DONATELLA D’IMPORZANO, VI ASSICURO: NON C’ENTRA PROPRIO NIENTE:::: HO PERO’ VISTO IL FILM FRANCO-TEDESCO ::: ” LE COSE CHE VERRANNO ” DI MIA HANSEN-LOVE–ORSO D’ARGENTO A BERLINO NEL 2016

DSC00065

foto di Chiara, 2012

DONATELLA

 

 

Vi assicuro: non c’entra proprio niente:

 

Risultati immagini per le cose che verranno
” Le cose che verranno”, titolo originale .”L’avenir”, Orso d’argento per la regia, Berlino 2016.
Regia e sceneggiatura: Mia Hansen Love; interpreti: Isabelle Huppert, André Marcon, Roman Kolinka, Edith Scob, Sarah Le Picard; Paese: Francia/Germania 2016; durata 102′; distribuzione : Satine film.

 

 

 

Risultati immagini per le cose che verranno

Risultati immagini per le cose che verranno

Il film è centrato sulla figura di una donna, Nathalie, magistralmente interpretata da Isabelle Huppert.
L’ambiente sociale è quello della buona e colta borghesia francese: Nathalie è sulla soglia dei sessant’anni, insegna filosofia in un liceo, ha un marito che insegna la stessa materia, ha due figli, una madre anziana, una bella casa piena di libri, e cura una collana della sua materia per una casa editrice accademica. Questa relativa serenità naufraga di fronte ad una serie di violenti cambiamenti: il marito va a vivere con una donna più giovane, la mamma lentamente si spegne, i figli escono di casa e persino la casa editrice non è più interessata alla collaborazione dell’insegnante perché, secondo le regole del mercato, vuole argomenti più appetibili dal pubblico. Insomma, un vero e proprio stravolgimento della vita personale. La donna reagisce con fermezza, com’è nel suo carattere, tuttavia sente profondamente un vuoto affettivo che, in momenti privati, la fa scoppiare a piangere. Si aggrappa ai suoi studenti, a cui ha sempre voluto insegnare a ragionare con la propria testa. In particolare ha stabilito una materna amicizia con un suo ex-studente; invitata da questi in una sorta di comune, avverte però la lontananza da quegli ideali di libertà anarchica che forse da giovane erano stati anche i suoi. Le è rimasta in eredità dalla madre una magnifica gatta nera, di cui però vuole liberarsi perché troppo impegnativa per una che, come lei, si muove spesso in viaggio.
Si sente sola, ma nello stesso tempo, pur avvertendo il vuoto che le si è creato intorno per il passare del tempo, è troppo orgogliosa e individualista per non sentirsi ovunque fuori posto. Le vite che scorrono attorno a lei sono sempre le vite degli altri. Uno spiraglio sembra aprirsi con la nascita di un nipotino. Tra la tavola imbandita per festeggiare l’arrivo di una nuova vita e il pianto del nipotino in camera,

Risultati immagini per le cose che verranno

 

Nathalie sceglie quest’ultimo. Abbandona la festa e va a consolare il neonato. Lascia la sua sedia vuota, mentre in colonna sonora parte Unchained Melody, canzone sullo scorrere del tempo. Il film ha come grande tema la solitudine, temuta ma anche cercata, che caratterizza la nostra epoca. Gli anziani sono messi in case di riposo e muoiono di solitudine, gli animali sono benvoluti ma creano disagi, i giovani sono troppo occupati a cercare se stessi. Gli unici con cui creare un nuovo legame sono i bambini, almeno finché dura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *