RAGAZZI, SVEGLI! TORNA FINALMENTE LA RUBRICA ” NON C’ENTRA NIENTE ” DI DONATELLA D’IMPORZANO CHE…” una fenestra vascia ” ci aveva lasciata da quel dì!

http://il sottoscala https://palomarblog.wordpress.com/wp-admin/post.php?post=7148&action=editL’angusta sede della Fondazione che promuove l’opera del grande pensatore sardo sarà inaugurata domani  (http://notizie.tiscali.it/che cita ” Il Fatto” –vedi Donatella)

'Casa Gramsci' a Torino relegata in un locale nel retro di un hotel

avevate già una foto di Gramsci così bella e giovanissimo? Forse scrive alla mamma cui era molto legato (ci pare), e dovremmo essere nel febbraio del ’14 (se leggiamo bene,,,)—

Per i conti di chiara, che ammette: li sbaglia, in questa foto, più o meno, Gramsci dovrebbe avere 23/4 anni…

 

Antonio Francesco Gramsci nasce ad Ales in Sardegna nel 1891 e morirà nel giorno di domani, 27 aprile,  nel 1937.

Arriva a Torino nell’autunno del 1911…ha 20 anni, sentenzia sempre chiara senza calcolatrice…questa curiosità degli anni dei personaggi, qui nel blog, mi sta aiutando a mettere, in risorgimento futuro, i neuroni antichi della matematica… E se fossero belli morti…

 

 

xXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX…

 

 

Sempre per la rubrica di DONATELLA D’IMPORZANO (questa, senza arsenico né merletti alle seppioline!), intitolata…

non c’entra niente:

 

” Gramsci finisce in due camere e cucina”, a cura di Massimo Novelli, da “Il Fatto”, martedì 26 aprile 2016, pag. 8:

A Torino il palazzo secentesco, cosiddetto Piazza Carlina, dove visse poveramente dal 1913 al 1922 Antonio Gramsci, è stato trasformato in un albergo a 4 stelle.

La Fondazione piemontese “Antonio Gramsci” riesce a considerare ” un nuovo luogo della cultura” una sorta di negozietto, neppure troppo visibile, come luogo gramsciano,
ubicato al piano terra, tra le vie Maria Vittoria e San Massimo, nella parte posteriore dell’hotel.

Per gentile  concessione della  Fondazione del gruppo spagnolo NH, proprietario dell’ albergone (immagini sotto).

Dentro, tra le sedie e un tavolo, i quadretti e la libreria che ospita qualche raccolta anastatica dei giornali fondati da Gramsci. Poteva però anche andare peggio, dato che l’hotel avrebbe dovuto chiamarsi proprio “Gramsci”. La mobilitazione di cittadini di tutta Italia ha impedito nel 2014 che l’albergo recasse il nome dell’ oppositore al fascismo e del leader comunista, che ebbe quali uniche stanze di pernottamento, dopo l’arresto, quelle del confino di Ustica, di San Vittore, di Regina Coeli e di Turi.
Anche prima dell’arresto da parte della polizia di Mussolini, Gramsci aveva vissuto confuso tra il proletariato di Torino, in un locale di corso Firenze e nella stanzetta dell’edificio allora popolare di piazza Carlina, a pensione dalla madre di un amico, Berra, con il diversivo della casa dei compagni di lotta Alfonso Leonetti e Pia Carena.

Si potrebbe dire, metaforicamente parlando, che le ceneri di Gramsci a Torino sono state disperse sul retro di un hotel, tra una boutique di abiti e un negozio di occhiali.

 

per chi volesse vedere lo splendido hotel ” che non si lascia copiare ” …chissà nel retro…?

http://www.nh-collection.com/it/hotel/nh-collection-torino-piazza-carlina

Condividi

One Response to RAGAZZI, SVEGLI! TORNA FINALMENTE LA RUBRICA ” NON C’ENTRA NIENTE ” DI DONATELLA D’IMPORZANO CHE…” una fenestra vascia ” ci aveva lasciata da quel dì!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *