SANDRO PENNA, POETA ITALIANO, 1906-1977 ::: UN BELLISSIMO BLOG DA NON PERDERE, pagine SCELTE DA GIRONI

VORREI TRASCRIVERE IL TITOLO SPIRITOSO DEL BLOG, IN ITALIANO:

” CHE DIFFERENZA FARA’ MAI? “—-

Un altro stupido sito web

Sandro Penna 1906 – 1977

Io vivere vorrei addormentato

Io vivere vorrei addormentato
entro il dolce rumore della vita.

Deserto è il fiume

Deserto è il fiume. E tu lo sai che basta
ora con le solari prodezze di ieri.
Bacio nelle tue ascelle, umidi, fieri,
gli odori di un’estate che si guasta.

L’amore in elemosina, solfeggio detto

L’amore in elemosina, solfeggio detto
Oh luce del meriggio senza un cenno.
Ritornerà più tardi, ricco d’ali
l’incendio dei ricordi personali.

Al pari di un profilo conosciuto

Al pari di un profilo conosciuto,
o meglio sconosciuto, senza pari
Fra gli altri animali, unica terra
La tua forma casuale quanto amai.

Nel chiuso lago, solo, senza vento

Nel chiuso lago, solo, senza vento
La mia nave trascorre, ad ora ad ora.
Fremono i fiori sotto i ponti. Sento
La mia tristezza accendersi ancora.

Ora la voce tua disparirà

Ora la voce tua disparirà.
E domani cadrà anche il tuo fiore.
E nulla più verrà. Forse la vita
si spegne in un falò d’astri in amore.

Il giorno ha gli occhi di un fanciullo

Il giorno ha gli occhi di un fanciullo. Chiara
La sera pare una ragazza altera.
Ma la notte ha il mio buio colore,
il colore di un cupo splendore.

a Eugenio Montale

La festa verso l’imbrunire vado
in direzione opposta della folla
che allegra e svelta sorte dallo stadio.
Io non guardo nessuno e guardo tutti.
Un sorriso raccolgo ogni tanto.
Più raramente un festoso saluto.

Ed io non mi ricordo più chi sono.
Allora di morire mi dispiace.
Di morire mi pare troppo ingiusto.
Anche se non ricordo più chi sono.

 

 

 

 

 

http://www.gironi.it/poesia/penna.php

2 risposte a SANDRO PENNA, POETA ITALIANO, 1906-1977 ::: UN BELLISSIMO BLOG DA NON PERDERE, pagine SCELTE DA GIRONI

  1. Roberto scrive:

    “Io vivere vorrei addormentato
    entro il dolce rumore della vita.”

    Due versi splendidi, irripetibili.
    Lui era proprio così, e così viveva.
    Ti ho detto che lo conoscevo abbastanza bene, vero?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *