LIFEGATE.IT 14 OTTOBRE 2018 — ANDREA INDIANO ::: AFGANISTAN, IN PREPARAZIONE DELLE ELEZIONI IL 20 OTTOBRE ::: 22 MORTI E 32 FERITI DOPO UN ATTENTATO A TAKHAR

 

Euronews   ilfogliettone.it

IMMAGINI DELL’ATTENTATO

 

Afghanistan - Mappa

PROVINCIA NEL NORD EST INDICATA COME ::. ” TACHAR “E NON ” TAKHAR “

 

www. lifegate.it  /  14 ottobre 2018

https://www.lifegate.it/persone/news/afghanistan-elezioni-22-morti-attentato-takhar

 

 

Afghanistan, elezioni: 22 morti dopo un attentato a Takhar

Afghanistan, elezioni: 22 morti dopo un attentato a Takhar

SOCIETÀ

Pubblicato il 14 OTT 2018

di

ANDREA INDIANO

Una bomba ha ucciso 22 persone e ferito altre 32 durante un attentato nella provincia di Takhar, nel nord est dell’Afghanistan.

Il Gazzettino

la candidata Nazifa Yousufi Bek 

Secondo le autorità dell’Afghanistan, ci sono stati almeno 22 morti e 32 feriti dopo che una bomba è esplosa durante un corteo per la candidata Nazifa Yousufi Bek nella provincia di Takhar situata nel nord est del paese. L’attentato è solo uno degli ultimi che ha colpito la nazione, dove il 20 ottobre ci saranno delle elezioni democratiche per scegliere il nuovo parlamento. Il voto si sarebbe dovuto svolgere inizialmente il 15 ottobre 2016, ma l’incerta situazione politica locale ha fatto sì che il governo dell’attuale presidente Ashraf Ghani rimandasse le elezioni fino ad oggi.

Autobomba a Rustaq in Afghanistan

Si stava svolgendo una manifestazione a favore di Nazifa Yousufi Bek a Rustaq, nella provincia di Takhar, quando un’autobomba è esplosa uccidendo molti dei partecipanti. Il corteo era stato organizzato per favorire la candidata, una delle poche donne in corsa per un posto in parlamento, che in quel momento non era presente. Si tratta del terzo attentato nell’ultimo mese in Afghanistan: otto persone sono state uccise durante un attacco il 9 ottobre a Helmand e altre 14 hanno perso la vita prima di una manifestazione politica a Nangarhar il 3 ottobre. Il presidente Ashraf Ghani ha già condannato l’episodio dicendo in un comunicato stampa che: “i nemici dell’Afghanistan non faranno ridimensionare il desiderio dei cittadini di avere delle elezioni democratiche”. Si sospetta, come spesso capita nel paese, che dietro gli attentati possano esserci i Talebani, da sempre avversi al voto dei cittadini. Inoltre l’Onu osserva da vicino le elezioni che potrebbero essere macchiate da brogli come già capitato in passato e che per questo sono state rimandate negli ultimi due anni. Punto focale del voto anche la riforma del sistema elettorale che ora comprende distretti giudicati troppo grandi da molti dei parlamentari che si oppongono al governo di Ghani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *