TRE HAIKU DI ANDREA BARDELLI CON ILLUSTRAZIONE DEL FRATELLO MARIO

 

L'immagine può contenere: 1 persona, con sorriso, in piedi

posso testimoniare (l’ho visto a Milano l’anno scorso) che di persona è ” enormemente ” più bello. chiara

 

chiara: questa–sotto — che ho trovato sul sito facebook di Andrea, è certamente la più bella! La traduzione la trovate sotto…

 

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

 

 

Tre haiku di Andrea Bardelli e qualche  considerazione dell’autore

Illustrazioni di bardelli, ma è il fratello

 

Paradoxalmente

 

Paradoxalmente

a mente no amor mente

só para quem sente.

bardelli, paradoxalmente, 2017, computer graphics

 

 

 

Questa la versione italiana (sempre dell’autore)

 

Paradossalmente

Paradossalmente

la mente in amore mente

solo a chi lo sente.

 

bardelli,paradossalmente ,2017, computer graphics 009

 

 

 

 

TUTTAVIA

(due per  il Magnifico)

1

Perché, per cosa

altro che sia poesia,

sboccia una rosa.

2

Per Chi, per cosa

che fugge via tuttavia,

muore una rosa.

 

bardelli, tuttavia, 2017, computer graphics 161007_4 acqPIC4i

 

 

 

 

L’obbedienza alle regole metriche è (per me, s’intende) fondamentale. Però  le  mie poesie (in casu, haiku – in Brasile usiamo più il termine haicai per evitare cacofonia)   seguono uno schema un po’ libero. A volte uso assonanze invece di rime, a volte le rime non sono collocate esattamente come nello schema usato da Guilherme de Almeida. Chi era costui? Un poeta  che ha fatto degli “haicai” (haiku) una versione in portoghese che, dal punto di vista metrico, si avvicina a quella originale di Basho. Però, la pronuncia giapponese (per il poco che ne so) è (salvo eccezioni) uniforme: non ci dovrebbero essere parole sdrucciole o tronche (cioè con accenti tonici specifici). Lo schema giapponese è : 1º verso cinque sillabe; 2º verso sette sillabe; 3º verso cinque sillabe (5+7+5). In totale  tre versi.  Nella versione di Guilherme de Almeida, lo schema dei tre versi è mantenuto. Però quanto alle sillabe c’è una complicazione, perché, in portoghese (ed in italiano), si contano solo le sillabe fino all’ultima accentuata. Inoltre, Guilherme de Almeida ha uno schema rigidissimo di rime : il primo verso rima con il terzo; nel verso di mezzo, il secondo, ci sono due rime, diciamo così, “interne” , cioè dentro il verso stesso. Io, sebbene sia orientato dallo schema metrico e di rime di G. de Almeida, non lo seguo esattamente.

 

In annesso un geniale haiku/haicai di Guilherme de Almeida.

 

Noite. Um silvo no ar.

Ninguém na estação. E o trem

Passa sem parar.

 

 

Notte. Un fischio nell’aria.

Nessuno alla stazione. E il treno

Passa senza fermarsi.

 

(traduzione di mario bardelli)

 

5 risposte a TRE HAIKU DI ANDREA BARDELLI CON ILLUSTRAZIONE DEL FRATELLO MARIO

  1. Andrea scrive:

    Grazie Chiara! Sei gentile e ti voglio molto bene.

  2. nemo scrive:

    Una famiglia d’artisti e poeti, la famiglia Bardelli ! Ammirazione e complimenti da nemo.

    • Chiara Salvini scrive:

      E’ proprio così: quando sono andata in Brasile con i miei zii a 19 anni, sono rimasta a bocca aperta: la madre, che era nata a Milano nel 1899, aveva fatto Brera e i figli l’hanno seguita tutti, ognuno aveva la sua specialità. Quando mio zio Eliano ha dovuto conoscere la famiglia in quanto fidanzato di una figlia, l’esame cui è stato sottoposto sono stati dei giochi e delle abilità artistiche. Adesso, di una famiglia così grande, sono rimasti solo Andrea e Mario che si tengono in contatto scambiandosi disegni e poesie…un altro mondo per me che sono (felicemente) nata in una famiglia di commercianti di fiori…grazie di averci visitato! un abbraccio a tutti i Peynet. Ho visto che fate una mostra per Maiolino, il biglietto di invito è magnifico. Mi fa tanto piacere che la figlia sia partecipe, adesso lo pubblicherò, ma ci terrei ad avere qualche serigrafia…Come potete, un abbraccio, chiara

  3. roberto rododendro scrive:

    tutte e tre molto belle. per me che di haiku – tecnica – ci capisco poco o meglio niente. Ma belle come piccoli fiori di poesia e questo mi basta.
    Ho una mia amica ,qui a Roma, che per anni ha vinto un concorso poetico su haiku ,premio: viaggio e soggiorno per due in Giappone ( per quel che ne so ne ha vinto almeno due o tre …) e una volta a cercato di spiegarmelo: niente da fare, quando son zuccone non mollo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *