ore 16:02 NOTIZIE BUONE DAL PD — SARA’ ? — SI CAMBIA CON LE FORBICI? SENZA UNA CONTEMPORANEA INIZIATIVA POLITICO-EDUCATIVA? IN UN CIRCOLO “DA CHIUDERE” NON C’E’ NEANCHE UN FIORE ROSSO?

 

 

  • ANSA.it 20 giugno 2015
  • Lazio
  • Pd Roma: rivoluzione Orfini, 27 circoli da chiudere

Pd Roma: rivoluzione Orfini, 27 circoli da chiudere

Barca: sono dannosi, arene di potere. Stop con i capibastone

Un circolo del Pd su quattro a Roma presto chiuderà i battenti. La mappatura delle strutture del partito nella Capitale, affidata all’ex ministro Fabrizio Barca, fotografa una situazione delicata in una città ancora scossa dal terremoto di Mafia Capitale che, a dicembre scorso, ha portato a Roma il commissario Matteo Orfini pronto, già da lunedì, a mettere in pratica quella “rivoluzione” annunciata ormai sei mesi fa, all’alba della prima ondata di arresti di “Mondo di mezzo”.
Così com’era avvenuto a dicembre scorso, tra la folla di iscritti all’Eur, Orfini si presenta di nuovo tra la gente, questa volta non nel piazzale della biblioteca Elsa Morante ma nel parco delle Valli, dalla parte opposta di Roma dove stasera ha preso il via la Festa dell’Unità. Dopo i ringraziamenti di rito è toccato a Barca, però, tirare le somme del lungo dossier.
Dei 110 circoli che costellano la Capitale, 27 sono “dannosi” , sono “l’arena di uno scontro di poteri” e presto, si lascia intendere, saranno chiusi. Si tratta di circoli che “bloccano il confronto sui contenuti – afferma Barca -, premiano la fedeltà di filiera, emarginano gli innovatori”. Tra questi ci sono anche degli “insospettabili”, come quello dell’Eur o quello di Testaccio. Due sono, invece, le strutture cosiddette “chiuse” e sono i circoli di Versante Prenestino e di Ostia Nuova.
Quest’ultimo pochi giorni fa è stato sfrattato proprio per problemi con il canone d’affitto. I circoli “virtuosi”, invece, sono solo nove: Cesano, Donna Olimpia, Esquilino, Labaro, Laurentino Petroselli, Magliana, Ostia Antica, Ottavia Palmarola e Tor Sapienza. Barca parla di sei tipologie di circoli, compresi quelli “d’identità” (25), “d’inerzia” (17) e quelli “ponte” (28). I restanti due circoli erano invece chiusi al momento della mappatura. Nella lunga relazione dell’ex ministro si sottolineano le “anomalie” dei circoli, già registrate durante la direzione romana del partito la settimana scorsa quando è stato approvato il nuovo regolamento per il tesseramento. In particolare si registrano “irregolarità” di iscrizioni in corrispondenza di votazioni o congressi. Inoltre il “38,3% degli iscritti non frequentano il circolo”. “Non dobbiamo mai abbassare la guardia – il monito di Barca -. Da situazioni disastrose ci si rialza e si rinnova”. Un rinnovamento che parte proprio dagli iscritti, da chi stasera ha assistito per due ore alla dura fotografia di un partito dilaniato da correnti e “capibastone” che oggi nessuno vuole più vedere.

 

 

 

 

Redazione ANSAROMA20 giugno 2015 10:26FOCUS

 

Condividi

4 Responses to ore 16:02 NOTIZIE BUONE DAL PD — SARA’ ? — SI CAMBIA CON LE FORBICI? SENZA UNA CONTEMPORANEA INIZIATIVA POLITICO-EDUCATIVA? IN UN CIRCOLO “DA CHIUDERE” NON C’E’ NEANCHE UN FIORE ROSSO?

  1. Donatella scrive:

    Ovviamente chiudere i circoli “cattivi” può essere una misura giusta e che può servire d’esempio. Sicuramente non è sufficiente. Un proverbio è profondamente vero : il pesce puzza dalla testa. Fa bene Barca, che è sicuramente una persona capace e onesta, a denunciare il malaffare nel partito, ma la svolta deve essere politica, altrimenti tra un anno ci si ritrova punto e a capo.

  2. nemo scrive:

    Ehh, pur di ‘vincere’ occorre imBarcare tutti ..

    • Chiara Salvini scrive:

      lo scherzetto linguistico, venendo da te non può essere un errore! D’accordo sul giudizio implicito! grazie, ciao chiara –un abbraccio a Mary (“Tutti pazzi per Mary”)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *