PEPPE BARRA (ROMA, 1944, cresce a Napoli…) —BOCCA DI ROSA IN DIALETTO NAPOLETANO E RITMO TARANTELLA —CON TESTO

 

Peppe Barra (Roma1944) è un cantante e attore teatrale italiano.

 

Questa versione è stata richiesta dallo stesso Fabrizio De Andrè. Il testo è stato scritto da Vincenzo Salemme.

 

Il testo di Salemme: Tutte me chiammeno bocca de rosa sentite che musso, che schiocca di rosa tutte me chiammeno bocca de rosa pe’ mme l’ammore è ‘a primma cosa. Quanno scennette dint’ ‘a piazza dì un paesino vicino Avellino subbeto ‘a voce currette sicura: ” ‘nunn’è ‘na monaca e’ clausura!” Ce sta chi ‘a ammore ‘o ffa ‘pe’ ‘nziria e chi ‘o ffa pe’ prufessione bocca di rosa né ll’uno né ‘ll’ato lo ffaccio sulo pe’ divozione. Ma ‘a divozione diventa passione e mentre sparpito per le mie voglie ‘o sangue dal cuore mi sale in testa mi scordo di chiedere all’uomo se ha moglie. E allora ‘e femmene d’ ‘o paese comme si fussero cane mulosso s’arrevutaiene tutte ‘mparanze pecché me stevo futtenno l’uosso. Ma le bizoche di un paesello songo ‘mpechere e nun fanno danno allucche ‘e papere, strille ‘e galline ‘o core che tremma, ‘o ciato c’affanna. ‘O munno è chino di gente per bene che Cristo all’altare servire si vanta quanno le voglie nun po’ cchiù sfamare pe dint’ ‘o velliculo piscia acqua santa. Così una vecchia rimasta zitella pecchè nisciuno l’aizata ‘a vunnella se pigliaie ‘o mpiccio e tanto fuie ‘nzista me scassaie ll’ova cu tutto ‘o canisto. Chiammaie a raccolta ‘e scurnacchiate e le dicette cu voce ‘ncazzata “Bocca di rosa è mariola d’ammore, punisca la legge stu disonore!” Curretero allora d’ ‘o maresciallo quarantasei zizze pe’ vintitrè scialle chella cchiù scura de carnagione facette ‘a parte d’ ‘o lione: “Mo’ so’ tre mise che dura st’andazzo all’uommene nuoste ha fatto ascì pazze chella nun è femmena onesta chisà c’annasconne sotto a’ veste”. Vennero a casa col foglio di via Pasquale e Luigino Santamaria sete d’ammore dint’ ‘e penziere sotto ‘e divise d’ ‘e carabiniere. Nientedimeno che alla stazione ce steva ‘na folla da fare impressione me ne partevo purtanneme appriesso quel libero amore a tutti concesso. Dal maresciallo al parrocchiano lacreme all’uocchie, cappello nmano. Firmato da tutti vulaie ‘nu messaggio c’ ‘o fiocco attaccato a ‘na rosa de maggio. In stretto anonimato cu’ lettere ‘ncullate “Bocca di rosa, tiempo e furtuna veneno e vanno come fa’ ‘a luna!” Primma d’ ‘o tuono arriva la luce accussì corrono tutte ‘e ‘nciuce “Mo’ arriva ‘o treno cu bocca di rosa currite currite, lassate ogni cosa!” Alla stazione subbeto appriesso truvaie a riceverme, un comitato musica, fiori, sindaco in testa manco si fosse ‘nu capo ‘e Stato. Mo’ pure ‘o prevete s’é fissato che stongo cca’ per una missione me vo’ vicino int’ ‘a prucessione pecché adda vencere ‘a tentazione. Cu’ Maria Vergine in prima fila me tiene d’uocchio ‘nu poco ‘a luntano purtannese a spasso pe’ tutto ‘o paese l’ammore sacro e l’ammore profano

Una risposta a PEPPE BARRA (ROMA, 1944, cresce a Napoli…) —BOCCA DI ROSA IN DIALETTO NAPOLETANO E RITMO TARANTELLA —CON TESTO

  1. Donatella scrive:

    La canzone è cantata magnificamente da Barra, anzi, sembra quasi essere stata scritta per lui. Barra interpreta un personaggio, misterioso e reale, nel film ” Napoli velata”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *