alessandro oppes, rep. 04-12-2018 :: INTERVISTA A FERNANDO SAVATER, FILOSOFO DI ORIGINE BASCA

 

repubblica del 04-12-2018 pag.8

http://quotidiano.repubblica.it/edizionerepubblica/pw/flipperweb/flipperweb.html?testata=REP&issue=20181204&edizione=nazionale&startpage=1&displaypages=2

 

 

Intervista

Fernando Savater –notizie in fondo

“Nasce come risposta reazionaria alla sfida indipendentista”

 alessandro oppes

L’avanzata dell’ultradestra? È una «risposta alla sfida indipendentista catalana». Che negli ultimi era stata canalizzata attraverso un movimento più moderato come Ciudadanos, mentre «ora si radicalizza». Invita a evitare gli allarmismi Fernando Savater, il più noto filosofo spagnolo.

Sembrava che la Spagna fosse immune all’avanzata dell’ultradestra. Che cosa è successo?

«Sono arrivati al centro dell’attenzione dell’opinione pubblica una serie di problemi che in parte condividiamo con il resto d’Europa. Il problema (o l’esagerazione del problema) dell’immigrazione unito a una questione interna come la sfida del separatismo in Catalogna. Ed è proprio qui l’origine di questa svolta: non mi preoccupa tanto l’avanzata dell’estrema destra, quanto il fatto che negli ultimi anni ci sia stata un’estrema sinistra che ha favorito con il suo atteggiamento la crescita dell’indipendentismo. Questo ha provocato una reazione che, in parte, è stata incanalata attraverso i canoni tradizionali della politica mentre con questo nuovo movimento ha finito per radicalizzarsi».

Però, dopo l’estromissione di Rajoy dal governo, il Pp guidato ora da Pablo Casado si era spostato ulteriormente verso la destra dello spettro politico. A quanto pare non è stato sufficiente a contenere gli ultranazionalisti.

«Non riesco ancora a vedere l’estrema destra come un problema per la Spagna. Lo è in altri Paesi, come l’Italia dove è arrivata a conquistare posizioni di governo.

La vera emergenza ancora aperta qui è quella del nazionalismo, che non è stata affrontata in maniera efficace da Rajoy. È per questo che ora c’è chi cerca altre vie d’uscita».

Ma non la preoccupa questa irruzione sulla scena di un partito xenofobo e islamofobo?

«Mi sembrano cose che fanno parte della retorica dei partiti. Finora non li abbiamo visti occupare responsabilità di governo. Se un giorno ci arriveranno, vedremo. Ma ricordo anche che cosa si diceva di Podemos quando sorprese tutti con il suo exploit elettorale. C’era chi li accusava di voler applicare in Spagna la politica bolivariana di Maduro, chi sosteneva che fossero finanziati dall’Iran degli ayatollah».

A questo punto il Psoe di Pedro Sánchez si trova in una situazione molto delicata, con un governo di minoranza e l’incertezza sull’opportunità di andare a elezioni anticipate.

«In realtà è quello che aveva promesso quando ottenne il sì alla sua mozione di censura contro Rajoy, che un po’ a tutti sembrava ormai bruciato dagli scandali del Pp. L’appoggio dei nazionalisti baschi e catalani si capiva bene in quel contesto e non c’era niente da obiettore. Ma Sánchez aveva promesso che poi avrebbe convocato le elezioni. Quello che molti non capiscono è che poi abbia continuato a governare con l’appoggio di forze considerate incompatibili con il Psoe».

È per questo che hanno perso in Andalusia?

«Sono stati castigati per la scelta delle alleanze. Il voto in Andalusia è stata la prima occasione per l’elettorato di esprimersi da quando Sánchez è andato al governo. E la risposta è stata chiara».

– A.Op.

 

Risultati immagini per fernando savater

Fernando Fernández – Savater Martín (San Sebastián,  1947) è un filosofo, saggista e romanziere spagnolo.

 

Savater è stato docente di Filosofia per più di trent’anni nei Paesi Baschi e presso l’Universidad Complutense di Madrid, divenendo noto soprattutto in Spagna per il suo vasto lavoro di divulgazione filosofica e di critica culturale. È conosciuto per il suo pensiero libertario e anticonformista. Ha preso parte attiva a diverse organizzazioni impegnate per la pace nei Paesi Baschi e contro il terrorismo e il nazionalismo basco. Le critiche al nazionalismo basco hanno collocato Savater al centro di numerose polemiche. È stato minacciato di morte dall’ETA e ha vissuto protetto da una scorta per oltre un decennio fino alla fine del 2011. I nazionalisti, in particolare i baschi, lo accusano di essere un nazionalista di segno opposto, spagnolo e centralista.

Nel 2007 ha fondato un nuovo partito politico chiamato Unione Progresso e Democrazia con l’ex parlamentare socialista Rosa Díez per opporsi ai diversi movimenti nazionalisti emergenti nella politica tradizionale spagnola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *