ore 10: 00 Ragazzi miei belli del VENERDI’/ quasi SABATO (ahimé, anche per chi è ancora in vacanza) / LA NOSTRA DONATELLA D’IMPORZANO DAL TANTO RIDERE SI E’ INNAMORATA DI SAN ROMUALDO E CE L’HA MANDATO TUTTO INTERO—DA OGGI FARA’ PARTE DELLO STAFF DEL BLOG (staff è lo stesso di équipe? “un dollaro d’onore per chi mi risponde?” chiara

 

Donatella incontra San Romualdo—guardate bene perché mario bardelli ha pennellato andando oltre “il velo di Maia”——-guardate ancora…guardate fino a “vedere”——–ma no schiamazzi no scandali nel nostro bliog!  solo quel rilassamento che natura guida e vuole….

 

 

 


 

josephine baker –una specie di “generatrice” di Donatella /dopo un incontro del padre della Do /direttamente… a Parigi con la grande Josephine! La pelle tipo centro-Americhe di Donatella è da lì-// non dai soliti Arabi (chiamati Turchi qui) che hanno dipinto di nero tanti bimbi—anche parenti miei——Pensate voi, gli anni saranno stati almeno 1925-30: un padre che ha la testa e i mezzi per andare a Parigi…una volta solo per Josephine!

E le altre per chi?

Intanto la fidanzata in un canto del fuoco aspettava aspettava  …di sposarsi. Cosa avete pensato? : in casa di artisti è sempre “tutto comme il faut!” Basta la mia…Un giorno sognerò di farvi venire qui e se siete tanti, ci metteremo nelle scale e poi nella piazza…e arriverà Nemo e Marisa e il suo giovane pittore ed Enzo chissà…e suoneranno un appello A Renzi de far mica lo stupid a toccare la scuola e il lavoro! Ma non vi salverete dai comizi dei socialisti…specie di Bordighera dove , credo, ne sia rimasto solo uno: ma chi è? Signori: è nessuno!

 

 

 

 

SAN ROMUALDO

 

Camaldoli, di cui San Romualdo è il fondatore, si trova nelle foreste  del
Casentino. /TOSCANA/    Monaco al cenobio di sant’Apollinare in Classe a Ravenna, ebbe
una vita di peregrinazioni, peripezie, alla ricerca di un rinnovamento
radicale del modo di essere monaco. ” Siedi nella tua cella come nel
Paradiso, scordati del mondo e gettalo alle tue spalle” lascia scritto nella
sua ” Piccola Regola d’oro”. Vive nel secolo intorno al Mille. Alcune delle
prime località in cui questo inquietissimo e tosto monaco  si rifugia sono
davvero fetide. Nei pressi di Comacchio il suo soggiorno si rivela
impossibile: dalla palude esce un tanfo irrespirabile, l’aria è fetida e
Romualdo, cercando di resistere, finisce ” depilato, tumefatto e di colore
verde vivo”. Perfino uno come lui deve arrendersi e cercarsi un altro posto,
sempre sul delta del Po, in un isolotto tra due bracci del fiume. Lì si
organizza meglio: costruisce una baracca per ripararsi dalle intemperie, si
fabbrica gli attrezzi  indispensabili per la sopravvivenza, dai cucchiaini
intagliati nel legno alle reti da pesca intrecciate con i vimini.
Soprattutto prega e cerca di respingere i visitatori che si fanno sempre più
numerosi e cercano di raggiungere l’isoletta, che si chiama Pereo, e che
oggi non c’è più. Tutti vogliono stargli accanto, chiedere consiglio, essere
guidati sulla via della salvezza. Nel maggio del 996 Romualdo vede sbarcare
sulla sua isoletta una flottiglia di barche e un mezzo esercito di
dignitari, vescovi, soldati che stanno al seguito dell’imperatore Ottone
III, un altro che non sopporta di lasciare in pace gli eremiti. L’imperatore
è venuto a chiedergli di diventare abate dell’importantissimo  monastero di
Sant’Apollinare in Classe. Romualdo non ci pensa nemmeno, l’imperatore
insiste. La cosa va per le lunghe e intanto sull’isolotto scende la sera.
Ottone III, testa dura come il santo eremita, allontana i suoi dicendo loro
che lui passerà la notte sull’isoletta. I due, l’eremita e l’imperatore,
passano la notte nella baracca di Romualdo che, forse preso da compassione
per questo povero imperatore, fa il gesto di offrirgli una coperta, la sua.
Cortesemente l’imperatore rifiuta: grazie, ma la coperta no
( doveva essere
qualcosa di terribile, dopo cinque anni in quell’isola fangosa, un pochino
ispida). Grazie lo stesso. Mossa geniale che forse muove davvero qualcosa
nel cuore del coriaceo Romualdo, che alla fine accetterà di farsi abate,
anche se per poco tempo e correndo parecchi rischi, scampati i quali
riprende la sua inquieta ricerca di posti dove rifugiarsi lontano dal mondo.
Nel suo peregrinare giunge ad una foresta appartata quanto basta. Un
benefattore gentile d’animo, dal nome promettente, Mandolo di Campo Amabile,
gli regala foresta e montagna. E lì, appunto, nasce l’eremo di Camaldoli.

Nota Bene: il testo è stato preso, con pochissime varianti, dal libro di
Giorgio Boatti,” Le strade del silenzio”, Laterza 2012.
Per un primo orientamento su Camaldoli, eremo e cenobio, e sul suo fondatore
San Romualdo, sono suggeriti i seguenti testi ( indicati nella bibliografia
del suddetto libro di Giorgio Boatti): “Privilegio d’amore. Fonti
camaldolesi. Testi normativi, testimonianze documentarie e letterarie” a
cura di Teresa Falcini ( monaca di Bose), Edizioni Qiqajon, Comunità di
Bose, 2007. I dettagli dell’incontro tra Ottone III e Romualdo si trovano in
” San Romualdo e la fondazione del monastero di Sant’Alberto”, in
“Benedictina”, gennaio-giugno ” 2010.

S. ROMUALDO nasce a Ravenna (intorno al 1950) e muore a Fabriano (1027)     il quadro che lo ritrae è del GUERCINO

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX

pausa musicale…Amàlia stessa ci ha comunicato con dispiacere che ha sbagliato il nome del santo, visto che lei…come chiara, non li distingue tanto: non offendetvi, ragazzi, “la cultura dei santi”, uno per uno la  vita…è una propria e grande Cultura, quasi una facoltà con seguente specializzazione—(volete che dica Master? Ebbene sì! con MISTER!)


LE ABBAZIE IN RELAZIONE A QUESTO SANTO:
SE MAI A QUALCUNO / SPARUTO VISITATORE D’ARTE/ LA STORIA DELLA BASILICA DI SANTA APOLLINARE IN CLASSE E I VARI SUCCESSIVI RESTAURI

SAN ROMUALDO E IL SACRO EREMO DI CAMALDOLI NEL PARCO NAZIONALE DEL CASENTINO…
DI NUOVO CAMALDOLI, MA QUESTA VOLTA DI UN’AGENZIA DI VIAGGI—36 FOTO

San Romualdo e l’Abbazia di Valdicastro



san Romualdo e  l’  

Abbazia di Santa Maria di Sitria (sec. XI)

NOTA DI CHIARA
La movimentata biografia di questo personaggio è stata raccontata da Pier Damiani, che scrisse una Vita di san Romualdo circa 15 anni dopo la sua morte (1042).

Appello—di chiara in extremis al Santo:

caro Romualdo dalla tua Santità grida forte a chiara un BASTA! il coro è pronto: Donatella   mario Donatella…mario se n’è andato—allora grida chiara! ciao a tutti sia ai visitatori che a quelli  che non ci visitano—

4 risposte a ore 10: 00 Ragazzi miei belli del VENERDI’/ quasi SABATO (ahimé, anche per chi è ancora in vacanza) / LA NOSTRA DONATELLA D’IMPORZANO DAL TANTO RIDERE SI E’ INNAMORATA DI SAN ROMUALDO E CE L’HA MANDATO TUTTO INTERO—DA OGGI FARA’ PARTE DELLO STAFF DEL BLOG (staff è lo stesso di équipe? “un dollaro d’onore per chi mi risponde?” chiara

  1. Donatella D'Imporzano scrive:

    E’ venuto molto bene e San Romualdo ne è certamente contento, lo si vede dal rosso acceso che lo colora in modo del tutto caratteristico ed insieme elegante, altro che il verde. Io invece sono verde di bile perché credo che mi sia sparito lo scritto di cui ti dicevo sul libro di Don Rigoldi. Pazienza! Certo che diventare verde come lui!!!

  2. nemo scrive:

    penso che staff si riferisca al personale ( anche dipendente ) di una impresa, ed equipe a un insieme di uguali ( squadra, in inglese team ) ….. mahhh
    Sì, cara Chiara, un giorno verremo tutti lì da voi e riempiremo le scale, il corso e la piazza: Enzo, Silvio e Marisa in testa. Nemo potrà mettersi ancora la maglietta rossa da socialista d’ antan …. e sarà una festa grande….

    • Chiara Salvini scrive:

      grazie, ho così tanto bisogno di “sognare” in questo periodo! buona notte! chiara
      grazie anche per la distinzione precisa che mi hai dato tra staff ed équipe: non la dimenticherò mai più perché è spiegata bene–

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *