FAUSTO CIGLIANO E MAURO GANGI, UNA BELLA VERSIONE DI ” FENESTA VASCIA ” ( CANZONE DEL 1500) –vedi testo e traduzione — notizie dalla storia della canzone napoletana

 

Fenesta Vascia

Parole di Giulio Genoino (Frattamaggiore, 1773; Napoli, 1856).
Musica di Guglielmo Cottrau (Parigi, 1797, Napoli, 1847).
Composta nel 1825, pubblicata dalla Casa Editrice Girard.Fenesta Vascia è una Canzone del 1500, sopravvissuta nella trascrizione di Guglielmo Cottrau. Questo padre della Canzone Napoletana moderna affidò il testo al poeta Giulio Genoino, che rispettò fedelmente i versi del 1500, adattandoli al napoletano del 1800. La poesia è in due ottave di endecasillabi, in rima alternata ABABABAB. La musica fu scritta in origine per il calascione, cioé un tipo di liuto, sostituito poi dal mandolino.

 

 

 

TESTO DELLA CANZONE

 

in napoletano

Fenesta vascia ‘e padrona crudele,
quanta suspire mm’haje fatto jettare!…
Mm’arde stu core, comm’a na cannela,
bella, quanno te sento annommenare!
Oje piglia la ‘sperienza de la neve!
La neve è fredda e se fa maniare…
e tu comme si’ tanta aspra e crudele?!
Muorto mme vide e nun mme vuó’ ajutare!?…

Vurría addeventare nu’ picciuotto,
cu na langella a ghire vennenn’acqua,
Pe’ mme ne jí pe chisti palazzuotte:
Belli ffemmene meje, ah! Chi vó’ acqua…
S’affaccia na nennella da llá ‘ncoppa:
Chi è ‘stu ninno ca va vennenn’acqua?
E io risponno, co parole accorte:
Só’ lacreme d’ammore e nunn’è acqua!…

traduzione

Finestra bassa di una padrona crudele,
quanti sospiri mi hai fatto sprecare!…
Questo cuore m’arde come una candela,
bella, quando ti sento nominare!
Sù, prendi ad esempio la neve!
La neve è fredda ma si fa accarezzare…
E tu perché sei così aspra e crudele?!
Mi vedi mezzo morto e non mi vuoi aiutare!?….

Vorrei diventare un bel garzone,
e andare con la brocca a vender l’acqua,
e poter gridar tra questi palazzi
“Donne mie belle, ah! chi vuole l’acqua…”
Si affaccia una ragazza lassù in alto:
“Chi è il bel garzone che vende l’acqua?”
Le risponderei con parole accorte:
“Sono lacrime d’amore, non è acqua!

https://www.italianopera.org/Canzone/Napoletana/FenestaVascia.html

 

 

Una risposta a FAUSTO CIGLIANO E MAURO GANGI, UNA BELLA VERSIONE DI ” FENESTA VASCIA ” ( CANZONE DEL 1500) –vedi testo e traduzione — notizie dalla storia della canzone napoletana

  1. Donatella D'imporzano scrive:

    Le canzoni napoletane, soprattutto quelle più antiche ma non solo, hanno qualcosa di struggente, che ti smuove il cuore e ti rimanda ad un languore primordiale, dove tutto, la vita stessa, ha inizio e fine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *