RUDYARD KIPLING ( PREMIO NOBEL 1907 )— IL RACCONTO DEL 1901 DAL TITOLO ::: KIM

     

 

 

RISVOLTO

Un ragazzino gioca seduto a cavalcioni su un gigantesco cannone: è Kim, altrimenti noto come «il Piccolo Amico di tutto il Mondo»; orfano di un sergente irlandese, cresciuto come un monello indiano nei vicoli di Lahore, Kimball O’Hara «non faceva niente, e con enorme successo». Così ci accoglie «uno dei libri più ‘felici’ che le letterature occidentali possiedano» (G.A. Borgese), intriso com’è di bellezza e di non poca sapienza.
È sotto la protezione di due numi tutelari – il lama Teshoo, impegnato a ritrovare il Fiume della Freccia per affrancarsi dalla Ruota delle Cose, e il mercante di cavalli Mahbub Ali, spia al soldo degli inglesi nel Grande Gioco che «giorno e notte mai non cessa» – che si snoda l’avventura di Kim. Improvvisatosi discepolo del primo e agente segreto del secondo, infatti, il ragazzo, che gioca per il gusto di giocare e viaggia per viaggiare, come fanno «i diavoli e gli inglesi», assume «l’indescrivibile falcata che è del vagabondo» (e che è il passo stesso del romanzo) e si mette in marcia a fianco del lama lungo la Grand Trunk Road, fiumana di vita che scorre per millecinquecento miglia da Bombay e Benares a Peshawur, dando così avvio a una scorribanda picara che è insieme un pellegrinaggio religioso. Attraverso pianure e montagne, dall’afrore dei bazar ai climi rarefatti delle lamasserie tibetane alle pendici dello Himalaya, fra treni e caravanserragli, villaggi e postazioni militari, travestimenti e agguati, sarà un tripudio di «nuovi scorci» ovunque si posi «l’occhio complice», un inno all’India amata nella sua molteplice unità dal suo più celebre cantore, Rudyard Kipling.
Kim è apparso per la prima volta nel 1901.

« In considerazione del potere dell’osservazione, dell’originalità dell’immaginazione, la forza delle idee ed il notevole talento per la narrazione che caratterizzano le creazioni di questo autore famoso nel mondo »
(Motivazione del Premio Nobel)

Joseph Rudyard Kipling


Medaglia del Premio Nobel Premio Nobel per la letteratura 1907

Joseph Rudyard Kipling (Bombay, 30 dicembre 1865Londra, 18 gennaio 1936) è stato uno scrittore e poeta britannico.

La sua opera più nota è il racconto, oggi considerato per ragazzi, Il libro della giungla (The Jungle Book, 1894). Famosi sono anche il racconto di spionaggio ambientato in India Kim (1901), il romanzo Capitani coraggiosi (1897), oltre alle poesieGunga Din (1892), Se (If, 1895) e Il fardello dell’uomo bianco (The White Man’s Burden, 1899).

 

 

Condividi

One Response to RUDYARD KIPLING ( PREMIO NOBEL 1907 )— IL RACCONTO DEL 1901 DAL TITOLO ::: KIM

  1. Donatella scrive:

    Kim è un libro che mi ha sempre affascinato. L’ho letto da ragazzina, perché era considerato un libro per l’infanzia. Forse non era neppure un’edizione completa, ma quel bambino che entra ed esce dal ” Grande gioco”, protetto dal monaco buddista, che attraversa paesaggi grandiosi, mi ha sempre affascinato e mi ci immedesimavo totalmente.

Rispondi a Donatella Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *