ore 18:04 ” ci sono luoghi dove ci si può sempre appoggiare ” : LE NOVITA’ DEL BLOG DI NEMONEMO —ATTENTI! SONO POST CHE…PRENDI UNO E VALE TRE!

 

 

John F. Burns : “Caro Tiziano solo adesso posso dirti che ho capito “

15
APR
2015

“””… < […] Era bello, disse Tiziano Terzani, avere accumulato tutti quei visti e timbri sui passaporti, tutte quelle scadenze esotiche, tutti quei pupazzi di Saddam Hussein o Libretti Rossi con la saggezza di Mao, tutte quelle storie riccamente condite di temerarietà. Ma ditemi, per favore, che cosa avete riportato indietro ? Dal mio zaino di viaggiatore spunta quello che ci si può aspettare da un giornalista che ha trascorso tanti anni in alcuni tra i luoghi peggiori del mondo, che si presentavano in modo fraudolento, nella loro propaganda avvolgente, come qualcosa di completamente diverso e benevolo. Ciò che quegli anni, più di ogni altra cosa, hanno nutrito in me è una profonda repulsione per le ideologie di ogni genere. Dalla Russia sovietica alla Cina di Mao, dall’ Afganistan governato dai Taliban alla repressione vigente in Sudafrica negli anni dell’ apartheid, ho imparato che non c’ è limite alla follia, alla cattiveria e alla sofferenza che possono affliggere le società dove esiste una ideologia dominante, e nessuna perfidia che non possa essere giustificata manipolando i precetti di Mao o di Marx, del profeta Maometto o di Kim Il-Sung. […] Il fallimento dell’ approccio che divide il mondo in destra e sinistra è stata una lezione che ho imparato presto. Un incarico in Cina agli inizi degli anni Settanta mi mise di fronte alle dottrine omicide del  ‘Pensiero’ di Mao Zedong, che fece milioni di vittime; e un altro incarico a Mosca nei primi anni Ottanta, mi mise a contatto con le miserie che una forma perversa di marxismo-leninismo aveva imposto alla Russia sovietica, con un tragico tributo di milioni di vittime. L’ ideologia è stata il flagello del XX secolo, e ha continuato a esserlo in molti dei peggiori regimi del XXI . Forse il più omicida di tutti gli Stati è la Corea del Nord della famiglia Kim, con milioni di morti di fame e le sofferenze di grandi campi di prigionia nascosti. E anche le decapitazioni, le fucilazioni di massa e le persone bruciate vive a opera dello Stato islamico hanno la loro origine in un altro genere di pensiero estremista e corrotto. Se dovessi catalogare questi momenti nelle truci dittature del mondo, potrei riempire un libro, o forse tre. Ma nel tornare a casa, nei paesi occidentali, dove nessuno muore per un calo di fedeltà a un primo ministro o a un presidente, può essere deprimente sentire i sostenitori di un credo politico adottare le inflessibili certezze degli stati totalitari Abbiamo conquistato a caro prezzo il diritto di pensare e parlare liberamente, ma ne facciamo un cattivo uso a nostro rischio e pericolo. > …”””

 

( da Il tributo di un grande reporter a Terzani e al mestiere comune in R2 la Repubblica di Lunedì 13 Aprile 2015 )

 

john f. burns

è del ’44 come quelli di noi che sono del ’44—Ha vissuto in mezzo alle guerre -come corrispondente- principalmente – del NYT– E’ nato in Inghilterra nella famosissima città dello scheriffo di Nottingham–Adesso mi tocca cercare la canzone “troppo bella”!

 

Condividi
Questa voce è stata pubblicata in GENERALE. Contrassegna il permalink.

3 risposte a ore 18:04 ” ci sono luoghi dove ci si può sempre appoggiare ” : LE NOVITA’ DEL BLOG DI NEMONEMO —ATTENTI! SONO POST CHE…PRENDI UNO E VALE TRE!

  1. nemo scrive:

    Ohh, cara Chiara ! Troppo ‘generosa’ col blogghetto del nemo …. Qui ci vuole presto un caffettino da ‘millevoglie’ ….

    • Chiara Salvini scrive:

      Ma sai che non metto ” il naso fuori ” nel senso della politica estera ?; la mia prima visita sarà per Enzo cui ho portato un regalino…una sciarpa che mi sembra “per lui” e che cerco da qualche anno e che -con certezza- come il cardigan stile Oxford (inglese) che era proprio proprio “Peynet” —lui non metterà.
      Ma poi, scusa, quale blogghetto? ” E’ un posto-porto sicuro dove ti trovi interessato a leggere senza farti venire la barba lunga. ” A proposito di barba, non mi sono dimenticata dell’otto aprile, anzi ci ho molto pensato in anticipo e proprio quel giorno lì, il giorno otto…non sapevo che giorno fosse– Gli auguri ve li ho fatto lo stesso, il regalo –se le vorrete – solo in marmellata casalinga… Quando avrete voglia, come mai siete sempre tanto occupati? ciao a tutti tvb o ci provo! chiara

  2. nemo scrive:

    Auguri molto graditi, grazie cara Chiara ! Allora, la ‘consegna’ della sciarpa potrebbe essere l’ appuntamento …. No occupati …. basta stabilire quando per il caffettino …. Marmellata, sempre gradita, ma basta un ‘vasetto’ …. Bacione

Rispondi a Chiara Salvini Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.