SERGIO STAINO (1940) DIRETTORE DELL’ ” UNITA’ ” : ” LA MIA UNITA’ NON SARA’ SDRAIATA SUL GOVERNO ” –INTERVISTA REP. DEL 25 GIUGNO 2016

 

 

 

 

 

 

Sergio Staino (Piancastagnaio, 8 giugno 1940) è un fumettista, disegnatore e regista italiano.

 

 

25 giugno 2016

Staino: “La mia Unità non sarà sdraiata sul governo”

Il disegnatore di “Bobo” sarà il prossimo direttore del giornale fondato da Gramsci: “Voglio un quotidiano che parli a tutta la sinistra, da Napolitano a Fassina”

di ANNALISA CUZZOCREA

ROMA – Allora è vero, Bobo (Sergio Staino) diventerà direttore dell’Unità?
“Ho parlato con la proprietà e col direttore che se ne va, immagino ci sia un ok a monte di Matteo Renzi che non ho però ancora incontrato. L’offerta c’è”.

E lei accetta?
“Sono costretto ad accettare per il bene che voglio a questo giornale e a questo partito. È la mia storia”.

Come può chi ha dedicato la sua vita alla satira fare un giornale di governo?
“Ma io non farò un giornale di governo. Se dovessi usare un riferimento evangelico, che suona strano per il presidente onorario degli atei italiani, direi “non vengo a cambiare, vengo a compiere””.

Compiere cosa?
“Quello che era il progetto iniziale di Renzi e che non so perché aveva abbandonato. Quando L’Unità doveva rinascere gli mandai un sms chiedendogli a chi pensasse come direttore e lui mi chiamò. Disse “Vedi Sergio, questo è il casino in cui mi trovo. Tutti intorno a me vogliono che metta uno dei miei, ma penso che se lo facessi il giornale nascerebbe morto””.

E lei?
“Ero entusiasta. Dissi “è bellissimo, mi sorprendi”. Mi spiegò che voleva un giornale di cultura, di dibattito, di lotta ma unitario, per questo chiese a Gianni Cuperlo di dirigerlo. Lui rifiutò e le cose sono cambiate completamente”.

L’idea iniziale si perse?
“A quel punto mise Erasmo ( D’Angelis, ndr) che è un suo soldatino. Lo dico con tutta la stima e l’affetto per un compagno che conosco da 40 anni. Lui si è comportato bene, ha retto la redazione con tutti i casini che c’erano all’inizio, ma se chiama me voglio tornare alla prima idea”.

Che Unità vuole fare?
“Non voglio un giornale sdraiato sul governo, ne voglio uno che parli a tutta la sinistra, da Giorgio Napolitano a Stefano Fassina. Voglio parlare ai compagni non considerati, a quelli che oggi si trovano ovunque, in Sel, tra i grillini o dispersi nell’astensionismo. Ne parlavo giovedì a Bologna con Romano Prodi”.

Cosa le ha detto?
“Mi ha detto: “Ho capito, vuoi fare un giornale di mobilitazione”. Ed è esattamente così. Bisogna ripartire dai temi della sinistra, dai territori, per ricostruire un’identità civile e operativa: solo a quel punto c’è la speranza di fare le riforme, che a ottobre vinca il sì, che non si finisca come la Gran Bretagna e si vada a ramengo tutti”.

A Cuore fece scalpore il suo Natta nudo. Sulla sua Unità potrebbe esserci un Renzi ritratto così?
“Ah ne sarebbe onorato. Un giorno si lamentava: “Mi contestano perché ho scritto che Dante era di sinistra, ma per me l’è di sinistra”. E io: “Se poi lo confronti con te, pure di parecchio”. Lui si girò: “Bella Sergio, la posso mettere su Facebook?” “.

 

segue nel link:

http://www.repubblica.it/politica/2016/06/25/news/staino_la_mia_unita_non_sara_sdraiata_sul_governo_-142777308/

 

Condividi

2 Responses to SERGIO STAINO (1940) DIRETTORE DELL’ ” UNITA’ ” : ” LA MIA UNITA’ NON SARA’ SDRAIATA SUL GOVERNO ” –INTERVISTA REP. DEL 25 GIUGNO 2016

  1. nemo scrive:

    Tanto per distinguersi da Renzi, Staino già dichiara di voler far vincere il sì “perché l’ Italia non finisca come la Gran Bretagna e si vada a ramengo tutti”. Mahhhh, che c’ inzicca ( direbbe il Di Pietro d’ antan ) ? Per nemo, è triste che un referendum riguardante le regole per tutti lo si riduca al quesito: ‘ Pro Renzi o contro ‘. Visti i risultati delle amministrative ( che pare non abbiano insegnato nulla ) e la persistenza di questi ‘riformatori’ verrebbe da commentare: ‘ Perseverare è diabolico’. E forse, ahiloro, controproducente.

  2. Donatella scrive:

    Chissà perché il sì è diventato il toccasana per tutti i mali. Staino dice di voler fare una “Unità” non sdraiata sul governo, ma intanto afferma che per fare le riforme , così necessarie e indispensabili, bisogna far vincere il sì. Mi spiace per Staino, ma credo che ” L’Unità” al punto in cui è arrivata sia incurabile. E’ diventato un giornale semiclandestino: forse è per questo motivo che riporta ancora la scritta; “Giornale fondato da Antonio Gramsci”, ma l’irriverente accostamento mette ancora più in luce la miseria attuale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *