19:29 IL PRIMO ROMANZO AL MONDO PUBBLICATO SU INSTAGRAM : UN RACCONTO IN IMMAGINI– di – —CHI E’ INSTAGRAM ? —per ora non lo sappiamo, ma il romanzo in immagini sembra una straordinaria notizia !

 

 

RACHEL HULIN –PROGETTO FOTOGRAFICO — ” HENRY CHE VOLA ”

 

Farm Flight, Flying Henry. Photographer Rachel Hulin

Farm Flight, Flying Henry. Photographer Rachel Hulin

 

 

a chi potesse interessare, in inglese, un ‘intervista a Rachel Hulin che ci è apparso preludere al romanzo in immagini, ma chiara non sa l’inglese

http://www.imagesource.com/blog/flying-henry/#prettyPhoto

 

 

 

 

Libreriamo

 

26 ottobre 2015

“Hey Harry Hey Matilda”, il primo romanzo scritto su Instagram

 

 

Il romanzo di Rachel Hulin è costruito come un dialogo via mail tra i protagonisti, due gemelli, alle prese con i loro problemi

 

 


MILANO – E’ di Rachel Hulin il primo romanzo scritto su Instagram. Il titolo del romanzo prende il nome proprio dal profilo di Instagram su cui si sviluppa la storia: @heyharryheymatilda. LHuffington post ci aiuta a capire meglio l’idea del romanzo e la sua realizzazione.

 

 

HUFFINGTON POST DEL 15 OTTOBRE 2015

http://www.huffingtonpost.it/2015/10/15/primo-romanzo-instagram_n_8299856.html


 

INSTAGRAM

 

 

LA TRAMA E I PROTAGONISTI – La storia ha come protagonisti principali due gemelli che si scambiano mail sui problemi di vita quotidiana che devono affrontare e i relativi consigli che si danno a vicenda per ogni situazione. Ma cosa fanno nella vita? Lei è una fotografa di matrimoni, lui un insegnante di inglese senza un ruolo fisso. Harry e Matilda sono nati sei anni fa nel blog personale dell’autrice, ma solo recentemente la scrittrice si è accorta della loro potenzialità. E’ nato così il primo romanzo pubblicato su Instagram.

IL ROMANZO SU INSTAGRAM – Un percorso che si snoda su un periodo di 9 mesi accompagnati da post e fotografie che arricchiscono la storia e che amplificano il significato di ciò che viene scritto. Ecco un esempio:

 

HEY HARRY,
oggi è stata una gran perdita di tempo. Sono stata 15 minuti al telefono con la mia banca prima di accumulare abbastanza 000000000 da arrivare finalmente a parlare con una persona reale. Ero convinta che questa entità fraudolenta chiamata “Sbux” nel mio estratto conto mi stesse lentamente rubando i soldi a forza di piccole somme di 4 e 5 dollari. Ero talmente seccata che mi è toccato perdere del tempo per risolvere la questione. Ero veramente indignata. E invece salta fuori che Sbux è… Starbucks. Ho dovuto buttare giù alla tizia del customer service perché stava gongolando.
Tra l’altro: lo sai che “Pomeraniano” è un aggettivo che si riferisce alla Pomerania, un’area che sta tra la Polonia e la Germania? Forse è il motivo per cui la gente della Pomerania assomiglia così tanto alla nonna.

HEY MATILDA,
La vita è logica. Devi imparare ad affrontare queste scocciature quotidiane, amica. Io scrivo delle liste. Dovresti farne una ogni mattina e poi seguirla attentamente.

 

 

Tutto il romanzo di Rachel Hulin è così, va avanti come un dialogo ininterrotto via email, e non è un caso che si intitoli proprio “Hey Harry Hey Matilda”. Protagonista il rapporto tra due gemelli, circa-trentenni, alle prese con i loro problemi: lei è una fotografa di matrimoni frustrata, lui un insegnante di Inglese – cronicamente non di ruolo. Ma la particolarità della storia è un’altra: quello di Rachel è il primo romanzo pubblicato su Instagram. Un percorso lungo nove mesi che si snoda a colpi di post accompagnati da fotografie che aggiungono dettagli alla storia, la arricchiscono o la illustrano meglio di quanto non possano fare le parole.

 

 

Harry e Matilda sono nati sei anni fa nel blog personale dell’autrice, ma fino ad ora erano stati al massimo oggetto di complimenti da parte degli amici, niente di più. Rachel è, oltre che scrittrice, fotografa. Ha lavorato come photo editor a New York, ha scattato per il New York Times. Era molto impegnata e aveva altro a cui pensare. Ma poi, non riuscendo a lasciarsi i due personaggi alle spalle, nel 2014 ha iniziato a scrivere la loro storia: ha finito a primavera 2015. E si è resa conto del potenziale immenso e innovativo che aveva davanti.

 

 

 

UN’IDEA ORIGINALE – Diversi scrittori hanno cercato di trovare dei modi innovativi e originali per legare la scrittura al frequentato mondo dei social network. Gli esempi di Tweet-letteratura sono frequenti, ma mai nessuno aveva avuto l’idea di Rachel Hulin. La scrittrice è come se avesse ideato dal nulla due persone. Ha creato addirittura un sito di fotografia personale della protagonista.  I loro follower si appassionano così alla vita dei due gemelli come se fossero due persone reali, come se le loro mail fossero indirizzate anche a loro. Dopo aver creato e sviluppato questo mondo a Rachel Hulin non resta che decidere se portarlo sulla carta stampata e se pubblicare un libro vero e proprio. In questo caso, però, dovrebbe sicuramente rinunciare a una delle caratteristiche e della forze principali dell’idea: le foto, protagoniste in Instagram, ma relegate al ruolo di fantasmi all’interno dei libri.

 

 

A libro finito e blog avviato, per prima cosa Rachel ha lanciato una newsletter con le email dei due personaggi e ha aperto un vero sito da fotografa per l’immaginaria Matilda. Poi ha iniziato a spulciare tra i suoi archivi fotografici e a scattare altre immagini ai suoi amici per impersonificare i personaggi su Instagram. Con tutti questi accorgimenti digitali, la storia di Matilda e Harry sembra reale: i gemelli ragionano assieme del senso delle emozioni e della vita, delle problematiche e delle noie quotidiane, dei sogni infranti. E ci fanno sentire come se fossimo amici loro, come se le loro mail fossero indirizzate a noi. “È come se fosse un romanzo in streaming live – ha commentato l’autrice – somiglia all’arte performativa”. Certo, altri ci avevano pensato prima di lei, componendo romanzi su Twitter o brevi storie nelle didascalie di Instagram. Ma nessun lavoro prima aveva combinato letteratura e immagini in maniera così devota. E Rachel non si nasconde dietro l’etichetta “di innovatrice”: pubblicarlo veramente, il libro, in carta stampata, le piacerebbe eccome. In quel caso dovrebbe per forza rinunciare a un sacco di fotografie. 

HEY MATILDA,
ho letto le regole per studenti e insegnanti di John Cage. Regola #8: non provare a creare e ad analizzare contemporaneamente. Sono processi differenti. Sai qual è la regola #9? Sii felice ogni volta che ci riesci. Divertiti. È più facile di quanto pensi. Lo ripeto sempre ai miei studenti.
HEY HARRY,
la #9 è una bugia preparata. I tuoi studenti te lo fanno notare? Mi sono addormentata con le cuffie addosso ieri notte. Mi sono svegliata che la musica andava ancora, immersa nei sudori freddi. Il testo, Harry. “Dimmi quello che sai sui sogni, dimmi quello che sai sulle paure notturne, niente, non te ne frega veramente dei processi di domani, piuttosto stai stesa sveglia in un letto pieno di dolore”. HARRY, ti senti mai come se l’universo ci desse degli indizi sul futuro, tutto il tempo, senza che noi fossimo in grado di comprenderli?

Segnala un errore

 

 

 


LEGGI ANCHE: INSTAGRAM, 10 LIBRI CHE OGNI AMANTE DEI LIBRI DOVREBBE SEGUIRE

 

Ti potrebbero interessare anche:

– 16 foto che solo un amante dei libri può capire (Parte 1)

– 16 foto che solo un amante dei libri può capire (Parte 2)

 

26 ottobre 2015© RIPRODUZIONE RISERVATA

TAGS
COMMENTI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

http://libreriamo.it/2015/10/26/hey-harry-hey-matilda-il-primo-romanzo-scritto-su-instagram/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *