IL MANIFESTO DI OGGI, La ricerca di versi senza il rumore delle sillabe

 

https://ilmanifesto.it/la-ricerca-di-versi-senza-il-rumore-delle-sillabe/

 

Risultati immagini per LE NATURE INDIVISIBILI

 

CULTURA

La ricerca di versi senza il «rumore delle sillabe»

Poesia. «Le nature indivisibili» di Claude Royet-Journoud per le edizioni Effige

lira-cetra-poesia-musica-apollo

È possibile la poesia «senza alcun rumore di sillabe»? Sì, in fondo il nostro tempo bloccato sembra essere quello adatto a un poetare estremo. Altrimenti che fare più? Certo, ci sarebbe il silenzio («Se solo si facesse un po’ di silenzio!» ammoniva Fellini nella sua ultima opera) e forse sarebbe salutare, ma tant’è. In attesa di una rivoluzione nell’arte della letterature (e non solo), vediamo cosa ci suggeriscono alcuni autori. È uscito, per le edizioni Effigie, il primo libro di poesie in traduzione italiana di Claude Royet-Journoud (Le nature indivisibili, pp. 100, euro 12).

Il libro è pubblicato, senza il testo francese a fronte, con la traduzione di Domenico Brancale, altro interessante e radicale poeta italiano. E non poteva che essere così se la filosofia dello stesso Royet-Journoud sulle traduzioni è chiarissima: «Nella traduzione, la lingua di arrivo è la versione originale e non l’inverso. D’altronde la poesia ha un corpo. È racconto – e in una sola lingua. Nelle edizioni bilingue ciò che viene distrutto è la nozione stessa di libro: la doppia pagina, l’importanza di voltare pagina, la sospensione della narrazione, il rapporto con il tempo». Bene. Inoltriamoci allora in questo testo (quarto volume, va aggiunto, di una tetralogia che comprende, dal 1972, Le Reversement, La notion d’obstacle, Les objets contiennent l’infini) che è un po’ un antro della Sibilla ma con la parola che si fa via via più rarefatta, sospesa in spazi bianchi che annunciano la sua consunzione. «Dirti una sola cosa/ (senza usare la bocca/ né la lingua/ e senza alcun rumore di sillabe)», «Vengo nel tuo respiro/ la tua vita ti riguarda/ la mia unica funzione è di non muovermi». È un’esperienza di assoluto questa raccolta poetica che ha una scansione per capitoli con titoli di un poema d’altri tempi: la storia in serie, portamento di voce, errore di localizzazione degli eventi nel tempo, cancellazione del bordo destro del cuore.

Una poesia che lascia esterrefatti per la capacità di emozionare nel sottrarre, nello scomparire. «Senza stimare la distanza/ tra voce e sonno/ qualche cosa/ intaccava l’insieme delle regole». E sono le regole codificate che se ne vanno definitivamente nei versi di Royet-Journoud. Ora non resta che aprire altre strade perché la poesia esca fuori dall’impossibilità di parlare: «Un ingranaggio/ occupa la base del cuore».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *