BENEDETTA TOBAGI, REPUBBLICA DEL 27-12-2018 pag. 20 ::: Strategia della tensione Tutti i segreti di Maggi il “dottore” delle stragi tra terroristi neri e Servizi, salvato dai depistaggi.

 

 

 

 

 

REPUBBLICA DEL 27-12-2018 pag.

http://quotidiano.repubblica.it/edizionerepubblica/pw/flipperweb/flipperweb.html?testata=REP&issue=20181227&edizione=nazionale&startpage=1&displaypages=2

Immagine correlata

carlo maria maggi

Risultati immagini per carlo maria maggi ordine nuovo

piazza brescia

 

 

Il caso

Strategia della tensione

Tutti i segreti di Maggi il “dottore” delle stragi tra terroristi neri e Servizi

Il leader di Ordine Nuovo morto a 82 anni. Salvato dai depistaggi, fu condannato per Brescia

BENEDETTA TOBAGI

 

È morto Carlo Maria Maggi, l’ennesimo protagonista della stagione delle stragi di terrorismo nero che va sotto il nome di “strategia della tensione” si porta nella tomba tutti i suoi segreti. E dopo la condanna definitiva per la strage di piazza della Loggia a Brescia (8 persone uccise da una bomba nel corso di una manifestazione antifascista il 28 maggio 1974), nel 2017, nessuno può dubitare che i suoi segreti fossero tanti. Maggi con la sua doppia vita: da una parte il medico di base in servizio sull’isola della Giudecca, a Venezia, professionista stimato e rispettato, dall’aria gioviale sotto i baffoni brizzolati; dall’altra il reggente per l’area del Triveneto di Ordine Nuovo, l’organizzazione neonazista fondata nel ‘56 da Pino Rauti. Organizzazione che, come “il dottore” — il soprannome di Maggi tra i camerati — dietro la facciata rispettabile del centro studi celava una struttura eversiva che fu l’astro principale della galassia terroristica a cui sono ascrivibili tutte le grandi stragi tra il 1969 e il 1974.

Risultati immagini per gilberto cavallini strage bologna   Risultati immagini per gilberto cavallini strage bologna

gilberto cavallini

Il mondo con cui ebbe contatti anche quel Gilberto Cavallini oggi sotto processo per la strage di Bologna del 2 agosto 1980. E la Cassazione, nel giugno 2017, ha consegnato alla storia il dottor Maggi come «uno degli ideologi della strategia della tensione a livello nazionale».

Immagine correlata

l’assassinio di Vittorio Occorsio

 

Sappiamo che disse, all’indomani del massacro di piazza Loggia: «Brescia non deve rimanere un fatto isolato». Dopo la messa fuori legge di Ordine Nuovo per decreto nel 1973, a seguito di un processo per ricostituzione del partito fascista (che costò la vita, tre anni dopo, al magistrato Vittorio Occorsio che vi sostenne la pubblica accusa), Maggi fu il punto di riferimento della riorganizzazione e dell’azione eversiva di un manipolo di estremisti e terroristi neri pronti a tutto, nel tentativo, come si espresse uno di loro, di «far saltare il tavolo», cioè provocare una svolta autoritaria nel Paese. Una cospicua mole di note informative, incrociate con alcune intercettazioni, l’ha infine inchiodato, insieme all’allora giovane camerata Maurizio Tramonte, che era al contempo informatore del Sid, il servizio segreto che svolse, in quella strage come nella strage di piazza Fontana del 12 dicembre 1969, un’opera massiccia di depistaggio delle indagini, contribuendo a garantire ai terroristi neri l’impunità. Sebbene il nome di Maggi, col numero di telefono, affiori quasi subito tra le carte sequestrate a Franco Freda, neonazista padovano a lungo imputato, poi assolto, per piazza Fontana (di cui un’altra sentenza di Cassazione nel 2005 ha certificato, seppure in chiave meramente storica, il coinvolgimento nella strage), grazie alla cintura di protezione dei depistaggi, resta fuori dalle inchieste per i massacri. Fino alla svolta investigativa degli anni Novanta, quando “il dottore” finisce sul banco degli imputati attraverso la chiamata in correo di un ex “quadro coperto” di Ordine Nuovo, l’esperto di armi ed esplosivi Carlo Digilio.

Immagine correlata

delfo zorzi

 

Condannato in primo grado per piazza Fontana, fu assolto nei gradi successivi insieme ai coimputati ordinovisti, tra cui Delfo Zorzi, che di segreti deve serbarne altrettanti e vive sereno da cittadino giapponese sotto il nome di Hagen Roy. Quanto alle ragioni del silenzio di Maggi, resta agli atti un’intercettazione a casa del dottore: «È Zorzi che dà…» — i soldi, s’intende. Sommo sfregio, nel 2010 Maggi pubblicò un’autobiografia dal titolo “L’ultima vittima di piazza Fontana”, vittima, a suo dire, di una persecuzione giudiziaria basata su false accuse (una retorica evergreen nel mondo del terrorismo nero: forse s’è ispirato a Maggi, il Ciavardini, quando s’è qualificato «l’ottantaseiesima vittima della strage di Bologna», per cui è stato condannato in via definitiva). Nel 2010 incassava un’assoluzione anche nel giudizio di primo grado del terzo processo per la strage di Brescia. Poi la ruota ha girato.

Maggi aveva 82 anni ed era malato da tempo. La sua difesa aveva tentato in ogni modo di sostenere la tesi della sua incapacità a sostenere il processo, per sottrarlo alla giustizia. Dopo la condanna definitiva, le parti civili e i loro legali commentarono con favore il fatto che una giustizia capace di pietas non avrebbe consegnato al carcere un ottantenne invalido.

Quella pietas che Maggi e gli altri stragisti non ebbero mai per le loro vittime.

Condividi
Questa voce è stata pubblicata in GENERALE. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.