possibile motivo del disservizio e lì non si parla di registrazione scaduta. [p.s. In più, come si evince dalla webcache di Google, il sito della Moretti era online il 15, il giorno della trasmissione Ottoemezzo con la Moretti e Di Maio. Quindi era impossibile che fosse down perché scaduto il 2, visto che il 15 era online e visto che l’autorenew period scadeva il 17.]

sarti-12

Nonostante questa realtà sia apparsa evidente a molti fin da subito,  Sarti e compari hanno continuato a insultare e a dare della bugiarda alla povera Moretti, che di internet ne sa poco, ma che di sicuro non ha mentito, non è titolare di un sito scaduto e forse ora meriterebbe delle scuse da parte di chi ha fatto una tale figuraccia accusandola a vanvera, per colpa della propria ignoranza. Ma le scuse continueranno a non andare di moda.

Pubblicato in Giornalettismo – Dove trovate anche commenti, screenshot e cotillon (COSA SARANNO IN UN GIORNALE? OH CARA IGNORANZA CHE TI TIENE LONTANA DA SPIFFERI TANTO POTENTI!)

Condividi

Posted in: BagatelleItaliaTrash
Be the first to start a conversation

Aggiungi il tuo contributo

Categorie

I miei tweet

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail. 

Contatti

mazzettatm at gmail punto com

Licenza d’uso

Licenza Creative Commons

Puoi richiedere permessi che eccedono questa licenza scrivendo amazzettatm-at-gmail.com.

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *