NEMONEMO::: SUL ” FINE VITA ” DI UMBERTO GALIMBERTI

NEMONEMO- CINELIBRI.IOBLOGGO —6 AGOSTO

http://cinelibri.iobloggo.com/1654/umberto-galimberti–fine-vita-non-c-e-fede-e-non-c-e-scienza-contro-l–indifferente-natura-

 

 

Umberto Galimberti ” Fine vita: non c’è fede e non c’è scienza contro l’ indifferente natura “

06
AGO
2017

“””…< […] La natura distribuisce la vita e la morte con una noncuranza assoluta, dando o non dando le condizioni di esistere. Per essa non è di alcun interesse la sorte degli individui, ma unicamente il ricambio generazionale, tenendo in vita i più idonei e lasciando perire i meno idonei. La cultura, l’educazione, la scienza, la tecnica e le pratiche di cura cercano di porre rimedio a questa indifferenza della natura, fino a quel limite (marginale) con cui la cultura riesce a spingersi nel suo tentativo di contrastare la natura. Ma oltre quel limite la sorte è segnata perché, come dicevano gli antichi Greci: ” l’uomo è mortale’. E non muore perché si ammala ma, ce lo ricorda Michel Foucault, si ammala perché fondamentalmente deve morire >. …””

( da Risponde Umberto Galimberti 

7 risposte a NEMONEMO::: SUL ” FINE VITA ” DI UMBERTO GALIMBERTI

  1. roberto rododendro scrive:

    “E non muore perché si ammala ma, ce lo ricorda Michel Foucault, si ammala perché fondamentalmente deve morire >. …””” ”

    perfetto, ma a volte la paura dell’uomo è di ammalarsi e sopravvivere.

    • Chiara Salvini scrive:

      ci voleva Nemo per farti riapparire! Per pigrizia non sono venuta a cercarti sul tuo blog, ma ho pensato molte volte di farlo. Per chiederti : ma sei vivo? Non dovevi venire in Liguria? ciao, caro Roberto, ho sentito davvero la tua mancanza, adesso ti mando un enorme abbraccio più grande di Roma e dintorni::: a te, prima di tutto che sei il capo e subito dopo alla tua tribù, ch.

    • Chiara Salvini scrive:

      Ma certamente che la grande paura è quella, per questo ritengo morale l’eutanasia.

  2. roberto rododendro scrive:

    ciao Chiara.
    Sono “riapparso” perchè uscito dal Columbus che non è un albergo ma una clinica :-)
    La mia artrite reumatoide pare avermi fatto uno scherzo con l’aggiunta di una arterite temporale: forse mi sono salvato in tempo (spero) perchè la conclusione di questa “roba” sarebbe stata la cecità.
    Ma, per ora , sono ancora qua;uscito ieri e in cura con una bella dose cortisonica più altri controlli che dovrò fare.
    – sono quindi sensibilissimo alla “sopravvivenza a tutti i costi o a certi costi –
    Un abbraccio anche a te Ch.

    • Chiara Salvini scrive:

      Non sapevo che tu avessi l’artrite reumatoide, una gran brutta malattia per quello che so. Di arterite temporale sono stata curata più di un anno con un intramuscolo di 70 mg di cortisone al dì, poi sono andata a Milano dal primario reumatologo del Pini che mi ha prescritto un esame: questo ti dice se hai avuto l’arterite temporale ( perché lascia delle tracce nelle arterie anche quando se ne va ) e se ce l’hai al momento. Il risultato dell’esame è stato un ” no” ad entrambe le domande. Te lo dico perché, forse tu avrai fatto quest’esame prima del cortisone…ma se non l’hai fatto, potrebbero, per lo meno, diminuirtelo: pare che abbia molti effetti collaterali negativi. Ma lo saprai…Mi dispiace che, in più con questo caldo, tu abbia avuto tutte queste traversie di salute di cui, come saprai, del valore-salute, ci accorgiamo subito appena lo perdiamo! Sarai in convalescenza che sarà lunga, alla nostra età ci si rimette da un malanno con molta lentezza, mentre arriva in un attimo. Ti sono molto vicino, anche perché mi ricordi una mia storia assai recente, immedesimarsi è molto più facile! Lo sai…lo sai… Mi viene in mente una canzone che adesso cerco e la metto sul blog, ma è dedicata a te, se ti piace.ciao.
      PS. avrai dovuto trascurare la tua tribù assai impegnativa…adesso non cercare di riguadagnare il tempo perduto, dallo per perso, è più saggio—da una che la saggezza la riserva agli altri!

  3. Carine scrive:

    Ciao Roberto. Un grande abbraccio.

  4. roberto rododendro scrive:

    grazie a tutte e due!
    Mi stan curando con cortisone ma dose piuttosto bassa a parer mio : 24 mg al giorno per una settimana e poi a scalare. Vero che c’è cortisone e cortisone.. Ma dovrei fidarmi perchè il Columbus (Gemelli) è riconosciuto come uno dei centri eccellenti. Vero che ad agosto gli “eccellenti” vanno in vacanza…
    Ed il 16 farò una simpatica PET. Per il momento mi hanno scorticato una tempia per fare la biopsia..
    Vedremo.
    p.s. pare che il cortisone (preso per tre anni e mezzo) non mi dia effetti secondari: sono una scorza dura! :-)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *