A BITONTO (oggi parte della metropoli di Bari), la civiltà ha lasciato i suoi segni da secoli e millenni: ve ne mostriamo uno, un duomo, considerato “la più completa e matura espressione del romanico pugliese “— DOVE E’ FINITA TUTTA STA CIVILTA’?

facciale sud della cattedrale di Bitonto

 

Fu innalzata nel centro della città tra l’XI e il XII secolo.[1] La costruzione, in stile romanico pugliese su modello della basilica di San Nicola di Bari, è considerata la più completa e matura espressione del romanico pugliese[2] anche per il portale riccamente scolpito e per il rosone, il primo in Puglia con sovrarco sormontato da una sfinge e fiancheggiato da due leoni su colonnine pensili. Nella cripta è stato rinvenuto un mosaico raffigurante un grifone. La struttura doveva essere preceduta da un portico, come attestano i resti d’imposte d’archi sui piloni della facciata, ma in realtà non fu mai costruito.

L’esistenza della diocesi di Bitonto, secondo le fonti scritte, risale al 1089, quando era guidata dal vescovo Arnolfo, ed è perdurata sino al 1986, quando è stata unita all’arcidiocesi di Bari. (wiki, ” Bitonto  cattedrale”)

Una risposta a A BITONTO (oggi parte della metropoli di Bari), la civiltà ha lasciato i suoi segni da secoli e millenni: ve ne mostriamo uno, un duomo, considerato “la più completa e matura espressione del romanico pugliese “— DOVE E’ FINITA TUTTA STA CIVILTA’?

  1. Donatella scrive:

    Che meraviglia! Si vede che ci sono passati i N ormanni, o chiunque siano stati. Dei creatori di insalate artistiche che guardavano al futuro. Certamente avevano a disposizione maestranze e manodopera della più alta qualità e provenienti da civiltà ricchissime di storia, ma quel colpo di genio che riesce a mettere tutto insieme da cui nasce il nuovo, bellissimo, dove tutto sta dove deve stare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *