…I bambini sono costretti …a portare sulle loro fragili spalle il peso di tutti gli altri membri della famiglia. ” ( Sandor Ferenczi )

 

http://bottegaelefante.blogspot.it/2014/09/diario-clinico-di-s-ferenczi.html

 

Risultati immagini per un bambino di 3 4 anni

Risultati immagini per un bambino di 3 4 anni

 

“… I bambini sono costretti ad appianare ogni tipo di conflitto famigliare e portano sulle loro fragili spalle il peso di tutti gli altri membri della famiglia. Naturalmente non lo fanno per puro altruismo, ma per poter nuovamente godere della tranquillità perduta e della tenerezza che ne deriva. Una madre che si lamenta continuamente delle proprie sofferenze può trasformare la figlia in una infermiera, vale a dire in un autentico sostituto della madre, senza tener in alcun conto i veri interessi della figlia” (Confusione delle lingue tra gli adulti e il bambino, p. 99)

 

Ferenczi S. (1932). Confusione di lingue tra gli adulti e il bambino, in Opere, 4. Milano: Cortina, 2002.

 

 

Sándor Ferenczi (Miskolc7 luglio 1873 – Budapest22 maggio 1933) è stato uno psicoanalista e psichiatra ungherese, e uno dei pionieri della psicoanalisi in Ungheria e fra le figure più importanti al mondo in tale campo.

Sándor Ferenczi, primo in alto a destra, in compagnia di Sigmund FreudG. Stanley HallCarl Gustav JungAbraham A. BrillErnest Jones(1909)

da wiki

2 risposte a …I bambini sono costretti …a portare sulle loro fragili spalle il peso di tutti gli altri membri della famiglia. ” ( Sandor Ferenczi )

  1. nemo scrive:

    Constatazione alla ‘portata’ di tutti: per esperienza di quando eravamo bimbi e dall’ osservazione dei comportamenti dei bambini.

    • Chiara Salvini scrive:

      Almeno uno studioso, un ” tecnico” che mette in luce un’osservazione che anche i “normali ” possono fare; da parte mia, ho un ricordo quasi perfetto di me che cerco di combinare i conflitti in corso nell’ambiente in cui sono per caso trovata a nascere / per cercare di sopravvivere; rimarcarlo dà anche una grande responsabilità agli adulti che si trovano a vivere con dei bambini, di smussare gli angoli quanto si può e—sempre che si possa –propiziar loro una lettura ordinata, masticata da te…che, poi, vuol dire offrire ” cultura”. Più difficile esserne consapevoli quando si è genitori perché hai un’età in cui sei ancora intento a plasmare la tua personalità; da nonni siamo al riparo da barricate…e non solo nei confronti dei bambini. grazie di visitarci, buona serata e un abbraccio a MA, oltre che a te ( e mi è dolce farlo). chiara

Rispondi a Chiara Salvini Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *