L’11 GENNAIO E’ LA DATA CHE SEGNA 20 ANNI DALLA MORTE DI FABRIZIO DE ANDRE’ ::: PUBBLICHIAMO: ” SMISURATA PREGHIERA “, ULTIMA CANZONE DEL SUO ULTIMO DISCO DEL 1996, ” ANIME SALVE ” — DOCUMENTAZIONE CHE FORNIAMO DERIVA DAL SITO: ” CANZONI CONTRO LA GUERRA ” (link in fondo)

 

 

Risultati immagini per FABRIZIO DE ANDRE' WIKI

Fabrizio De André (Genova,1940 – Milano11 gennaio 1999), è stato un cantautore italiano.

 

Smisurata preghiera

Fabrizio De André

 

 

Alta sui naufragi
dai belvedere delle torri
china e distante sugli elementi del disastro
dalle cose che accadono al di sopra delle parole
celebrative del nulla
lungo un facile vento
di sazietà di impunità

Sullo scandalo metallico
di armi in uso e in disuso
a guidare la colonna
di dolore e di fumo
che lascia le infinite battaglie al calar della sera
la maggioranza sta la maggioranza sta

recitando un rosario
di ambizioni meschine
di millenarie paure
di inesauribili astuzie
Coltivando tranquilla
l’orribile varietà
delle proprie superbie
la maggioranza sta

come una malattia
come una sfortuna
come un’anestesia
come un’abitudine

per chi viaggia in direzione ostinata e contraria
col suo marchio speciale di speciale disperazione
e tra il vomito dei respinti muove gli ultimi passi
per consegnare alla morte una goccia di splendore
di umanità di verità

per chi ad Aqaba curò la lebbra con uno scettro posticcio
e seminò il suo passaggio di gelosie devastatrici e di figli
con improbabili nomi di cantanti di tango
in un vasto programma di eternità

ricorda Signore questi servi disobbedienti
alle leggi del branco
non dimenticare il loro volto
che dopo tanto sbandare
è appena giusto che la fortuna li aiuti

come una svista
come un’anomalia
come una distrazione
come un dovere

 

 

fabfuma
[1996]
Testo e musica di Fabrizio De André e Ivano Fossati
Lyrics and music by Fabrizio De André and Ivano Fossati
Album: “Anime salve”

Alvaro Mutis

Alvaro Mutis

L’ultima canzone dell’ultimo disco di Fabrizio De André, Anime Salve (1996). Smisurata preghiera (ispirata dal “Gabbiere” di Alvaro Mutis) è invece secondo me non solo la somma dei percorsi del disco, ma anche di quelli della vita poetica di De Andrè. Fortissima la presenza di Mutis qui ripreso sia per la “Preghiera” di Maqroll, che al contrario recita “Ricorda Signore che il tuo servo ha osservato pazientemente le leggi del branco. Non dimenticare il suo volto”, sia in più punti, a partire da quel “gli elementi del disastro” che ricorda appunto una delle raccolte più note del poeta. Ma De Andrè attraverso la poesia stavolta ci offre un vero, grande affresco a tinte forte della solitudine libera e scelta, presupposto necessario per “consegnare alla morte una goccia di splendore, di umanità”, perché l’uomo è individuo non esaltato dalla massa, dalla folla, dalla maggioranza, ma da essa annullato, appiattito, reso schiavo e complice di naufragi, scandali, disastri. Una condizione questa che necessita forza, tenacia (“direzione ostinata e contraria”) ma sembra garantire soltanto una vita disagevole ed emarginata (“nel vomito dei respinti”, “marchio speciale di speciale disperazione”). Quand’ecco, almeno alla fine, la speranza che la fortuna faccia il suo dovere ed aiuti i figli (di Dio) disobbedienti alle leggi del branco, restando comunque questa un’anomalia. È secondo me LA canzone di De Andrè, nella quale possiamo leggere il punto di vista dell’autore maturato in tanti anni, apparsoci frammentato in tante canzoni non soltanto in questo album, e qui riunito in un ideale “manifesto” comunque molto bello e poetico malgrado questa sua natura, se si vuole libertario o anarchico, la definizione non è forzata, ma soprattutto inno alla libertà e alla solitudine come scelta in una società statalista e massificata.
(Federico Moss)

Smisurata preghiera è l’epitome del disco, la summa dei tracciati che lo percorrono. Ed è ancora un affresco sulle minoranze, sulla necessità di difendersi da parte di chi non accetta “le leggi del branco”, su coloro insomma che devono pagare per difendere la propria dignità: gli unici che
attraversando l’emarginazione e la solitudine riescono ancora a “consegnare alla morte una goccia di splendore”.
[In Doriano Fasoli, Fabrizio De André. Passaggi di tempo, p. 77]

Smisurata preghiera […] è una specie di salmo di invocazione e di imprecazione sulle minoranze. Ed è costruita a partire da testi di Alvaro Mutis, che in un’intervista televisiva ha dichiarato che occorre un talento straordinario per sintetizzare un’intera opera in una sola canzone.
[Alessandro Gennari, in Le mie note a margine (intervista a F. De André)]

 

Fabrizio De André – voce
Elio Rivagli – batteria
Naco – djembé, talking tablim e shaker
Alberto Tafuri – pianoforte e tastiera
Pier Michelatti – basso
Franco Mussida – chitarra classica
Mario Arcari – mancoseddas
Riccardo Tesi – organetto
“Il Quartettone” – orchestra d’archi
Carlo De Martini – direzione d’orchestra

 

 

“Partiamo proprio da Mutis. Come è arrivato a conoscerlo?”.

“Per una di quelle gradevoli coincidenze che il destino, ogni tanto, si diverte a mettere in scena. Nel 1991 il mio amico Vittorio Bo mi regalò un romanzo, La nave dell’ammiraglio, che trovai semplicemente straordinario. Allora cominciai a divorare tutti gli altri suoi scritti, e quando arrivai alla raccolta di poesie Summa di Maqroll-il gabbiere presi il coraggio a quattro mani: gli domandai se avesse nulla in contrario a che mi appropriassi di qualche pezzo pregiato della sua sterminata gioielleria, per incastonarlo in una canzone che avevo in mente. In questo modo è nata Smisurata preghiera, e devo confessare che mai parto fu tanto soddisfacente”.

Intervista di F. De André con A. Podestà (L’Espresso, 18 settembre 1996)

Faber

«L’ultima canzone dell’album è una specie di riassunto dell’album stesso: è una preghiera, una sorta di invocazione… un’invocazione ad un’entità parentale, come se fosse una mamma, un papà molto più grandi, molto più potenti. Noi di solito identifichiamo queste entità parentali, immaginate così potentissime come una divinità; le chiamiamo Dio, le chiamiamo Signore, la Madonna. In questo caso l’invocazione è perché si accorgano di tutti i torti che hanno subito le minoranze da parte delle maggioranze.

Le maggioranze hanno la cattiva abitudine di guardarsi alle spalle e di contarsi … dire “Siamo 600 milioni, un miliardo e 200 milioni…” e, approfittando del fatto di essere così numerose, pensano di poter essere in grado, di avere il diritto, soprattutto, di vessare, di umiliare le minoranze.
La preghiera, l’invocazione, si chiama “smisurata” proprio perché fuori misura e quindi probabilmente non sarà ascoltata da nessuno, ma noi ci proviamo lo stesso.»
(Presentazione dello stesso De André durante un concerto)

 

CANZONI CONTRO LA GUERRA

https://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=3457&lang=it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *