EUGENIO MONTALE, ALCUNE POESIE DAI DIARI DEL ’71-’72…+++ alcune foto

 

EUGENIO MONTALE

Risultati immagini per EUGENIO MONTALE NEI '70

 

Spenta l’identità

si può essere vivi

nella neutralità

della pigna svuotata dei pinòli

e ignara che l’attende il forno.

Attenderà forse giorno dopo giorno

senza sapere di essere se stessa

Questa poesia fa parte del Quaderno di quattro anni ed è datata 4 Giugno 1977.


IL CAVALLO

Io non sono il cavallo
di Caracalla come Benvolio crede;
non corro il derby, non mi cibo di erbe,
non fui uomo di corsa ma neppure
di trotto. Tentai di essere
un uomo e già era troppo
per me (e per lui).

 

(Da Diario del ’71 e del ’72, Mondadori, 1973)

 

Upupa
UGO MULAS, “EUGENIO MONTALE E L’UPUPA”, 1970

.

La pendola a carillon.

La vecchia pendola a carillon
Veniva dalla Francia forse dal tempo
Del secondo impero.
Non dava trilli o rintocchi ma esalava
Più che suonare tanto n’era fioca la voce
L’entrata di Escamillo o le campane
Di Corneville: le novità di quando
Qualcuno l’acquistò: forse il proavo
Finito al manicomio e sotterrato
Senza rimpianti, necrologi o altre
Notizie che turbassero i suoi non nati nipoti.
I quali vennero poi e vissero senza memoria
Di chi portò quell’oggetto tra inospiti mura sferzate
Da furibonde libecciate – e chi
Di essi ne udì il richiamo ? era una sveglia
Beninteso che mai destò nessuno
Che non fosse già sveglio. Io solo un’alba
Regolarmente insonne tradii l’ectoplasma
Vocale,il soffio della toriada,
ma appena per un attimo. Poi la voce
della boite non si estinse ma si fece parola
poco udibile e disse «non c’è molla né carica
che un giorno non si scarichi. Io ch’ero
il Tempo lo abbandono. Ed a te che sei l’unico
mio ascoltatore dico cerca di vivere
nel fuordeltempo, quello che nessuno
può misurare. Poi la voce tacque
e l’orologio per molti anni ancora
rimase appeso al muro. Probabilmente
v’è ancora la traccia sull’intonaco.

 Diario del’71 e del’72 

 

 

 

I NASCONDIGLI– Diario del ’71-’71

 

Quando non sono certo di essere vivo

la certezza è a due passi ma costa pena

ritrovarli gli oggetti, una pipa, il cagnuccio

di legno di mia moglie, un necrologio

del fratello di lei, tre o quattro occhiali

di lei ancora!, un tappo di bottiglia

che colpì la sua fronte in un lontano

cottillon di capodanno a Sils Maria

e altre carabattole. Mutano alloggio, entrano

nei buchi più nascosti, ad ogni ora

hanno rischiato il secchio della spazzatura.

Complottando tra loro si sono organizzati

per sostenermi, sanno più di me

il filo che li lega a chi vorrebbe

e non osa disfarsene. Più prossimo

negli anni il Gubelin automatico tenta

di aggregarvisi, sempre rifiutato.

Lo comprammo a Lucerna e lei disse

piove troppo a Lucerna non funzionerà mai

E infatti…

 

 

DOVE COMINCIA LA CARITA’—-dai Diari del ’71-’72

 

Questa violenta raffica di carità

che si abbatte su di noi

è un’ultima impostura.

 

Non sarà mai ch’essa cominci at home

come ci hanno insegnato alla berlitz; mai

accadrà che si trovi nei libri di lettura.

 

E non certo da te, Malvolio, o dalla tua banda,

non da ululi di tromba, non da chi ne fa

una seconda pelle che poi si butta via.

Non appartiene a nessuno la carità. Sua pari

la bolla di sapone che brilla un attimo, scoppia,

e non sa di chi era il soffio.

 

 

QUEL CHE PIU’ CONTA — dal Diario del ’72

 

A forza di inzeppare

in una qualche valigia di finto cuoio

gonfia a scoppiare

tutti i lacerti della nostra vita

ci siamo detti che il politeismo

non era da buttar via.

 

Le abbiamo più volte incontrate,

viste di faccia o di sbieco

le nostre mezze divinità e fu stolto

chiderne una maggiore,

quasi una mongolfiera

totale dello spirito, una bolla

di spazio soffiata di cui noi fossimo gli ospiti

e i sudditi adoranti.

 

E salutiamo con umiltà gli iddii

che ci hanno dato una mano durante il nostro viaggio,

veneriamo i loro occhi, i loro piedi

se mai n’ebbero, i doni

che ci offersero, i loro insulti e scherni,

prosterniamoci alle loro ombre se pure

ne furono e andiamo incontro al tempo,

all’avvenire che non è più vero

del passato perché tutto che riempie un vuoto

non fu né mai sarà più pieno dei

custodi dell’Eterno, gli invisibili.

 

IL PAGURO — dai Diari del ’72

 

Il paguro non guarda per il sottile

se s’infila in guscio che non è il suo.

Ma resta un eremita. Il mio male è

che se mi sfilo dal mio non posso entrare nel tuo.

 

Risultati immagini per UGO MULAS FOTO DI EUGENIO MONTALE?

Eugenio Montale e l’upupa –da Mulas

 

 

ANNETTA

 


(Diario del ’72)

Perdona Annetta se dove tu sei
(non certo tra di noi, i sedicenti
vivi) poco ti giunge il mio ricordo.
Le tue apparizioni furono per molti anni
rare e impreviste, non certo da te volute.
Anche i luoghi (la rupe dei doganieri,
la foce del Bisagno dove ti trasformasti in Dafne)
non avevano senso senza di te.
Di certo resta il gioco delle sciarade incatenate
o incastrate che fossero di cui eri maestra.
Erano veri spettacoli in miniatura.
Vi recitai la parte di Leonardo
(Bistolfi ahimè, non l’altro), mi truccai da leone
per ottenere il ‘primo’ e quanto al nardo
mi aspersi di profumi. Ma non bastò la barba
che mi aggiunsi prolissa e alquanto sudicia.
Occorreva di più, una statua viva
da me scolpita. E fosti tu a balzare
su un plinto traballante di dizionari
miracolosa palpitante ed io
a modellarti con non so quale aggeggio.
Fu il mio solo successo di teatrante
domestico. Ma so che tutti gli occhi
posavano su te. Tuo era il prodigio.

Altra volta salimmo fino alla torre
dove sovente un passero solitario
modulava il motivo che Massenet
imprestò al suo Des Grieux.
Più tardi ne uccisi uno fermo sull’asta
della bandiera: il solo mio delitto
che non so perdonarmi. Ma ero pazzo
e non di te, pazzo di gioventù,
pazzo della stagione più ridicola
della vita. Ora sto
a chiedermi che posto tu hai avuto
in quella mia stagione. Certo un senso
allora inesprimibile, più tardi
non l’oblio ma una punta che feriva
quasi a sangue. Ma allora eri già morta
e non ho mai saputo dove e come.
Oggi penso che tu sei stata un genio
di pura inesistenza, un’agnizione
reale perché assurda. Lo stupore
quando s’incarna è lampo che ti abbaglia
e si spenge. Durare potrebbe essere
l’effetto di una droga nel creato,
in un medium di cui non si ebbe mai
alcuna prova.

 

 

Risultati immagini per UGO MULAS FOTO DI EUGENIO MONTALE?

Montale con Maria Luisa Spaziani ( (Torino,  1922 – Roma,  2014) è stata una poetessatraduttrice e aforista italiana. Nel gennaio del 1949 conobbe Eugenio Montale durante una conferenza del poeta al teatro Carignano di Torino, e fra i due nacque, dopo un periodo d’assidua frequentazione a Milano, un sodalizio intellettuale caratterizzato anche da un’affettuosa amicizia. Mondadori  pubblicò nel 1954  una sua raccolta di poesie “Le acque del Sabato “, nella prestigiosa collana Lo Specchio. …  È stata tre volte candidata al Premio Nobel per la letteratura, nel 19901992 e 1997. Nel 2012 la sua carriera fu onorata con la pubblicazione del Meridiano Mondadori dedicato alla sua opera poetica. Morì nel 2014 a Roma all’età di 91 anni.

Da sinistra: Eugenio Montale, Alberto Moravia e Pier Paolo Pasolini durante il premio letterario “Viareggio” nella città della Versilia, 1968 (Foto di Antonio Sansone) .
Da sinistra: Eugenio Montale, Alberto Moravia e Pier Paolo Pasolini durante il premio letterario “Viareggio” nella città della Versilia, 1968 (Foto di Antonio Sansone) 

5 risposte a EUGENIO MONTALE, ALCUNE POESIE DAI DIARI DEL ’71-’72…+++ alcune foto

  1. nemo scrive:

    La poesia di Montale così vicina alla vita.

    • Chiara Salvini scrive:

      grazie di essere venuto a trovarci, stasera sono partiti i ragazzi, noi partiamo giovedì mattina, e voi? ci saluteremo ” non visti “? chiara

  2. nemo scrive:

    Tempo di scuola e di rientri. Non sappiamo se ci riuscirà d’incontrarci prima della vostra partenza. Ma un pensiero affettuoso per voi non mancherà di certo. Intanto, un abbraccio ‘virtuale’.

  3. Domenico Mattia Testa scrive:

    Nell’ultima foto tre grandi:ognuno,a suo modo,testimone della crisi dell’uomo del Novecento.C’è solo l’imbarazzo della scelta.Ma alla fine propenderei proprio per l’autore delle poesie sopra riportate che nel loro andamento apparentemente prosastico e nel tono umoristico confermano la visione problematica,negativa dei vari tempi della produzione montaliana.Aggiungo solo che tra Montale e Pasolini i rapporti non sono stati sempre lineari,amicali.Anzi.Basterebbe tenere presente il testo poetico poco frequentato:”lettera a Malvolio”in cui il premio Nobel polemizza aspramente con PPP.Una lirica difficile dove esprime la sua psicologia riservata,lontana dal “mondan rumore”…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *