00:11 POLONIA ELEZIONI —RISULTATI DEFINITIVI OGGI 26 OTTOBRE (non si sa) :: VINCE LA DESTRA POPULISTA ANTI–UE DI ” DIRITTO E GIUSTIZIA ” // AVREBBE I NUMERI PER GOVERNARE DA SOLA ! PER LA PRIMA VOLTA ::: NESSUNA FORZA DI SINISTRA IN PARLAMENTO ::::

 

ansa.it  26 ottobre 2015

Vince, in Polonia,  il partito di destra anti-Ue all’opposizione Diritto e Giustizia (Pis) del leader Jaroslaw Kaczynski con il 39,1% delle preferenze. Candidata premier è Beata Szydlo. Per Piattaforma civica del centro del primo ministro uscente Ewa Kopacz si registra un 23,4% delle preferenze.

La destra anti-Ue di ‘Diritto e Giustizia’ ha anche i numeri per formare un governo da sola. Se i numeri degli exit poll fossero confermati infatti il Pis avrebbe 242 seggi su 460 alla Camera, e la premier designataBeata Szydlo non dovrebbe cercare alleati per governare. I centristi di Piattaforma civica, attualmente al governo, otterrebbero solo 133 seggi.

Il terzo partito è Kukiz’15 che prende il nome dal cantante rock fondatore e che ha ricevuto il 9% i voti. Gli altri due partiti del Sejm saranno Nowoczesn.pl (Moderna) del liberale Ryszard Petru con il 7,1% dei voti e il Partito dei contadini (Psl) con il 5,2% delle preferenze. Fuori dalla Camera bassa, perché sotto la soglia di sbarramento dell’8%, rimangono il partito Sinistra unita (Zl) che ha avuto il 6,6%, la formazione di Janusz Korwin-Mikke con il 4,9%, e quella di sinistra sociale Razem (Insieme) di Adrian Zandberg con il 3,9%. Secondo lo stesso exit poll l’affluenza è stata del 51,6%.

Nessuna forza di sinistra in parlamento – Per la prima volta nella storia della Polonia post-comunista, nessuna forza di sinistra ha ottenuto abbastanza voti per entrare in parlamento: lo prevede un exit poll “Ipsos” sui risultati delle elezioni polacche svoltesi ieri confermando che ad entrare nel Sejm saranno cinque formazioni definibili di centro o destra.

Mosca, rispettiamo voto ma rapporti non al meglio – La Russia “certamente” rispetta “i risultati delle elezioni in Polonia”, ma “allo stesso tempo” si rammarica del fatto che “le relazioni bilaterali” tra i due Paesi “non sono nella forma migliore”. Lo ha detto il portavoce di Putin, Dmitri Peskov.

 

 

INFORMAZIONI SULLA POLONIA (QUALCHE COSA BEN PICCOLA! )

 

 

 

 

DANZICA,  sembra un giocattolo!

 

 

Danzica, sul Mar Baltico, è l’unico porto importante della Polonia anche se questa si affaccia per 500 Km sul Mar Baltico

 

 

 

Polonia.  (da Rep. di oggi)

Gli ultraconservatori quasi al 40% avrebbero la maggioranza assoluta–  Beata Szydlo vince la sfida tra donne: la premier Ewa Kopacz ammette la sconfitta
Varsavia gela l’Europa trionfa la destra anti-Ue Il ritorno di Kaczynski “Governiamo da soli”
ANDREA TARQUINI
VARSAVIA

È LA svolta più radicale, oltre le migliori speranze delle destre europee: alle elezioni politiche polacche, secondo risultati parziali e proiezioni, il PiS (Diritto e Giustizia, il partito di Jaroslaw Kaczynski) ha stravinto e potrà governare da solo. La sua capolista, la biologa Beata Szydlo vicinissima al giovane neopresidente (eletto a giugno) Andrzej Duda sarà la nuova premier. I liberal al potere in otto anni in cui l’economia è cresciuta del cinquanta per cento crollano, e nel nuovo Sejm (Camera bassa) non ci sarà più alcun seggio assegnato a forze di sinistra. Gli elettori del più importante membro orientale della Ue e della Nato hanno fatto una scelta durissima, senza compromessi: più nazione e meno Europa, tradizioni nazionali prima di tutto. Un colpo al cuore, atteso ma durissimo, per Angela Merkel e Jean-Claude Juncker, per Matteo Renzi e Mario Draghi, per tutti i seguaci di una forte unione politica europea. E la certezza di un nuovo potere a Varsavia più antirusso che mai, e magari disposto a cercare intese pur difficili con l’amico filorusso Viktor Orbàn. E di una linea dura anti-migranti e con Bruxelles e Berlino.
«Ammettiamo la sconfitta», ha detto poco dopo le 21 locali e italiane, ora di chiusura dei seggi, la premier uscente, la liberal Ewa Kopacz. Con una partecipazione al voto del 51,6 per cento (buona per un paese della “nuova Europa”) i nazionalconservatori volano al 39,1 per cento, Platforma (i liberal della signora Kopacz) crollano al 23,4. Terzo partito col 9 per cento è quello conservatore- protestatario della rock star tradizionalista Kukiz, quarto Nowoczesna (modernità, nuova forza liberal) al 7, poi i Contadini (Psl). Sinistra unita e “Razem”(movimento progressista giovanile ispirato a Podemos) resteranno fuori dal nuovo Sejm, come l’ultradestra del razzista Janusz Korwin-Mikke. Conseguenza: per premi e riporti, il PiS avrà ben 242 dei seggi della decisiva Camera bassa e potrà governare da solo, senza alleati come Orbàn a Budapest. Platforma crolla a 133 seggi e rischia una letale scissione.
«Ai vincitori lasciamo un paese in crescita», ha ammonito Ewa Kopacz. Ma tutti in Polonia e in Europa, dicono gli amici di Gazeta Wyborcza , guardano ora alle scelte dei nazionalconservatori. Temendo una sterzata euroscettica e autoritaria. Kaczynski per primo cerca di calmare le paure, «non sono capo dello Stato e non sarò premier, ho capito che con me candidato il PiS sarebbe stato senza speranze», ha commentato a caldo. «Ma nella sua storia politica e personale», suggeriscono fonti diplomatiche occidentali, «l’idea del “mai” non esiste. Non esisteva negli anni Novanta quando prima fu col padre della democrazia Lech Walesa poi ruppe con lui da destra, né quando suo fratello gemello Lech, allora presidente, morì nella tragedia aerea di Smolensk, e “Jarek”sembrava distrutto nell’animo per sempre. Vedremo ora».
Molti ieri sera nella Varsavia percorsa da elettori e militanti del PiS in festa al canto dell’inno nazionale, non escludevano che Szydlo potrebbe un giorno lasciare la premiership al 66enne leader carismatico, scapolo convinto, vive con mamma e col gatto. Ma in ogni caso, Berlino, Bruxelles e i mercati attendono con allerta il colpo economico e di Borsa delle promesse elettorali dei nazionalconservatori: pensione di nuovo a 65 anni e non a 67, assegni di 125 euro per ogni secondo figlio, più spese sociali. Finanziabili con più tasse per le grandi banche, una scelta guarda caso mutuata di pari passo dal modello dell’autocrazia ungherese.
«I liberal hanno perso, dopo troppi errori, bisogna accettare la realtà, adesso tutto dipende da chi avrà più peso nel PiS», dice Konstanty Gebert, massimo esponente della cultura ebraica polacca e columnist di
Gazeta : «O davvero le facce nuove, i giovani come Duda e Szydlo, hanno trasformato i nazionalconservatori in partito ragionevole, oppure Kaczynski resta dietro le quinte il più forte ».
Soprattutto in questo caso, molti temono riforme centralizzanti o autoritarie sul modello di Orbàn, sebbene il PiS prometta dialogo, indipendenza della Banca centrale, dei media e di ogni istituzione e politica per la crescita. La linea più dura sui migranti, anche a costo di scontri frontali con la Ue sulle ripartizioni, è scontata. Kaczynski in persona li ha definiti «potenziali portatori di pericolose epidemie». Addio all’igiene del linguaggio che fu valore costitutivo della rivoluzione polacca del 1989.
©RIPRODUZIONE RISERVATA
Ora le cancellerie occidentali temono una sterzata autoritaria e un avvicinamento a Orbàn
FRA STORIA E FINZIONE LE OSSESSIONI DI BIBI TENGONO IN TRAPPOLA IL POPOLO ISRAELIANO
VARSAVIA GELA L’EUROPA TRIONFA LA DESTRA ANTI-UE IL RITORNO DI KACZYNSKI “GOVERNIAMO DA SOLI”
“DECIDE TUTTO LA MERKEL,L’UNIONE NON VA”
LA GUERRA CHE NON DOVEVA INIZIARE
FRA STORIA E FINZIONE LE OSSESSIONI DI BIBI TENGONO IN TRAPPOLA IL POPOLO ISRAELIANO
“ASSAD PRONTO ALLE ELEZIONI PARLAMENTARI” UCCISO AD ALEPPO LEADER DEL FRONTE AL NUSRA
LA CACCIA AL DRONE DEGLI ANIMALI “LI STRESSANO”
CRONACA
INTERNI
MONDO
Prima
ECONOMIA
COMMENTI
SPORT
CULTURA
LEGUIDE
SPETTACOLI
AUTOMOTORI
TV
Elenco sezioni
Elenco titoli

in caricamento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *