Daniele Sepe feat. Shaone ‘Round Midnight // Daniele Sepe, sax—NAPULI JAZZ

 

Tratto da “A note spiegate”
Album distribuito da Good Fellas
Crowdfounding:
http://www.musicraiser.com/projects/3
Paolo Romano “Shaone” vox
Daniele Sepe tenor sax
Tommy De Paola piano
Davide Costagliola bass
Paolo Forlini drums

ROUND MIDNIGHT

(Testo Shaone)

Sienteme, e aroppe vireme e nu’ te cunfonnere,
se ll’uocchie a vvote me se chiurono e ati vvote smicciano,
s’ ‘e ccoscie se muovono, ‘e spalle s’aizano, vire ‘e ddete che scarfano
e cride che sonano sule lloro, che cirche fore, che vaje truvanno,
chest’ è ‘na notte comm’ a ll’ate addò sunamme, nuje ccà stamme,
e ‘o facimme p’ ‘o fa’ sentì, te guarde attuorno oi nì ma che cirche ‘e capì,
‘o faro ‘e ‘stu locale te pare, nu lampione ‘int’ a nu vico stritto ‘e ‘na street ‘e New York
a mezzanotte e ‘na sigaretta, che scagne pe fummo che ‘a terra saglie,
qua sbruffo ‘e ‘na saittella, piglie ‘n’abbaglio è fuoco ‘e paglia,
ccà chi nu’ ‘sta ‘ncopp’ ‘a seggia sbaglia, appizza ‘e rrecchie sulo chesto bbasta ossaje,
cu ‘a ‘uerra ‘ncapa staje, che strano viaggio faje, bye bye, tuorna areto ma addò te ne vaje,
nunn’è ‘na trance mistica, nu ‘ngrippo, ‘na mania, di iperuranio, smania, distacco che t’estrania,
nunn’è ‘na camminata che te vuò fa’ ‘ncopp’ ‘a luna,
sta a’ ccà abbasce Armstrong e ve tromba a’ uno a’ uno, pecchè ccà se sona e bbasta,
senza ‘ngrippà ‘e ccerevelle, senza paraustielli, senza fa’ e buffuncielli,
nu’ conta chi se sbatte, se sona e bbasta, basta nu cicchetto, ‘na sigaretta,
jazz a mezzanotte.

Ascoltami, e dopo guardami e non ti confondere,
se gli occhi mi si chiudono ed altre volte sbirciano,
se le gambe si muovono, le spalle si alzano,
vedi le dita scaldarsi e credi che suonino da sole,
cosa cerchi fuori, cosa vuoi trovare,
questa è una notte come le altre dove suoniamo, noi qui siamo,
e lo facciamo per farlo sentire, ohi ragazzo ti guardi attorno ma cosa cerchi di capire,
il faro di questo locale ti sembra un lampione in un vicolo stretto di una strada di New York
a mezzanotte e una sigaretta, che scambi per un fumo che sale da terra,
ma quale sbuffo di un tombino, prendi un abbaglio, è fuoco di paglia,
qui sbaglia chi non sta seduto su questa sedia, facendosi voli pindarici,
ascolta bene, lo sai che basta solo questo, hai la guerra in testa, ti fai uno strano viaggio, bye bye,
ma dove vai, torna dietro, non è una trance mistica, un blocco mentale, una mania di iperuranio,
una smania, un distacco che ti estranea, non è una camminata che vuoi fare sulla luna,
Armstrong è qui sulla terra e vi tromba ad uno ad uno, poiché qui si suona e basta,
senza cervellotiche paranoie, senza ragionamenti contorti, senza fare i buffoni,
non conta chi si atteggia, si suona e basta, basta un cicchetto, una sigaretta,
jazz a mezzanotte.

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *