DAVID HOCKNEY (1937), PITTORE DELLA POP ART / INCISORE, FOTOGRAFO E SCENOGRAFO BRITANNICO (TRECCANI) — DAL 2000 DIPINGE ANCHE CON L’IPAD

 

David Hockney (Bradford,  1937)

David Hockney  Risultati immagini per DAVID HOCKNEY WIKI

è un pittoredisegnatoreincisorefotografo e scenografo britannico.

L’elemento figurativo, sganciato peraltro da ogni naturalismo, è presente in tutta la sua produzione, per la quale usa colori acrilici su tela, sviluppando in modo originale le premesse estetiche della pop art e suggerendo, mediante uno stile studiatamente ingenuo e nitido, atmosfere di irreale fissità. In seguito si è anche dedicato ai collages fotografici, di polaroid o di fotocopie a colori, fino ad arrivare a realizzare i suoi inconfondibili paesaggi anche su Ipad. Tra i suoi allestimenti teatrali, si ricordano Ubu Roidi A. Jarry, per il Royal Court Theatre (1966), The rake’s progress di I. Stravinskji per il Glyndebourne Festival (1974), Die Zauberflöte di W. A. Mozart per il Metropolitan di New York (1978), nonché i costumi per la Turandot di G. Puccini per la San FranciscoOpera (1994). Tra le principali mostre monografiche a lui dedicate vanno citate quelle allestite alla National Portrait Gallery di Londra (2006) e al Royal Ontario Museum di Toronto (2011); del 2012 è la grande antologica David Hockney. A bigger picture, presentata alla Royal Academy of Arts di Londra, al Guggenheim di Bilbao e al Ludwig Museum di Colonia. Nel 2012 H. ha pubblicato l’autobiografia A bigger message, mentre è del 2016 A history of pictures by David Hockney (trad. it. 2017), volume-conversazione con il critico M. Gayford alla ricerca delle ragioni della pittura.

http://www.treccani.it/enciclopedia/david-hockney/

 

BMW 850CSi del 1995 realizzata da David Hockney nell’ambito del progetto BMW Art Car

 

Risultati immagini per David Hockney, Two boys in a pool (1965)

Two boys in a Pool, Hollywood. 1965.

Immagine correlata

Portrait of Nick Wilder, 1966, acrylic on canvas, 183 x 183 cm, Fukuoka, The Fukuoka City Bank

Immagine correlata

David Hockney (UK 1937) John St. Clair Swimming 1972

Risultati immagini per David Hockney, Two boys in a pool (1965)

Piscina con due figure

Immagine correlata

Risultati immagini per David Hockney, Two boys in a pool (1965)

Demands to be seen, ha scritto lapidario il Telegraph. ‘Esige di essere vista’ la mostra David Hockney, che la Tate Britain di Londra dedica al re della Pop Art anglosassone, classe 1937. Si tratta della più grande retrospettiva al mondo dedicata ai suoi lavori. Dalla pittura al disegno, passando per fotografia e video, un vero e proprio viaggio nel Pop che racconta, in ordine cronologico, l’ascesa di un personaggio eclettico e camaleontico. «È stato un piacere rivisitare opere realizzate decenni fa, inclusi i miei primissimi dipinti. Alcuni di loro ora mi sembrano vecchi amici. Sono felice che la gente possa vedere come le radici dei miei ultimi lavori si ritrovino lungo tutti questi anni», ha dichiarato Hockney. Fino al 29 maggio 2017. La mostra proseguirà al Centre Pompidou di Parigi e in seguito al MET di New York.

Immagine correlata

Immagine correlata

Immagine correlata

‘Mr and Mrs Clark and Percy’, David Hockney, 1970-

Risultati immagini per David Hockney, Two boys in a pool (1965)

David Hockney – Il grande pittore dipinge sull’Ipad.  ottobre 2017

un’opera dipinta con l’Ipad

 

il pittore inglese

 

Immagine correlata

il pittore posa davanti ai suoi quadri dipinti con Ipad e Iphone–2011

 

Risultati immagini per David Hockney, Two boys in a pool (1965)

(Pool two Figures), 1972, acrilico su tela (Lewis Collection), una delle opere più celebri dell’artista in mostra a Parigi ©David Hockney

Immagine correlata

in mostra alla Tate Gallery

 

Risultati immagini per David Hockney, Two boys in a pool (1965)

 

David Hockney

Il futuro dell’arte? E’ digitale e viaggia su I-Pad!

Negli anni Settanta c’era chi dichiarava che ogni uomo è artista. La realizzazione pratica è dei giorni nostri: l’arte si fa app.per telefonino, I-Pad e computer. L’idea etica che l’arte potesse essere democratica l’aveva partorita già Joseph Beuys negli anni Settanta, quando dichiarava che ogni uomo è artista.
Pioniere dei primi esperimenti di web art è già dal lontano 2000 Miltos Manetas (Atene, 1964), artista di origine greca, oggi losangelino di adozione. Questi è stato fondatore del progetto artistico collettivo dal nome Neen, concepito come una web community formata da artisti, web designer e grafici, che convergevano sull’obiettivo di utilizzare la rete quale territorio creativo per realizzare i loro lavori e l’open source quale strumento per mettere in atto pratiche di socializzazione dell’arte. L’artista greco e il suo gruppo – comprendente, fra gli altri, artisti come Andreas Angelikidas, Mai Ueda, Rafael Rozendaal, Steven Schkolne, Nikola Tosic e Angelo Plessas – nell’arco di più di un decennio hanno realizzato opere sottoforma di siti, di cui la maggioranza basati su tecnologie interattive, libere e disponibili nello spazio del web. Vederne qualcuna è semplice: basta cliccare su alcuni links, sottoforma di domini, come jesusswimming.org, in cui si trova un sardonico Cristo che nuota liberamente nell’acqua. Presso lo stupidforum.org tutti possono prendere parte al dibattito. All’indirizzo di alcuni domini si trovano, infine, le libere reinterpretazioni di classici della storia dell’arte, come kosuth.com, in una riproposizione a cavallo fra il gioco e l’attività creativa di quelle tecniche originali (cfr. [url“jacksonpollock.org”]http://jacksonpollock.org/[/url]). 

da:

https://www.globalist.it/culture/2016/05/08/il-futuro-dell-arte-e-digitale-e-viaggia-su-i-pad-1881.html

Risultati immagini per David Hockney, Two boys in a pool (1965)Immagine correlata

Immagine correlata

Immagine correlata

Immagine correlata

Immagine correlata

Risultati immagini per David Hockney, Two boys in a pool (1965)

Risultati immagini per David Hockney, Two boys in a pool (1965)

2014 —  4 sgabelli blu

Immagine correlata2 sedie

Risultati immagini per David Hockney, Two boys in a pool (1965)

Immagine correlata

 

Immagine correlata

Immagine correlata

Immagine correlata

 

Risultati immagini per David Hockney, Two boys in a pool (1965)

Immagine correlata

Immagine correlata

Immagine correlata

Risultati immagini per David Hockney, Two boys in a pool (1965)

Immagine correlataImmagine correlata

Immagine correlata

 

 

Risultati immagini per David Hockney, Two boys in a pool (1965)

DAVID HOCKNEY, L’ARTISTA POP CHE CREA CON L’IPAD

20 gen 2012 — Daniele Perra

Una mostra-evento a Londra celebra il pittore inglese e la sua Instant iPad Art

Risultati immagini per David Hockney, Two boys in a pool (1965)

Risultati immagini per David Hockney, Two boys in a pool (1965)

Risultati immagini per David Hockney, Two boys in a pool (1965)

Risultati immagini per David Hockney, Two boys in a pool (1965)

 

Immagine correlata

Immagine correlata

Risultati immagini per David Hockney, Two boys in a pool (1965)

Risultati immagini per David Hockney, Two boys in a pool (1965)

Risultati immagini per David Hockney, Two boys in a pool (1965)

Immagine correlata

Risultati immagini per David Hockney, Two boys in a pool (1965)

Immagine correlata

Immagine correlata

Risultati immagini per David Hockney, Two boys in a pool (1965)

Immagine correlata

Immagine correlata

An exhibition of David Hockney’s iPad drawings

Risultati immagini per David Hockney, Two boys in a pool (1965)

David Hockney (English 1937- ) ‘iPad drawings’ 2010-16

David Hockney. "Untitled" 2009 iPad Drawing © David Hockney

Untitled, 91
2009
iPhone drawing
Collection of the artist

David Hockney. "Untitled, 22 January 2011" iPad Drawing © David Hockney

Untitled, 655
2011
iPad drawing
Collection of the artist
© David Hockney

David Hockney (English 1937- ) 'iPad drawings' 2010-16

David Hockney (English 1937- ) '82 portraits & 1 still life' (installation view) 2013-2016

https://artblart.com

Risultati immagini per David Hockney, Two boys in a pool (1965)

David Hockney per la prima volta in Italia. Il più grande pittore figurativo espone a Venezia

Considerato da molti il più grande pittore figurativo vivente, David Hockney che quest’anno compie 80 anni, sarà in mostra a Ca’ Pesaro – Galleria internazionale d’arte moderna di Venezia, dal 24 giugno al 22 ottobre 2017. La mostra intitolata David Hockney. 82 ritratti e 1 natura morta racconta il mondo dell’artista grazie a volti di amici e famigliari dipinti con il suo stile riconoscibile e solo apparentemente semplice. Un artista carismatico, tra i più acclamati nel panorama contemporaneo. Da scoprire.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *