ORE 17:15 SE NON SAPETE LA STORIA DI DUE RAGAZZI DI VENT’ANNI: RASI E SPINELLI, LEGGETE! … …CHE TUTTO QUESTO SIA POTUTO SUCCEDERE…UN ASSURDO COSI’ GRANDE! —PAGARE CON TORTURE, SEVIZIE E FUCILAZIONE A 20 ANNI! — PER AVER DETTO QUALCHE PAROLA CONTRO IL FASCISMO –LA DELAZIONE DI ” POVERI BASTARDI”—COMPAGNI DI REGGIMENTO— DEI FASCISTI CHE LI CATTURARONO,TORTURARONO ED UCCISERO…—-” la mia lingua divien tremante muta e non l’ardisce di parlare “

 

 

TUTTI MORIMMO A STENTO: LA VERA STORIA DI RASI E SPINELLI

Toby Dammit  

L’associazione Circolo Cinema Toby Dammit è un’associazione culturale no profit nata da un insieme di persone che hanno cercato nella propria città di mantenere viva un’alternativa ad un cinema di tipo commerciale.

I “FATTORI DEL FILM” SPIEGANO  ED E’ MOLTO INTERESSANTE LA LORO IDEA DI FARE QUESTO CINEMA–

 

intervista ai ragazzi e forse trailer ( non ho l’audio)

https://www.youtube.com/watch?v=sZHbSi4LsTc

 

IL FILM DEVE ESSERE USCITO INTORNO AL GIUGNO 2014 –70° ANNIVERSARIO

 

 

trailer –1 min. e qualcosa

https://www.youtube.com/watch?v=bEe_2UKTGH4

 

 

 

 

 

 

 

martin luther king:

 

” per farsi dei nemici non è necessario dichiarar guerra, basta dire quel che si pensa “

 

Questa frase di Martin Luther King  sembra detta proprio per questi due poveri ragazzi– Domenico Rasi e Vanzio Spinelli.

 

 

 

 

Domenico Rasi (Cesena9 dicembre 1924 – Cattolica24 giugno 1944) è stato un antifascistapartigiano italiano.

 

 

Domenico Rasi     1924-1944

 

era studente di architettura a Firenze; nell’estate del 1944 era militare dell’8º Reggimento bersaglieri della R.S.I. di stanza a Gabicce Monte.
Unitamente al commilitone Vanzio Spinelli accusato da un delatore appartenente allo stesso Reparto di avere manifestato opinioni antifasciste e disfattiste e di avere avuto contatti con esponenti della Resistenza, furono imprigionati presso la rocca malatestiana di Cattolica e processati da un tribunale militare tedesco dal quale – anche al fine di dare una punizione esemplare nel tentativo di porre un freno al crescente fenomeno delle diserzioni – vennero dichiarati colpevoli di “disfattismo nelle forze armate, intelligenza con i partigiani, propaganda sovversiva” e fucilati all’alba del 24 giugno 1944 presso il cimitero comunale.
Nello stesso processo verranno emesse altre condanne più lievi nei confronti dei commilitoni Ippolito Fontana e Carlo Cortesi, per analoghi motivi: quest’ultimo in una dichiarazione allegata agli atti del processo avviato nel dopoguerra nei confronti del comandante del Reparto, il Magg. Leonardo Vannata, ha fornito una drammatica e dettagliata testimonianza delle torture e degli interrogatori, da cui emerge il particolare accanimento dei fascisti nei confronti delle due giovani vittime, ree unicamente di desiderare giustizia e libertà per la loro Patria, come si può leggere nelle toccanti e dignitose parole scritte nelle loro ultime lettere indirizzate a familiari e amici.

 

 

 

gabicce monte—pesaro–urbino

 

 

La città di Cattolica è l’ultima città costiera della Romagna. Cattolica si trova infatti nel punto più basso della Riviera Romagnola, al confine con le Marche.

 

Cartina: Cattolica, provincia di Rimini

 

 

ANPI Associazione Nazionale Partigiani d'Italia

 

 

 

Cesena – Veduta

Uomodis08 – Foto–-Cesena si trova in provincia di Forlì-Cesena in Emilia Romagna

 

 

parte delle colline che circondano Cesena–in fondo  il mare Adriatico

 

 

 

Cesena durante i bombardamenti durante la Seconda Guerra Mondiale

 

 

 

Vanzio Spinelli  1924-1944

Nato a Cesena il 17 marzo 1924, fucilato a Cattolica (Rimini) dopo sentenza di un tribunale delle SS tedesche il 24 giugno 1944, studente. 

Studiava all’Istituto industriale di Rimini e, chiamato alle armi, era in servizio a Gabicce Monte  nell’8° Reggimento Bersaglieri della RSI. (la repubblica sociale, con a capo Mussolini, voluta dai tedeschi per governare i territori italiani da loro occupati; si forma dopo l’8 settembre 1943) .Denunciato da un commilitone che l’aveva sentito esprimere idee antifasciste e che lo sospettava di contatti con la Resistenza, il ragazzo fu imprigionato col suo amico Domenico Rasi nella rocca malatestiana di Cattolica e dopo un pesante interrogatorio, condannato alla fucilazione da un tribunale di SS tedesche.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Alla Liberazione, il comune di Cattolica ha concesso a Spinelli e al suo amico la cittadinanza onoraria e a Spinelli il CLN di Forlì (nella cui zona operava la Brigata “Mazzini), ha riconosciuto la qualifica di partigiano.
A Cattolica il lungomare cittadino è oggi intitolato ai due ragazzi fucilati. Li ricorda anche il monumento, opera dell’architetto Luigi Filippini, eretto nel 1978 nel Cimitero del Comune romagnolo.

link permanente a questa pagina: http://anpi.it/b2797/

 

 

 


Cesena, piazza del popolo vista dal Torrione

 

Uomodis08 – foto

 

 

 

 

 

 

 

 

https://www.youtube.com/watch?v=bEe_2UKTGH4

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *