IL CENTRO PER L’ARTE CONTEMPORANEA LUIGI PECCI DI PRATO—ALL’INIZIO ALCUNE NOTIZIE PRATICHE ED ELENCO DI MOSTRE…che si possono saltare !

Per gli iscritti FAI: 7,00 Euro invece di 10,00
Scopri come usufruire del biglietto ridotto (sconto del 30%) per il Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci a Prato

CENTRO PER L’ARTE CONTEMPORANEA LUIGI PECCI
Via Della Repubblica 277
59100 Prato (PO)

CONTATTI
Telefono 0574.5317
E-mail info@centropecci.it
Sito Web www.centropecci.it

MOSTRE 2017-2018 (alcune, quelle trovate…)

Home ::: centro pecci  http://centropecci.it/

MOSTRE
14 OTTOBRE 2017—28 GENNAIO 2018
Józef Robakowski

Più vicino – più lontano

a cura di Bożena Czubak

 
MOSTRE
8 APRILE 2017—28 GENNAIO 2018
Dalla caverna alla luna

Viaggio dentro la collezione del Centro Pecci

Percorso espositivo a cura di Stefano Pezzato

Pecci School

CORSI
16 OTTOBRE 2017—28 MARZO 2018
Pecci School

2017/2018

 Corsi di avvicinamento alle arti

Cos’è?

Un ciclo di oltre quaranta incontri, organizzato dal Centro Pecci, che analizza i principali snodi e…

Leo Da Vinci - Missione Mona Lisa

FILM
13—14 GENNAIO 2018
Leo Da Vinci – Missione Mona Lisa

di Sergio Manfio; (Ita-Pol, 2017; 82′; vers.it.)

Leo da Vinci: artista, inventore, genio. Prima di tutto un ragazzo con una straordinaria storia da raccontare. La vita a Vinci scorre tranquilla: Leo è alle prese…

Corpo e anima - Testrol és lélekrol

FILM
4—14 GENNAIO 2018
Corpo e anima – Testrol és lélekrol

Nuove proiezioni

 di  Ildikó Enyedi;  (Ungheria, 2017; 116′)

Endre, direttore amministrativo di un mattatoio industriale, è sospettoso nei confronti di Mária, nuova responsabile del controllo qualità inviata dalle autorità….

Visite Guidate ad Utenza Libera

VISITE GUIDATE
4 NOVEMBRE 2017—28 GENNAIO 2018
Visite Guidate ad Utenza Libera

nuovi orari dal 2 dicembre 

I visitatori muniti di biglietto possono partecipare alle visite guidate a utenza libera, senza prenotazione.

 

Orari dal 2 dicembre 

 

Alla ricerca di Van Gogh - China's Van Goghs

FILM
16—21 GENNAIO 2018
Alla ricerca di Van Gogh – China’s Van Goghs

 di Yu Haibo, Yu Tianqi Kiki; (Cina-Ol, 2016; 82′; vers.orig.sott.)

A Shenzhen, a migliaia di chilometri dai Paesi Bassi, il culto di Van Gogh è più forte che mai. Dafen è una piccola città nella...

 

Fabrizio De André - Principe libero

FILM
23—24 GENNAIO 2018
Fabrizio De André – Principe libero

 di Luca Facchini; (Ita, 2017; 192′)

“Principe” e “libero”, due parole che, accostate, raccontano molto bene De André: il magnetismo e il naturale distacco di un principe, sempre pronto a…

 

 
di Filippo Polenchi | 29 giugno 2017

Il 2016 ha riscattato dall’oblio letterario due opere che – seppur con differenti gradi di invisibilità – hanno trovato soltanto oggi un approdo editoriale. Due romanzi nei quali le fosche luci di un pantano ungherese o l’abbacinante chiarore di una steppa innevata evocano spettri danzanti, performance di ombre in un teatro cinese. I due romanzi in questione sono l’ungherese Satantango di László Krasznahorkai (pubblicato in patria nel 1985 la prima volta e qui per Bompiani) e Terminus radioso di Antoine Volodine (uscito “soltanto” nel 2014 in Francia e in Italia per 66thand2nd).

 
di Filippo Polenchi | 29 giugno 2017

Il 2016 ha riscattato dall’oblio letterario due opere che – seppur con differenti gradi di invisibilità – hanno trovato soltanto oggi un approdo editoriale. Due romanzi nei quali le fosche luci di un pantano ungherese o l’abbacinante chiarore di una steppa innevata evocano spettri danzanti, performance di ombre in un teatro cinese. I due romanzi in questione sono l’ungherese Satantango di László Krasznahorkai (pubblicato in patria nel 1985 la prima volta e qui per Bompiani) e Terminus radioso di Antoine Volodine (uscito “soltanto” nel 2014 in Francia e in Italia per 66thand2nd).

 

Intervista a Andrey Kuzkin | 30 gennaio 2017

Cosa significa essere artisti in Russia oggi? Lo abbiamo chiesto ad Andrey Kuzkin, uno degli artisti presenti nella mostra La fine del mondo.

Intervista a Sam Shepherd / Floating Points | 3 marzo 2017

Uscito alla ribalta della scena elettronica inglese grazie ad una manciata di ep ed Elaenia, un disco di gran classe, Sam Shepherd aka Floating Points si è conquistato gli onori della critica grazie ad un sound colto e raffinato, con un’attenzione ossessiva allo “spazio” occupato dal suono. Lo abbiamo incontrato.

 

 

=================

 

ADESSO, SE AVETE ANCORA VOGLIA, ECCO IL MUSEO E ALCUNE MOSTRE…

…PER NOI DI PROVINCIA…ASSAI STUPEFACENTI ! chiara

 

 

Arrivando a Prato, con l’autostrada A11 e uscendo al casello Prato Est, sei davanti a questa avveniristica struttura che è il:::

CENTRO PER L’ARTE CONTEMPORANEA LUIGI PECCI
Viale della Repubblica 277 – Prato
http://www.centropecci.it

 

Il Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci è un centro polifunzionale situato Prato che ha come finalità le attività museali di raccolta, conservazione e valorizzazione di opere d’arte contemporanea, i servizi di informazione, didattica e documentazione, l’organizzazione di esposizioni temporanee, rassegne, eventi. Al Centro è riconosciuta la funzione pubblica di coordinamento del sistema regionale dell’arte contemporanea, per questo il secondo progetto è stato chiamanto ” Sensing the waves ” ( ” sentendo le onde “?) proprio per questo rapporto reciproco con il territorio circostante.

 

Risultati immagini per centro luigi pecci a prato

Risultati immagini per centro luigi pecci a prato

 

Il Pecci è stato progettato negli anni Ottanta dell’architetto fiorentino Italo Gamberini [1907-1990], importante esponente del movimento razionalista toscano. Intorno a questo edificio, i lavori di ampliamento circolare sono una grande novità che gli daranno un nuovo volto. Proprio come l’arte va avanti, fa ricerche e procede verso nuove scoperte, così anche la culla di questa corrente deve rinnovarsi. Il lavoro è stato commissionato dalla famiglia Pecci a NIO architecten di Rotterdam, uno degli architetti all’avanguardia dell’innovativa scena olandese.

Lo studio NIO architecten di Rotterdam ha ideato per il centro museale una forma circolare con copertura metallica scintillante e dorata. Un segno, un ruolo importante, un edificio che si staglia nel paesaggio circostante in maniera decisa e maestosa per lanciare un segnale di innovazione. Come una ballerina che volteggia sicura su se stessa, con il suo compagno di danze [torre zigzagante], ad ogni passo lancia un messaggio: accetta stimoli dal territorio e condivide le novità.
Sensing the waves è il motto coniato a questo proposito da Maurice Nio.

 

Risultati immagini per centro luigi pecci a prato

anfiteatro

Immagine correlata

Immagine correlata  Immagine correlata

Risultati immagini per centro luigi pecci a prato

Immagine correlata

Immagine correlata

Immagine correlata

Immagine correlata

Risultati immagini per centro luigi pecci a prato

Immagine correlata

Immagine correlata

Immagine correlata

Risultati immagini per centro luigi pecci a prato

Risultati immagini per centro luigi pecci a prato

Immagine correlata

Risultati immagini per centro luigi pecci a prato

Risultati immagini per centro luigi pecci a prato

Immagine correlata

Immagine correlata

Risultati immagini per centro luigi pecci a prato

Immagine correlata

Immagine correlata

Immagine correlata

 

Risultati immagini per centro luigi pecci a prato

Immagine correlata

Immagine correlata

Immagine correlata Risultati immagini per centro luigi pecci a prato

Risultati immagini per centro luigi pecci a pratoLa fine del mondo è arrivata…

Immagine correlata

Risultati immagini per centro luigi pecci a prato

Risultati immagini per centro luigi pecci a prato

Immagine correlata

” La fine del mondo ” è anche il titolo della conferenza di Zygmunt Bauman che abbiamo riprodotto…

Risultati immagini per centro luigi pecci a prato

Risultati immagini per centro luigi pecci a prato

sempre::: la fine del mondo…

Risultati immagini per centro luigi pecci a prato

continua::: la fine del mondo…

Un ampliamento di 7.800 metri quadrati che porta a 12.125 la superficie complessiva, tremila e passa della quale di area espositiva. Questi i numeri del nuovo Centro Pecci a cui si aggiungono i 140 posti nel teatro all’aperto, una sala polivalente per 120 persone, una biblioteca con oltre 50mila volumi, tre dipartimenti scientifici, una collezione di 1.145 opere di 190 artisti italiani e 117 stranieri. Tanto, tantissimo da fare e da vedere…

Immagine correlata

Risultati immagini per centro luigi pecci a prato

Risultati immagini per centro luigi pecci a prato

Risultati immagini per centro luigi pecci a prato

Risultati immagini per centro luigi pecci a prato

dalla caverna alla luna

Immagine correlata

Immagine correlata

Risultati immagini per centro luigi pecci a prato

Risultati immagini per centro luigi pecci a prato

sempre la mostra::: la fine del mondo…

Risultati immagini per centro luigi pecci a prato

parata della fine…

Immagine correlata

la mostra di 76’38” di Jerome Bel, coreografo francese

 

Risultati immagini per centro luigi pecci a prato

Risultati immagini per centro luigi pecci a prato

il direttore del Pecci dal 2014  Fabio  Cavallucci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *