ALFONSO BOTTI, DOCENTE DI STORIA CONTEMPORANEA::: 16-18 MARZO::: BARCELLONA E’ SOTTO LE BOMBE DI MUSSOLINI::: NEL 2015 MONICA URIEL HA GIRATO 55 MIN. DI DOCUMENARIO:: ” BARCELLONA, FERITA APERTA ” A SUE SPESE, MA NON TROVA RETI TELEVISIVE IN ITALIA ED IN SPAGNA PER FARLO VEDERE AD UN PUBBLICO PIU’ VASTO DEGLI ISTITUTI DI STORIA DELLA RESISTENZA…

 

Immagine correlata

robert capa–guerra civile spagnola

 

Risultati immagini per MOSTRA A BARCELLONA " QUANDO PIOVEVANO BOMBE "2007?

Picasso, Guernica

 

IL MANIFESTO DEL 16 MARZO 2018

https://ilmanifesto.it/1938-barcellona-sotto-le-bombe-tra-mostre-e-documentari/

 

 

CULTURA

1938, Barcellona sotto le bombe, tra mostre e documentari

Ricorrenze. Tra il 16 e il 18 marzo 1938, ottant’anni fa, Barcellona fu sottoposta al più pesante dei bombardamenti dall’inizio della guerra civile spagnola

Tra il 16 e il 18 marzo 1938, ottant’anni fa, Barcellona fu sottoposta al più pesante dei bombardamenti dall’inizio della guerra civile spagnola. I morti furono quasi mille e i feriti circa il doppio. Senza raggiungere numeri analoghi di vittime, era già toccato a Madrid, a varie città e località della Spagna e il 27 aprile 1937 alla cittadina di Guernica: il caso universalmente più noto per il carattere distruttivo delle incursioni aerea, per il tentativo franchista di attribuirne la responsabilità agli stessi baschi e per la grande tela che Picasso dipinse – una delle icone più emblematiche del Novecento – per il padiglione della Repubblica spagnola all’Esposizione Universale di Parigi del 1937.

 

Immagine correlata

26 APRILE DEL 1937 E’ COLPITA LA CITTA’ BASCA DI GUERNICA

Risultati immagini per GUERNICa carta geografica?

una foto di guernica distrutta dopo il bombardamento

Risultati immagini per GUERNICa carta geografica?   Immagine correlata

Immagine correlata

 

GUERNICA FU DISTRUTTA dagli aerei tedeschi della Legione Condor inviati dalla Germania nazista. All’incursione parteciparono con compiti di copertura anche alcuni Savoia-Marchetti italiani.

 

Risultati immagini per GUERNICa carta geografica?

 

I bombardamenti di Barcellona furono opera pressoché esclusiva dell’Aviazione legionaria italiana, cioè degli aerei inviati da Mussolini.
Nel 1997 il presidente della Repubblica Federale tedesca, Roman Herzog, inviò a Guernica un messaggio ufficiale, letto dall’ambasciatore tedesco in Spagna, in cui ammettendo la responsabilità degli aviatori tedeschi chiese scusa per i danni inferti dal bombardamento. L’anno successivo alle scuse del presidente tedesco si unirono quelle del Bundestag. Nulla di simile è avvenuto da parte italiana per i bombardamenti su Barcellona. Neppure dopo l’allestimento della mostra Quando piovevano le bombe che, dopo essere stata inaugurata a Barcellona nel 2007, ha girato e continuato a girare l’Italia ospite degli Istituti storici della Resistenza e neppure a seguito degli appelli di storici e associazioni, affinché anche da parte italiana si ammettano la responsabilità e si faccia un atto, per quanto simbolico, di riparazione.

Immagine correlata

 

L’OCCASIONE per riparlarne la offre ora il filmato Barcellona ferita aperta della giornalista e documentarista spagnola Mónica Uriel che verrà presentato il 5 aprile a Milano presso la Zona K (via Spalato 11, ore 18) e il 6 aprile a Modena, nella sala Giacomo Ulivi dell’Istituto storico (viale Ciro Menotti 137, ore 16.30) per iniziativa dello stesso Istituto e del Master in Public history, attivato da tre anni presso l’università di Modena e Reggio Emilia.

Immagine correlata
Il filmato di 53 minuti, con materiale d’epoca e interviste a storici catalani e italiani, è stato girato completamente a spese della Uriel nel 2015 e in Italia è stato visto solo nel novembre scorso nell’ambito di una iniziativa organizzata a Firenze dall’Istituto storico toscano della Resistenza e dell’età contemporanea con il Centro Filippo Buonarroti.
Inutili finora i tentativi della giornalista spagnola di trovare reti televisive in Italia e Spagna disposte a mandarlo in onda: il che dice, qualora ce ne fosse ancora bisogno, della sensibilità pubblica nei riguardi della memoria di uno dei tanti orrori del fascismo.

 

Risultati immagini per GUERNICa carta geografica?   Risultati immagini per GUERNICa carta geografica?

Immagine correlata

 

Immagine correlata   Immagine correlata

Risultati immagini per GUERNICa carta geografica?   Immagine correlata

Risultati immagini per GUERNICa carta geografica?

Immagine correlata

 

 

Alfonso Botti insegna Storia contemporanea presso la Facoltà di Lettere e filosofia dell’Università di Modena-Reggio Emilia.

Negli anni precedenti ha insegnato Storia dei partiti e dei movimenti politici presso la Facoltà di Sociologia dell’Università di Urbino (1991-92); Storia della Spagna contemporanea presso la Facoltà di Lettere e filosofia dell’Università degli studi di Trieste (1992-93 e ‘93-94); Lingua, cultura e istituzioni dei paesi di lingua spagnola (1994-95, ‘95-96, 96-’97, ‘97-98, ‘98-’99) e Storia della lingua spagnola (1999-00, ‘00-01, ‘01-02) presso la Facoltà di Lingue e letterature straniere dell’Università Cattolica del S. Cuore di Milano e Storia contemporanea e Storia dell’Europa presso la Facoltà di Sociologia dell’Università degli Studi “Carlo Bo” di Urbino.

Una risposta a ALFONSO BOTTI, DOCENTE DI STORIA CONTEMPORANEA::: 16-18 MARZO::: BARCELLONA E’ SOTTO LE BOMBE DI MUSSOLINI::: NEL 2015 MONICA URIEL HA GIRATO 55 MIN. DI DOCUMENARIO:: ” BARCELLONA, FERITA APERTA ” A SUE SPESE, MA NON TROVA RETI TELEVISIVE IN ITALIA ED IN SPAGNA PER FARLO VEDERE AD UN PUBBLICO PIU’ VASTO DEGLI ISTITUTI DI STORIA DELLA RESISTENZA…

  1. Donatella scrive:

    Fa impressione, vedendo questi manifesti creati in un momento così estremo e cruento per la Spagna, come la guerra con le armi fosse accompagnata anche da una battaglia per la diffusione della cultura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *