TONIA MASTROBUONI, BERLINO–REP. 28 MAGGIO 2018, pag. 14 ::: LA SFIDA DELL’AFD ALLA PROVA DELLA PIAZZA:: ” FASCISTI DI SINISTRA QUELLI CHE CI CONTESTANO “— OTTO BARCHE E CORTEO DI CAMION CON MUSICA ELETTRONICA SPACCA-TIMPANI::: ” CACCIAMOLI COI BASSI !”

 

 

Risultati immagini per BERLINO LUNGO LA SPREA IMMAGINE?

IL QUARTIERE DI SAN NICOLA, NUCLEO PIU’ ANTICO DI BERLINO, LUNGO LA SPREA

 

La sfida dell’Afd

L’ultradestra tedesca alla prova della piazza “ Fascisti di sinistra quelli che ci contestano”

 

BERLINO, GERMANIA

Al sottopasso della metro siamo travolti dalla puzza di catrame: qualche minuto prima sul corteo dell’Afd ne è piovuto un secchio dal ponte. Un capannello di manifestanti con i vestiti e i capelli imbrattati si è fermato qualche metro più in là. Sono ancora scioccati, ci dicono che «è sicuramente una strategia dei fascisti di sinistra di riconoscerci dopo la manifestazione e aggredirci». Ma al di là della paranoia, colpisce quell’ossimoro, quei “fascisti di sinistra” che torna anche nei cori. Del resto, uno degli slogan che la destra tedesca ama cantare ai cortei è “resistenza”. A chi l’ha fatta davvero correrà un brivido lungo da schiena, ma la retorica vittimista dell’Afd prevede anche questo: lo scippo della storia. E pazienza se mescolati ai manifestanti si intravedono tatuaggi con svastiche e rune.

Alla fine di una assolata giornata berlinese turbata solo da qualche acquazzone, la prima prova di piazza dell’Afd da quando è diventata il maggiore partito di opposizione nel Bundestag, è andata maluccio. Cinquemila militanti contro i venticinquemila che con bandiere arcobaleno e messaggi di pace e tolleranza hanno invaso le strade del centro di Berlino per manifestare contro.

Gunnar Lindemann non si scompone: «Guardi che in tanti non sono venuti perché sanno che rischiano grosso con tutti questi picchiatori rossi in giro», ci spiega.

L’uomo del miracolo dell’Afd a Marzahn, un quartiere di casermoni anonimi della periferia di Berlino, un coacervo di tensioni sociali dove i neonazisti della Npd prendevano da decenni il 10% e che invece regalò a lui, due anni fa, un incredibile 30% alle elezioni comunali, è convinto che non sia andata troppo male.

«Siamo arrivati a destinazione, è già tanto. Merito della polizia».

Qualcuno scommetteva, in effetti, che il corteo della destra nazionalista si sarebbe fermato alla stazione centrale, luogo di partenza della manifestazione, bloccato dai contro-cortei. Invece, dopo qualche momento di tensione iniziale, la polizia è riuscita a dirottare i militanti dell’Afd – una distesa di bandiere della Germania, spettacolo quasi impensabile fino a qualche anno fa – lungo la Sprea fino alla Porta di Brandeburgo.

Il parlamentare berlinese ha sentito della situazione difficile in Italia ma «non definirei mai gli italiani come ‘scrocconi’. Ogni popolo è sovrano e così come noi vogliamo uscire dall’euro, è legittimo che lo vogliano anche tanti italiani».

Risultati immagini per BERLINO PORTA DI BRANDEBURGO IMMAGINE?

PORTA DI BRANDEBURGO

 

Arrivati alla Porta di Brandeburgo, un luogo importante della storia di Berlino, dove

UNA FOTO STORICA:Brandenburger Tor dopo la revoca delle limitazioni ai viaggi dei cittadini della RDT; 10.11.1989

(Immagine: Landesarchiv Berlin 0312009/Edmund Kasperski)

 

Reagan gridò a Gorbaciov “butti giù il Muro”, i due cortei avversari si fronteggiano a distanza. A est della Porta, bandiere dorate, arcobaleno e bandiere della Linke e degli anarchici a perdita d’occhio. Nella piazza a Ovest, all’inizio del Tiergarten, un palco dove il leader dell’Afd Gauland sciorina parole d’ordine patriottiche e anti islamiche. In mezzo, dove una volta correva la ferita più dolorosa della Germania del dopoguerra, una fila di camionette della polizia e agenti in tenuta antisommossa. Per evitare scontri, la città ne ha mobilitati duemila.

Ma l’idea più geniale della giornata è venuta a un centinaio di club e locali notturni che hanno affittato otto barche sulla Sprea e organizzato un corteo di camion con delle gigantesse casse che suonavano musica elettronica a volumi spaccatimpani. Lo slogan? “Bass them away”, “cacciamoli con i bassi”. E, a concludere una giornata piena di paradossi, da entrambi i cortei, di qua e di là della Porta di Brandeburgo, parte improvvisamente lo stesso coro, “Nazis raus”, “fuori i nazi”. Un altro coro che suona stonatissimo, in bocca a qualcuno.

Tonia Mastrobuoni

EPA/ OMER MESSINGER

Una risposta a TONIA MASTROBUONI, BERLINO–REP. 28 MAGGIO 2018, pag. 14 ::: LA SFIDA DELL’AFD ALLA PROVA DELLA PIAZZA:: ” FASCISTI DI SINISTRA QUELLI CHE CI CONTESTANO “— OTTO BARCHE E CORTEO DI CAMION CON MUSICA ELETTRONICA SPACCA-TIMPANI::: ” CACCIAMOLI COI BASSI !”

  1. Donatella scrive:

    E’ incredibile che fascismo e nazismo ritornino in Europa, dopo il fallimento e la tragedia della Seconda guerra mondiale. Ieri ho rivisto in televisione ” Germania anno zero”, girato da Rossellini nel 1948 tra le macerie materiali e morali della Germania. Eppure, anche in quel momento, la malvagia pianta della demenza nazista infettava i più deboli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *