17:13 MASSIMO RIZZANTE —LE LEZIONI MESSICANE DI CALVINO—( 2015, trentennale della morte di Italo Calvino) —QUELLO CHE LEGGETE —ANCHE ALLA NOIA —E’ MASSIMO RIZZANTE , UNO SCRITTORE PRIMA DI TUTTO, UN POETA, UN SAGGISTA CIOE’ “UN PERSONAGGIO”::: CALVINO, MENTRE CE LO RACCONTA DEVE ADATTARSI A TUTTA LA COSTRUZIONE MENTALE DI QUESTO AUTORE —E’ SEMPRE COSI’? A MIO PARERE (CHIARA) E’ SEMPRE COSI’—FORSE HO PERSO IL FILO : un artista –mi pare —vedra’ più cose in un altro artista di quanto faccia un letto “ingenuo”—boh! ci credete? non ha importanza! ma adesso notte è notte per chiara vecchietta++ dolori senza sono: ottimo per leggere cose nuove—-CHE, STATE TRANQUILLI, VI RIPORTERO’ CON PEDANTERIA!

 

 

11 settembre 2011 –rep. pag 43

 

Massimo Rizzante (San Donà di Piave, 1963) è poeta, saggista, prosatore e traduttore.  

Ha studiato a Urbino, Leuven, Nijmegen, Klagenfurt, Paris, Granada, Tokyo. Dal 1992 al 1997 ha fatto parte del «Seminario sul Romanzo Europeo» diretto da Milan Kundera a Parigi. Dal 2011 al 2013 ha insegnato Lingua e Letteratura Italiana presso la Tokyo University of Foreign Studies (Giappone). Attualmente insegna Letteratura Italiana Contemporanea e Letterature Comparate presso l’Università di Trento, dove dal 2006 dirige il Seminario Internazionale sul Romanzo (SIR).

Massimo Rizzante

 


 

CULTURA

Nel trentennale della morte viaggio a Tula, luogo in cui il grande scrittore rinnegò il suo “sguardo da archeologo”sul mondo dei segni: “Interpretare è tradire”
Le lezioni messicane del Calvino filosofo
MASSIMO RIZZANTE
Di stanza a Città del Messico per un mese. Abito per un po’ nella Casa Refugio Chitlatépetl, tra Condesa e Hipódromo, quartieri sicuri e ricchi della capitale. Basta uscire in strada e osservare il passo tranquillo dei cani d’alto bordo e dei loro padroni. Dopo qualche giorno decido di andare a Tula, l’antica capitale dei toltechi, un popolo prudente e saggio, il cui regno durò cinque secoli e che fu sempre fedele a Quetzalcóatl, il celebre dio raffigurato come un serpente piumato. Dopo un’ora e mezza di corriera mi trovo di
fronte a una zona archeologica dominata da una grande piramide sopra la quale quattro enormi guerrieri in basalto, gli Atlanti, guardano l’orizzonte. Perché sono salito fin quassù? Per vedere gli Atlanti? Non proprio. Sono qui per rendere onore a Italo Calvino. È morto trent’anni fa. Ho come la sensazione che in Italia sia stato prima postmodernizzato, accusato cioè con frivolezza di tutte le derive di quella stagione che ormai nessuno ricorda più, poi canonizzato, quindi messo nel dimenticatoio dove stanno tutti i morti.
Sono qui perché anche lui molto tempo fa è stato da queste parti. Ho come la sensazione che in mezzo a tutte queste rovine il suo “sguardo d’archeologo”, come scrisse nel lontano 1972, mi sia ancora utile a descrivere pezzo per pezzo il mio mondo. Quando è morto, stava componendo le Lezioni americane , dove descrive i valori letterari che avrebbe voluto conservare: leggerezza, rapidità, esattezza, visibilità, molteplicità. Oggi, agli inizi del millennio che Calvino non fece in tempo a vedere, le sue conferenze mi sembrano lettere inviate ad amici ignoti. Ricordo la fine del libro: «Magari fosse possibile un’opera concepita al di fuori del self, un’opera che ci permettesse d’uscire dalla prospettiva limitata d’un io individuale, non solo per entrare in altri io simili al nostro, ma per far parlare ciò che non ha parola, l’uccello che si posa sulla grondaia, l’albero in primavera e l’albero in autunno, la pietra, il cemento, la plastica…».
Che senso avrebbe la letteratura se non fosse divorata dalla pretesa impossibile di uscire da se stessa? Sarebbe un gioco che si inventa le sue regole e basta. Proprio questa domanda è il valore essenziale, implicito in ogni pagina delle Lezioni americane.
Prima di scrivere le lezioni, nel 1983 Calvino pubblica Palomar .

In un capitolo del libro,
Serpenti e teschi , il protagonista è in Messico. Visita le rovine dell’antica Tula. Con lui c’è un amico, esperto delle civiltà precolombiane. Palomar lo ascolta con attenzione, attratto dal gioco di rimandi che viene dai reperti del passato. Però è incuriosito anche dall’atteggiamento opposto, apparentemente rinunciatario, di un maestro elementare che sta accompagnando la sua scolaresca. Il maestro non offre una spiegazione – analogica, simbolica, allegorica, mitologica – dei monumenti, ma termina invariabilmente il suo discorso agli allievi con un laconico: «No se sabe lo que quiere decir» («Non si sa quello che vuol dire»). Palomar è a disagio. Si rende conto che le parole del maestro, pur non avendo nulla di scientifico, possiedono una certa saggezza. Riflette: «Il rifiuto di comprendere più di quello che queste pietre ci mostrano è forse il solo modo possibile per dimostrare rispetto del loro segreto; tentare di indovinare è presunzione, tradimento di quel vero significato perduto».
Per il maestro elementare, le pietre di Tula non sono segni, puntelli su cui far leva per almanaccare castelli di significati; sono apparenze che si presentano alla percezione e che perciò richiedono da parte di chi guarda una certa remissione delle facoltà razionali. Mentre Palomar sa già quel che vede, il maestro elementare si meraviglia e tace perché non lo sa. Per lui l’ignoto è all’ordine del giorno. Le cose sono mute. Possono emanare uno stato di quiete, ma che cosa possono dirci? Palomar, malgrado si sforzi, non riesce al contrario a trattenersi dal compiere l’eterna ubris, non smette cioè di pensare, di interpretare ogni cosa che vede, con tutto il fardello di nevrosi e scacchi che ciò comporta.
Ecco cos’è stata Tula per Calvino: la possibilità di sospendere la danza ermeneutica attorno alle cose, di cominciare un’altra danza. Il suo destino, come nel caso di Palomar, è stato poi quello di interpretare fino al suo ultimo giorno, tanto che il suo erratico tentativo di descrivere i valori letterari da trasmettere al millennio che non vide, si può ben definire, come nel caso del suo personaggio, una lunga esercitazione alla morte. Però qualcosa, alla fine delle sue Lezioni americane , è rimasto della laconica lezione del maestro elementare di Tula. Per questo mi piace immaginarlo qui, pieno di meraviglia di fronte a queste rovine mute, un po’ meno incredulo di fronte alle apparenze del mondo, mentre scende in silenzio le scale della grande piramide con al seguito una scolaresca di piccoli toltechi dalla testa impiumata.
©RIPRODUZIONE RISERVATA
LALETTERATURA
Magari fosse possibile un’opera concepita al di fuori del self, per fare parlare ciò che non ha parola
( Lezioni americane) “
IL DUBBIO
Il rifiuto di comprendere è forse il solo modo possibile di dimostrare rispetto
( Palomar)
NAZIONALE - 11 settembre 2015 

CERCA
 

1
PRIMA
 

2
INTERNI
 

3
 

4
MONDO
 

5
 

6
 

7
 

8
 

9
CULTURA
 

10
INTERNI
 

11
 

12
 

13
 

14
ECONOMIA
 

15
 

16
 

17
 

18
 

19
MONDO
 

20
CRONACA
 

21
 

22
 

23
 

24
 

25
 

26
 

27
 

28
 

29
 

30
ECONOMIA
 

31
 

32
 

33
BORSA
 

34
COMMENTI
 

35
 

36
MONDO
 

37
 

38
 

39
 

40
 

41
 

42
 

43
CULTURA
 

44
 

45
 

46
SPETTACOLI
 

47
 

48
 

49
 

50
SPORT
 

51
52
53
54
TV
55
METEO
56
PRIMA
INTERNI
MONDO
CULTURA
ECONOMIA
CRONACA
BORSA
COMMENTI
SPETTACOLI
SPORT
TV
METEO
Elenco sezioni
LECH WALESA
MASTANDREA “ECCO PERCHÉ MARCEREMO SCALZI COME I MIGRANTI”
“IL MIO STRANIERO DALLA PARTE DELL’ARABO”
LE NUOVE NARRAZIONI BARICCO E PICCOLO SU CINEMA E SERIE TV
RACCONTI DI VIAGGIO DA LARRSSON A DARLYMPLE
WOODWARD TORNA AL WATERGATE CON UN LIBRO
SCRITTORI E INTELLETTUALI IN TRINCEA SULLA CRISI
CRONACA
CULTURA
ECONOMIA
MONDO
Prima
INTERNI
BORSA
COMMENTI
SPETTACOLI
SPORT
Elenco sezioni
Elenco titoli
 

1
PRIMA
 

2
INTERNI
 

3
 

4
MONDO
 

5
 

6
 

7
 

8
 

9
CULTURA
 

10
INTERNI
 

11
 

12
 

13
 

14
ECONOMIA
 

15
 

16
 

17
 

18
 

19
MONDO
 

20
CRONACA
 

21
 

22
 

23
 

24
 

25
 

26
 

27
 

28
 

29
 

30
ECONOMIA
 

31
 

32
 

33
BORSA
 

34
COMMENTI
 

35
 

36
MONDO
 

37
 

38
 

39
 

40
 

41
 

42
 

43
CULTURA
 

44
 

45
 

46
SPETTACOLI
 

47
 

48
 

49
 

50
SPORT
 

51
 

52
 

53
 

54
TV
 

55
METEO
 

56
Salva
Seleziona tutto
Scegli e Salva i PDF
LECH WALESA
MASTANDREA “ECCO PERCHÉ MARCEREMO SCALZI COME I MIGRANTI”
“IL MIO STRANIERO DALLA PARTE DELL’ARABO”
LE NUOVE NARRAZIONI BARICCO E PICCOLO SU CINEMA E SERIE TV
RACCONTI DI VIAGGIO DA LARRSSON A DARLYMPLE
WOODWARD TORNA AL WATERGATE CON UN LIBRO
SCRITTORI E INTELLETTUALI IN TRINCEA SULLA CRISI
CRONACA
CULTURA
ECONOMIA
MONDO
Prima
INTERNI
BORSA
COMMENTI
SPETTACOLI
SPORT
Elenco sezioni
Elenco titoli

in caricamento

 

Condividi

One Response to 17:13 MASSIMO RIZZANTE —LE LEZIONI MESSICANE DI CALVINO—( 2015, trentennale della morte di Italo Calvino) —QUELLO CHE LEGGETE —ANCHE ALLA NOIA —E’ MASSIMO RIZZANTE , UNO SCRITTORE PRIMA DI TUTTO, UN POETA, UN SAGGISTA CIOE’ “UN PERSONAGGIO”::: CALVINO, MENTRE CE LO RACCONTA DEVE ADATTARSI A TUTTA LA COSTRUZIONE MENTALE DI QUESTO AUTORE —E’ SEMPRE COSI’? A MIO PARERE (CHIARA) E’ SEMPRE COSI’—FORSE HO PERSO IL FILO : un artista –mi pare —vedra’ più cose in un altro artista di quanto faccia un letto “ingenuo”—boh! ci credete? non ha importanza! ma adesso notte è notte per chiara vecchietta++ dolori senza sono: ottimo per leggere cose nuove—-CHE, STATE TRANQUILLI, VI RIPORTERO’ CON PEDANTERIA!

  1. Donatella scrive:

    Non ho mai letto Palomar e Lezioni Americane: mi è venuta voglia di leggerle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *