KETTY AREDIA, CORRIERE-ESTERI, 29 OTTOBRE 2009::: IRMELA MENSAH-SCHRAMM, BERLINO ::: UNA VITA CONTRO I GRAFFITI NAZISTI

 

CORRIERE DELLA SERA-ESTERI—29 OTTOBRE 2009

https://www.corriere.it/esteri/09_ottobre_29/berlino-nonna-irmela-cancella-scritte-naziste-areddia_9cfaffde-c480-11de-ae8c-00144f02aabc.shtml

 

Risultati immagini per irmela mensah-schramm wikipedia

 

  • Irmela, una vita contro i graffiti nazisti

HA OTTENUTO CINQUE RICONOSCIMENTI, TRA CUI
LA MEDAGLIA FEDERALE AL MERITO

Irmela, una vita contro i graffiti nazi

Gira da 23 anni per le strade di Berlino cancellando scritte e manifesti omofobi, razzisti o anti-semiti

Irmela Mensah-Schramm
Irmela Mensah-Schramm

BERLINO – La battaglia di nonna Irmela contro tutte le discriminazioni

e le violenze si gioca, da 23 anni, per le strade di Berlino. Con la costanza

e la cura che solo una nonna può avere, ogni giorno va a caccia di scritte,
graffiti e manifesti neo-nazisti, omofobi, razzisti o anti-semiti. Dalla sua
sportina bianca con la scritta oramai sbiadita «Combatti i nazi», tira
cuori un coltellino, una pezzuola e uno smacchiatore e li rimuove
con pazienza. Dal 1986 a oggi ha collezionato oltre 80mila adesivi

con svastiche, slogan razzisti e anti-semiti.

RICONOSCIMENTI – A 64 anni non è stanca di andare in giro
sola per i quartieri della capitale riunificata. In 20 anni ha ottenuto
cinque riconoscimenti per la sua azione in favore dei diritti civili,
tra cui un’onorificenza del governo, la medaglia federale al merito,
nel 1994. Le svastiche e i simboli nazisti sono banditi in Germania,
sono immagini ufficialmente considerate incostituzionali. Eppure
l’intelligence tedesca solo nel 2008 ha contato oltre 17mila graffiti

firmati dagli estremisti di destra.

«NIGGERS GO HOME» – Braccio “armato” di questa lotta anti-nazi

è Irmela Mensah-Schramm, nata a Stuttgart nel 1945 e poi trasferitasi

a Berlino. Lei agisce in solitaria, in un’azione pacifica e senza fine: ispeziona
muri, pali e vetrine. A cominciare da quando nel 1986 uscì da casa e lesse

sul muro di casa «Libertà per Rudolf Hess», un nazista condannato per
crimini di guerra. Decise in quel momento che non si sarebbe più girata
dall’altra parte, ma avrebbe fatto come a casa sua, avrebbe tolto la sporcizia
in ogni angolo. Ultimamente sono le scritte omofobe e quelle dell’Npd,

il partito nazional democratico tedesco, a preoccuparla di più. Frasi come
«Buon ritorno a casa» o «Niggers go home».

UN’OSSESSIONE – Negli anni, Arne Orgassa, della rivista Der Spiegel,
l’attività di Irmela è diventata un’ossessione. Si è specializzata nei
sottopassaggi pedonali, nelle metropolitane e nei quartieri suburbani:
«Ci penso costantemente – ammette -, devo farlo sempre, non posso
pulire solo sporadicamente. In un giorno riesco a trovarne anche cento».
Spende 300 euro al mese in materiale solvente, scalpelli e pezzuole.

La sua mostra itinerante, «Distruggi l’odio», mostra le foto degli slogan

nazisti rimossi dal 1990. E per i giovani nonna Irmela organizza workshop
sulla lotta al razzismo, così dà una ripulita anche alle nuove generazioni.

Ketty Areddia
29 ottobre 2009

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *