ICONA NEWS, 31-01-2019 ore 17,07 :: MANLIO DI STEFANO (M5S) E’ CONTRO IL RICONOSCIMENTO UE A GUAIDO’ PER IL PRINCIPIO DI NON INGERENZA RICONOSCIUTO ANCHE NALL’ONU // TUTTO DIVERSO IL DISCORSO DEL NOSTRO MINISTRO DEGLI ESTERI MOAVERO : ” L’ITALIA E’ PERFETTAMENTE IN LINEA CON LE NAZIONI EUROPEE “

 

 

 

ICONA NEWS–31-01-2019, ore 17:07

 

 

Venezuela, l’Italia non riconosce Guaidò

VENEZUELA, L’ITALIA NON RICONOSCE GUAIDÒ

Il sottosegretario agli Esteri del M5s commenta la decisione del Parlamento Ue

L’Italia non riconosce l’autoproclamato presidente del Venezuela Juan Guaidò. Lo ha dichiarato il sottosegretario agli Esteri Manlio Di Stefano (M5s). “Siamo totalmente contrari al fatto che un Paese, o un insieme di Paesi terzi, possa determinare le politiche interne in un altro Paese. Si chiama principio di non ingerenza ed è riconosciuto dalle Nazioni Unite”.

L’annuncio arriva dopo la decisione del Parlamento europeo, riunitosi oggi, a favore della risoluzione che riconosce Juan Guaidò come presidente legittimo ad interim del Venezuela.
La Francia, invece, ha confermato di voler “riconoscere” l’oppositore venezuelano Juan Guaidò come “presidente ad interim” del Venezuela se non verranno annunciate elezioni entro domenica. Ad annunciarlo è stato il primo ministro Edouard Philippe in Parlamento, aggiungendo che il riconoscimento avverrà “in pieno coordinamento con i nostri partner europei, con la Germania, con la Spagna, con la Gran Bretagna”

 

Condividi

One Response to ICONA NEWS, 31-01-2019 ore 17,07 :: MANLIO DI STEFANO (M5S) E’ CONTRO IL RICONOSCIMENTO UE A GUAIDO’ PER IL PRINCIPIO DI NON INGERENZA RICONOSCIUTO ANCHE NALL’ONU // TUTTO DIVERSO IL DISCORSO DEL NOSTRO MINISTRO DEGLI ESTERI MOAVERO : ” L’ITALIA E’ PERFETTAMENTE IN LINEA CON LE NAZIONI EUROPEE “

  1. Donatella scrive:

    Mi sembra più prudente la non ingerenza, anche perché abbiamo sotto gli occhi i risultati dell’ingerenza ( che comunque c’è, anche se non apertamente dichiarata). Pensiamo solo a cosa ha portato l’ingerenza di Unione Sovietica e Stati Uniti nello stato dell’ Afganistan.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *