ore 07:55 LA BINDI HA SEMPRE AVUTA LA FACCIA PIU’ PULITA…SE PULIZIA E’ RISPONDERE ALLA PROPRIA COSCIENZA PRIMA CHE AL MONDO POLITICO : ” HO FATTO IL MIO LAVORO! RIGUARDA ANCHE DE LUCA… NON C’ENTRA LA LOTTA NEL PARTITO…”

 

da   DONATELLA

” Così seppelliscono la questione morale”

di Gian Carlo Caselli

 

: “… In sostanza il messaggio è: se applicando le regole si fa qualcosa che danneggia me o qualcuno della mia cordata, metti in conto che tu che applichi le regole dovrai subire attacchi, aggressioni e denunce. E’ la solita difesa ” contro le regole”, uscendo dal circuito delle regole stesse.. Un classico è accusare chi fa il suo dovere di uso distorto della funzione per fini politici di parte, appioppando etichette fasulle di appaertenenza a questa o a quell’altra fazione. Sta succedendo anche alla presidente della Commissione Antimafia Rosi Bindi, accusata ingiustamente di voler favorire una componente del suo gruppo politico a scapito di altre. Lo scopo è quello di sempre: denigrare e svalutare il lavoro che si sta facendo, parlando di altro rispetto al merito. E’ successo a Falcone e Borsellino quando si occupavano di Vito Ciancimino e dei fratelli Salvo, è successo alla Procura di Palermo quando si occupava del dopo stragi, di Andreotti e Dell’Utri. Succede ora a Rosi Bindi, quando si occupa, non di un insieme di parole vuote, ma di rompere la cortina di silenzio che sta cancellando la questione morale”.

di Gian Carlo Caselli, su “Il Fatto” di sabato 30 maggio 2015, pag.5

 

 

 

 

 

222206974-e0c95151-cfee-4d89-aa12-0a0438472c0a

 

LA SOLITUDINE DI ROSY: “VOGLIONO LE DIMISSIONI? HO FATTO IL MIO DOVERE” (di Monica Guerzoni)

30 maggio 2015

«Perché mi accusano? Cosa vogliono da me? E che c’entro io con la battaglia tra Renzi e la minoranza? Nulla, Rosy Bindi non è nessuno e non c’entra nulla… È una vergogna e una tristezza immiserire un lavoro fatto così bene per ricondurre tutto alla lotta interna». È una Bindi «stanca morta» e però «tranquilla» quella che a metà pomeriggio, provata per il fuoco amico che piomba giù dal Nazareno e da Palazzo Chigi, si dice «a posto con la coscienza» e ribalta le accuse: «Non sono io che uso la Commissione per fare la guerra al governo, sono loro che tentano di fare politica usando l’Antimafia. Lo sa cosa mi fa soffrire? Scoprire che il mio partito ha smarrito il senso
delle istituzioni».

Gli echi della battaglia finale arrivano al quarto piano di Palazzo San Macuto dove la presidente, reduce dalla prima conferenza stampa in streaming della sua vita — in cui ha letto un pensiero di Giovanni Falcone, lei che si fa un vanto di evitare le citazioni in pubblico — allarga più volte le braccia per sottolineare l’ineluttabilità della verifica: «De Luca? E come avrei potuto lasciarlo fuori dalla lista, se è in corso una indagine a suo carico per concussione continuata? Sembra che abbia svelato chissà quale segreto, quando la sua posizione era arcinota e Renzi ha sfidato il mondo dicendo che è un bravo sindaco e sarà un ottimo presidente».

A difenderla, nel Pd, sono solo esponenti della defunta «ditta» come Bersani, Cuperlo, Fassina, D’Attorre. Ma guai a chiederle se è vero che ha giocato una partita tutta politica per indebolire il premier, guai a domandarle come si senta nei panni di pasionaria anti-Renzi… «È il contrario. Che c’entrano i miei rapporti con il segretario del mio partito? Niente, ho fatto solo il mio lavoro. Semmai loro sono gli anti-Bindi, loro che usano le istituzioni per fini politici». E lei? Davvero non ha strumentalizzato questa vicenda? «L’ultimo pensiero che avevo era il Pd ed è falso
che abbia fatto tutto di testa ia. La mia storia parla da sola. ai e poi mai ho usato funzioni pubbliche per obiettivi personali. Trovatemi un indizio, un sentore, un dubbio, un sospetto…».

Per non farsi influenzare dai commenti, negli ultimi giorni ha evitato con cura di leggere i giornali. Ma ieri ha cercato sulla rete parole di conforto e ha trovato «una caterva di messaggi» incoraggianti, da Pietro Grasso a Gateano Silvestri, da Nando Dalla Chiesa a Tano Grasso. Col passar delle ore, la soddisfazione per la missione compiuta ha lasciato il posto alla tristezza, poi alla rabbia.

L’accusa più bruciante arriva dal premier, l’aver usato l’Antimafia per «regolare i conti». I renziani parlano di vendetta politica, le addebitano processi di piazza orditi «per suo tornaconto». E studiano la rottamazione definitiva della ex presidente del Pd, che nel 2013 sfidò gli anatemi contro la vecchia guardia e si candidò alla Camera. «Vogliono le mie dimissioni? Le chiedano. Di me non mi importa nulla, facciano quello che vogliono, ma le ragioni di questo lavoro sono nella legge dello Stato che istituisce l‘Antimafia. Se non avessi fatto la verifica, allora sì che avrebbero potuto chiedermi un passo indietro».

Sapeva che sarebbe stata dura, ma non si aspettava una reazione così virulenta. Eppure se potesse tornare sui suoi passi imboccherebbe lo stesso vicolo stretto, convinta com’è che setacciare le liste elettorali a caccia di candidati impresentabili fosse non solo «la cosa giusta», ma un vero e proprio dovere istituzionale.

 

Quando fa buio, l’amarezza prevale sulle altre emozioni. La Bindi non lascerà il partito, ma comincia a temere che il Pd di Renzi stia scrivendo un’altra storia: «La mia è quella della legalità e io spero tanto che sia anche la loro. Come mi sento? Me stessa, come sempre».

200

Vota:

 

Condividi

2 Responses to ore 07:55 LA BINDI HA SEMPRE AVUTA LA FACCIA PIU’ PULITA…SE PULIZIA E’ RISPONDERE ALLA PROPRIA COSCIENZA PRIMA CHE AL MONDO POLITICO : ” HO FATTO IL MIO LAVORO! RIGUARDA ANCHE DE LUCA… NON C’ENTRA LA LOTTA NEL PARTITO…”

  1. Donatella scrive:

    O si ha fiducia nella Magistratura ( frase che ricorre sempre nelle dichiarazioni dei politici) o non si ha. O si sta con la Costituzione o si sta con qualcosa d’altro. Io sto con la Bindi.

  2. Donatella scrive:

    di Gian Carlo Caselli, su “Il Fatto” di sabato 30 maggio 2015,pag.5 ” Così seppelliscono la questione morale”: “… In sostanza il messaggio è: se applicando le regole si fa qualcosa che danneggia me o qualcuno della mia cordata, metti in conto che tu che applichi le regole dovrai subire attacchi, aggressioni e denunce. E’ la solita difesa ” contro le regole”, uscendo dal circuito delle regole stesse.. Un classico è accusare chi fa il suo dovere di uso distorto della funzione per fini politici di parte, appioppando etichette fasulle di appaertenenza a questa o a quell’altra fazione. Sta succedendo anche alla presidente della Commissione Antimafia Rosi Bindi, accusata ingiustamente di voler favorire una componente del suo gruppo politico a scapito di altre. Lo scopo è quello di sempre: denigrare e svalutare il lavoro che si sta facendo, parlando di altro rispetto al merito. E’ successo a Falcone e Borsellino quando si occupavano di Vito Ciancimino e dei fratelli Salvo, è successo alla Procura di Palermo quando si occupava del dopo stragi, di Andreotti e Dell’Utri. Succede ora a Rosi Bindi, quando si occupa, non di un insieme di parole vuote, ma di rompere la cortina di silenzio che sta cancellando la questione morale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *