PETER ILIC TCHAIKOVSKY—VALZER DEI FIORI —ORCHESTRA FILADELFIA DIRETTA DA LEOPOLD STOKOWSKI // qualche piccola notizia sul compositore…

 

 

 

WIKIPEDIA (sotto il nome):::

« …Sono sicuro che nelle mie opere appaio come Dio mi ha fatto e così come sono diventato attraverso l’azione del tempo, della mia nazionalità ed educazione. Non sono mai stato falso con me stesso. Quello che sono, buono o cattivo, lo debbono giudicare gli altri… »
(Čajkovskij in una lettera a Sergej Ivanovič Taneev del 14 (26) gennaio 1891, cit. in: Modeste (Ilich) Tchaikovsky, The life & letters of Peter Ilich Tchaikovsky; edited from the Russian with an introduction by Rosa Newmarch, London, 1905, pp.621-622)

 

Pëtr Il’ič Čajkovskij, nasce a Voltinsk in Russia  nel 1840 e muore a San Pietroburgo nel 1893 a 53 anni.Votkinsk – Veduta

Voltinsk oggi: il fiume che si vede è il Volga

 

è stato un compositore russo del tardoromanticismo, le cui composizioni sono tra le più note del repertorio classico. Ha unito nel suo stile caratteristiche della musica tradizionale russa alla prassi musicale classica, in contrasto con la visione estetica del Gruppo dei Cinque (che crearono la scuola nazionale russa: M. Balakirev, A. Borodin, C. Cui, M. Musorgskij eN. Rimskij Korsakov), improntata a un maggiore nazionalismo musicale.

 

Nonostante il successo popolare, la sua vita fu costellata di eventi che lo condussero alla depressione e a una visione fatalista dell’esistenza: in gioventù la morte della madre, il naufragio delle relazioni interpersonali poi e l’inaccettabilità per la società dell’epoca della sua omosessualità contribuirono a questa condizione. La morte è ufficialmente attribuita al colera, ma le sue circostanze sono dibattute; è stato anche ipotizzato il suicidio, per contagio volontario con la malattia o mediante altra forma di avvelenamento.

 

La famiglia del musicista. Il futuro compositore è all’estrema sinistra accanto alla madre, alla quale stanno vicino, in piedi, la sorellastra Zinaida e Nikolaj. La sorella Aleksandra è al centro, mentre Ippolit in braccio al padre. Mancano i due gemelli Modest e Anatolij, nati nel 1850: la foto-infatti-è dell’autunno 1848, San Pietroburgo.

 

 

Il compositore (terzo da sinistra), con alle spalle appoggiato alla poltrona, il poeta Aleksej Nikolaevič Apuchtin. San Pietroburgo, marzo 1884

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *