INSIDER–IL FATTO DI OGGI — MATTEO RICHETTI, IN GRAN SILENZIO E DISCREZIONE, DICE A MATTEO RENZI…

 

Foto Roberto Monaldo / LaPresse13-02-2014 RomaPoliticaPD - Direzione NazionaleNella foto Matteo RichettiPhoto Roberto Monaldo / LaPresse13-02-2014 Rome (Italy)National Direction of the Democratic PartyIn the photo Matteo Richetti

 

Il Matteo che sfida Matteo

di Insider

 

“Hai ragione su tutta la linea”. Venerdì, il giorno dell’intervista di Matteo Richettia La Stampa i deputati dem facevano la fila. “La fiducia presuppone una visione comune di paese e di società. Francamente mi pare troppo”, aveva detto il parlamentare emiliano il giorno dopo che il Senato aveva votato le unioni civili, con il gruppo Ala di Denis Verdini che dava la fiducia al governo.

Parole forti, che non solo contraddicevano la linea di Matteo Renzi, ma che venivano accompagnate da una critica della gestione del ddl Cirinnà. Erano giorni e giorni che sottovoce lo dicevano in molti, nel mondo dei renziani autonomi (o degli ex renziani). Ad alta voce non l’aveva ancora detto nessuno. E dunque la fila. “Matteo, è come dici tu”. Poi, subito, la precisazione, furtiva e decisamente timorosa: “Ma non si può dire”. E dunque, ufficialmente, davanti a microfoni e tv, ecco una sfilza di dichiarazioni tutte uguali. E poi, le pacche sulle spalle e le strette di mano furtive a Richetti.

 

insider –il fatto quotidiano del 29 febbraio continua nel link sotto:

https://insider.ilfattoquotidiano.it/2016/02/29/il-matteo-che-sfida-matteo/

Condividi

One Response to INSIDER–IL FATTO DI OGGI — MATTEO RICHETTI, IN GRAN SILENZIO E DISCREZIONE, DICE A MATTEO RENZI…

  1. Donatella scrive:

    Ultime notizie dalla mondiale rubrica ” Non c’entra niente” ( ma forse sì) :
    da “Il Fatto” di mercoledì 24 febbraio 2016 pag.15, a cura di Stefano Feltri: ” Guy Standing, l’economista inglese parla di ” una nuova classe esplosiva che sta sconvolgendo la politica occidentale. Guy Standing non è più soltanto un autorevole sociologo ed economista ( insegna alla School of Oriental and African Studies). E’ diventato il profeta dell’avvento del precariato come ” nuova classe esplosiva”. Sta finendo il suo terzo libro sul tema, dopo “Precariato”, Il Mulino 2012 e ” Diventare cittadini”,Feltrinelli 2015. E’ riuscito a spiegare a un pubblico anglosassone che l’estrema flessibilità del mercato del lavoro imposta soprattutto ai giovani, l’erosione dei loro diritti, la perdita di controllo sul loro tempo di vita, non sono sintomi inevitabili della vitalità del capitalismo, ma un cambio epocale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *