+++LA GRANDE GUERRA IN TRE MINUTI —DALL’ ISTITUTO BERNOCCHI DI LEGNANO, PROFESSORE E ALUNNI (VEDI SOTTO)

 

 

 

La Grande Guerra italiana in 3 minuti

Come si evince dal titolo abbiamo cercato di sintetizzare la Prima guerra mondiale italiana in uno spazio temporale esiguo.
Fatica improba! Perché la guerra italiana è stata ben più complessa di quanto potrebbe apparire nel nostro breve video. Nel nostro lavoro abbiamo voluto sintetizzare almeno i capitoli fondamentali dello sforzo bellico del nostro Paese in cui emergono i tanti sforzi compiuti dai nostri soldati per sfondare il fronte dell’Isonzo e le tante vittime sul campo di battaglia, frutto di strategie e tattiche legate a guerre ottocentesche (assalto frontale) mentre le nuove armi (in primis la mitragliatrice ma anche i cannoni a tiro rapido) avrebbero dovuto imporre da subito un diverso criterio di impiego degli uomini. Così non fu e allora la Grande Guerra italiana divenne il grande scempio di vite umane che a lungo ogni famiglia italiana ricordò nel tempo.
Alla fine arrise la Vittoria, ma a quale prezzo!
E come frutti avvelenati della vittoria la nuova Italia di Vittorio Veneto si trovò a gestire due territori di confine dai quali deriveranno tensioni che poi esploderanno con il secondo conflitto: Bolzano con il Sud Tirol (Alto Adige) e soprattutto l’Istria slava.
Quest’ ultimo territorio conoscerà la tragedia delle foibe e l’esodo di tanti italiani da terre che diventeranno jugoslave nel 1945. Come frutto avvelenato della Grande Guerra avremo subito il fascismo con l’ombra inquietante del Mussolini della Marcia su Roma. Insomma, una guerra che non crea i presupposti di un’Italia più moderna ma al contrario condanna il nostro Paese a una lunga fase di convulsioni (il Biennio Rosso) e poi all’esperienza del Ventennio fascista.
Tanti motivi che spiegano l’attualità di questa guerra e la necessità di studiarla e capirla.

Realizzzato da:
Giancarlo Restelli (Docente)
Daniele Colombo, Davide Galeone e Pedretti Stefano (Studenti)
ISIS Bernocchi , Legnano

 

 

 

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *