UNA PAROLA AL GIORNO .IT — TRANQUILLANTE

 

UNA PAROLA AL GIORNO.IT  .–13 GIUGNO 2018

https://unaparolaalgiorno.it/significato/T/tranquillante?utm_source=notification&utm_medium=push&utm_campaign=pdg

 

Tranquillante

Risultati immagini per TRANQUILLANTE IMMAGINE?

tran-qui-làn-te

Immagine correlata

ECCO UN VERO TRANQUILLANTE NATURALE…

SIGNIFICATO ::: Nome degli psicofarmaci ansiolitici; che tranquilla

participio presente di tranquillare, uguale in latino, derivato di tranquillus‘tranquillo’.

Lasciamo un attimo da parte il dardo tranquillante sparato nelle terga della tigre – ci servirà dopo. Questa parola è preziosa perché ci permette di aprire uno scorcio poco considerato.Tranquillante, anche se lo usiamo come aggettivo e perfino come sostantivo, ha una forma molto chiara: è un participio presente, il participio presente del verbo ‘tranquillare’ – che suona strano, no? Però il significato di ‘tranquillare’ è oltremodo piano. Sui dizionari si legge che vuol dire ‘rendere tranquillo, calmare, sedare’. Significati che (lo notiamo subito) siamo abituati piuttosto a ricondurre al verbo ‘tranquillizzare’. E proprio la giustapposizione di questi due verbi ci fa notare una cosa.Il suffisso -izzare è figlio del latino -idiare, a sua volta dal greco -izein (quindi non che non abbia un certo pedigree); genera verbi da nomi e aggettivi, e nella nostra lingua è produttivo come pochi altri. Davvero. abbiamo una caterva di verbi che finiscono in -izzare, tanti dei quali neologismi: il fatto che inglese e francese abbiano suffissi omologhi (anche per loro prolifici) contribuisce al loro spopolare. In un mucchio del genere qualche sbavatura si nasconde.

Risultati immagini per TRANQUILLANTE IMMAGINE?

 

C’è da domandarsi che cosa comunichi di più o di diverso l’inserzione di questo suffisso. Mettendola sul caso pratico, che differenza ci può essere fra ‘tranquillare’ e ‘tranquillizzare’. Azzardiamo? Azzardiamo. questo -izzare porta i Significati di ‘fare, rendere’. L’azione del ‘tranquillizzare’ ha un gusto mediato, un fare che ha come effetto la tranquillità. ‘Tranquillare’, a ben coglierne la sfumatura, non comunica un ‘rendere tranquillo’, ma proprio un ‘tranquillare’. Dritto, principale, niente mediazione. Fra “Io ti tranquillo” e “Io ti tranquillizzo” c’è di mezzo il mare, quello che passerebbe fra un “Io ti calmo” e “Io ti calmizzo”. Non ti riconduco a una condizione di tranquillità o calma, ma ti tranquillo o ti calmo, direttamente, immediatamente. Peraltro il tranquillizzato è precario, può subito agitarsi di nuovo, il tranquillato invece è in equilibrio, tranquillo davvero.

Dopotutto, chi si sentirebbe sereno a sparare nelle terga della tigre un dardo tranquillizzante invece di un tranquillante? E forse che i farmaci ansiolitici avrebbero un volto meno serio e parrebbero più blandi, se fossero chiamati ‘tranquillizzanti’ invece di ‘tranquillanti’?

Alla fine di questi discorsi ci resta in mano un ‘tranquillante’ che è davvero poderoso, determinante. Quando mi prenderei la testa fra le mani urlando, saluto e vado a fare una passeggiata tranquillante nel bosco; a fine giornata mi godo un paio di episodi tranquillanti della mia bella serie; una compagnia tranquillante assorbe semplicemente ogni agitazione, e risenti che profumo fanno i gelsomini.

2 risposte a UNA PAROLA AL GIORNO .IT — TRANQUILLANTE

  1. Donatella scrive:

    Il suffisso -izzare fa pensare ad aizzare: c’è in quelle poche lettere qualcosa di violento, di irrequieto.
    Ti aizzo, ti raddrizzo, ti cannibalizzo. Tranquilli gente! Stendiamoci sull’amaca tranquillamente, la parola ” tranquillo” offre nella sua metà una comoda sdraio, da cui, anche senza tranquillanti, possiamo vedere i fiori di primavera ed ascoltare il tranquillo e gaio canto degli uccelli.

  2. Donatella scrive:

    Da ” Il Fatto”, lunedì 11 giugno 2018, pag.10:
    Ormai da ex-deputato, Gianni Cuperlo indica da dove dovrebbe ripartire la sinistra. Primo: ammetter gli errori. Vale la sintesi che Pietro Ingrao fece della parabola del Pci: ” Pensammo una torre, scavammo nella polvere””. Il libro si intitola : ” In viaggio- La sinistra verso nuove terre” di Gianni Cuperlo, editore Donzelli, 2018

    Altra cosa interessante:opere di Sirante, rimosse dal centro di Roma dagli agenti: le opere riproducono, in modo ironico e satirico, le contorsioni della sedicente sinistra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *